Confettura di mirtilli speziata, per un Natale dolce…

confettura di mirtilli speziata
Commenti: 0 - Stampa

Fai o fatti un regalo: la confettura di mirtilli speziata

Natale significa anche corsa ai regali. Se quest’anno siete a corto di idee ma coltivate comunque un forte desiderio di sorprendere i vostri cari e/o i vostri amici con un cadeau originale, siete nel posto giusto! Un pensiero dolce che stuzzica il palato e riappacifica i sensi è sicuramente la mia ricetta di oggi: la confettura di mirtilli speziata.

Una volta pronta, potrete disporla in deliziosi vasetti, da voi decorati a mano e impreziositi con centrini o fiocchetti colorati. Questo Natale, regalate una confettura di mirtilli speziata, ve ne saranno tutti riconoscenti!

Mirtilli, che bontà!

Il mirtillo (Vaccinium Myrtillus) è una pianta che appartiene alla famiglia delle Ericacee. Le bacche del mirtillo nero contengono molti acidi organici (malico, citrico ecc.), zuccheri, tannini, pectina, le vitamine A, C e, in quantità minore, la vitamina B (B1, B2), PP, sali minerali essenziali per l’organismo (calcio, fosforo, ferro, sodio e potassio), e i glucosidi antocianici (mirtillina).

Questi ultimi oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e rafforzano la struttura del tessuto connettivo. Questi principi contenuti nel fitocomplesso le conferiscono la proprietà capillaroprotettrice, rendendola adatta al trattamento dei disturbi circolatori, specie di origine venosa e in tutti i casi di fragilità capillare, soprattutto a carico della retina.

confettura di mirtilli speziata

A questo proposito, le antocianine (antiossidanti) favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica degli occhi, che è il pigmento della retina, essenziale per la visione in condizioni di scarsa luminosità, acuendo la vista specialmente la sera, quando c’è poca luce. Le antocianine del mirtillo hanno anche un effetto antisettico utile nel trattamento della diarrea, delle coliche dolorose addominali e delle cistiti.

Prepariamo la confettura di mirtilli speziata

La confettura di mirtilli speziata è ottima da servire con pane tostato, biscottini di frolla, ed anche per farcire qualche dolce. Può accompagnare egregiamente anche dei formaggi freschi o stagionati. Si conserva ben chiusa in luogo fresco e secco: una volta aperta va tenuta in frigorifero e consumata velocemente. Che cosa aspettate? Scoprite con me come preparare la confettura di mirtilli speziata in occasione delle festività natalizie.

Ed ecco la ricetta della confettura di mirtilli speziata

Ingredienti per 4 vasetti:

  • 500 gr mirtilli freschi
  • 300 gr zucchero di canna
  • 3 chiodi di garofano
  • 2 bacche di anice stellato
  • 1 stecca di cannella (se piccoline, 2)
  • 1 limone

Preparazione

Lavate i mirtilli, asciugateli delicatamente con un canovaccio e metteteli in una pentola dai bordi alti e dal fondo spesso;

unite il succo di limone e lo zucchero, mescolate bene e lasciate insaporire in frigorifero per qualche ora.

Mettete le spezie in una piccola garza e legatela con uno spago alimentare, poi aggiungetele alla frutta nella pentola.

Accendete il fuoco e iniziate la cottura portando prima a ebollizione, poi abbassando la fiamma e continuando a cuocere per circa una trentina/quarantina di minuti, sempre mescolando e schiumando con un mestolo forato, nel caso di formazione di schiuma in superficie.

La confettura si dovrà rapprendere ma rimanere comunque morbida, vi consiglio di fare la prova del piattino per vedere se è pronta;

mettete un piattino da caffè in freezer per diversi minuti, poi toglietelo e fate scivolare sopra la sua superficie un goccio di confettura bollente: se si rapprende è pronta, se invece scivola via ancora troppo liquida, proseguite la cottura per altri minuti.

Una volta raggiunta la giusta consistenza, spegnete il fuoco, eliminate la garzina con le spezie all’interno ed  invasate in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati ed asciugati.

Avvitate e chiudete ben bene i tappi, poi capovolgete per creare il sottovuoto, lasciando i vasetti così fino a completo raffreddamento (io li lascio sempre circa 24 ore).

Decorate i tappi con qualche centrino e nastro colorato, mettete una bella etichetta scritta a mano e regalate ad amici e parenti!

Buon degustazione!

5/5 (498 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-11-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti