La focaccia : un preparato che va bene in tutte le occasioni

Tempo di preparazione:

La focaccia è un impasto base, realizzato con farina, acqua, sale e lievito, che può essere cotta sia in forno che alla brace. La sua bontà sta nell’essere soffice all’interno e croccante sui bordi, e nell’adattabilità: condita con ingredienti diversi, o semplice. Sarà sempre squisita!

È l’ideale per una merenda golosa, per un antipasto sfizioso o per un pranzo al volo.

Il termine focaccia deriva dal latino “focus”, propriamente “cotto al focolare”. Possiamo quindi intuire che fosse già nota al tempo degli antichi romani, quando infatti veniva offerta in dono agli Dei.

Durante il periodo rinascimentale era servita per le grandi feste, nei banchetti e durante i matrimoni. La sua fama, pertanto, continuò lungo i secoli, fino ad arrivare ad oggi.

Ma qual è la sua origine? Alcuni studiosi ritengono che sia stata ideata dai fornai, quando, durante le lunghe notti di lavoro, per mangiare qualcosa, infornavano direttamente pezzi di pasta non lievitata da gustare poi in compagnia.

Grazie alla semplicità della sua preparazione e al suo apporto energetico, era comunemente sfruttata da chi doveva affrontare lunghe traversate ed aveva bisogno di un alimento che fosse facilmente trasportabile.

 La focaccia per eccellenza: quella genovese! 

Sono sicura che tutti abbiate sentito parlare della regina delle focacce, la “fügássa” genovese.

Per i liguri, la focaccia non è solo il piatto tipico, è un alimento della cultura o della tradizione, che identifica le radici di una città e di una regione.

Camminando per le strade di Genova, ma anche di qualsiasi altra città ligure, non si può non restare inebriati dal profumo di focaccia appena sfornata.

Le origini della vera focaccia genovese risalgono ai tempi antichi, ma si dice che nel ‘500 si usasse consumarla prevalentemente durante la celebrazione della messa, finché, il Vescovo Matteo Gambaro, non decise che era impossibile svolgere una funzione religiosa mentre tutti mangiavano, e ne vietò quindi il consumo in chiesa.

La vera focaccia, protetta dal “Consorzio di Tutela della Vera Focaccia Genovese”, deve risultare al tempo stesso croccante, morbida, friabile e lucida d’olio.

Non è un mix perfetto?

Se non avete tempo e modo per fare la focaccia trovate sul mercato la base pronta di Exquisa che è facilissima da preparare; 

Iniziate preriscaldando il forno a 190°C se utilizzate la modalità ventilata, oppure a 200 °C se preferite l’impostazione forno statico.

Nel frattempo srotolate la base per focaccia e lasciatela riposare per almeno un quarto d’ora.

Trascorsi 15 minuti, stendete nella teglia l’impasto e, con l’aiuto di una forchetta praticare dei piccoli fori sulla superficie.

Condite la focaccia con olio extravergine di oliva e gli ingredienti scelti

Infornate e fate cuocere per circa 14-15 minuti.

A cottura ultimata, sfornate ed impiattate a piacere.

Ed ecco alcune semplici ricette preparate con questa base senza grassi idrogenati, senza conservanti, senza  coloranti e senza lattosio. Adatta a vegani e vegetariani

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *