logo_print

Spaghetti con brodo di funghi shitake: cucina naturale!

Spaghetti con brodo di funghi shitake
Stampa

Di primi piatti sani ne esistono davvero tanti. Tuttavia, oggi vogliamo portare nelle vostre case una ricettina davvero particolare realizzata con un tipo di pasta che lo è altrettanto: gli spaghetti di lenticchie. Questo legume si presta a preparazioni semplici e naturali, ma anche creative se vogliamo impiegare un po’ di immaginazione. In sostanza, andiamo a impiegare ingredienti preziosi per una alimentazione sana mettendoci tutta la fantasia possibile!

Apparentemente potrebbe sembrare un piatto più adatto all’inverno o all’autunno, tuttavia, i nostri Spaghetti con brodo di funghi shitake essendo estremamente ricchi di Sali minerali (ne sono pieni sia la lenticchia che i funghi shitake) sono particolarmente utili dal punto di vista fisiologico in quanto compensano le perdite di minerali dovute al caldo per via della maggiore sudorazione.

Lenticchie gialle: vero oro in tutti i sensi

Le proprietà nutrizionali delle lenticchie sono così eccellenti che il minimo che si possa fare è di consumarle con maggiore regolarità, inserendole nella dieta lì dove possibile in sostituzione delle proteine animali. Questi Spaghetti con brodo di funghi shitake si fanno così ricche di proteine “buone” e carboidrati complessi, nonché di un buon carico di fibre che purificano il nostro organismo e di facile digeribilità.

Questo primo piatto gode di un elevato apporto di ferro e di altri sali minerali ed è di contro privo di grassi saturi, di colesterolo e di glutine, così rendendosi adatto anche ai celiaci. In luogo della classica pasta di grano abbiamo pensato a questo tipo di pasta alle lenticchie proprio per poter renderne accessibile il consumo anche a chi deve seguire una dieta gluten free ma non per questo meno ricca e genuina.

Spaghetti con brodo di funghi shitake @ Andrea Fongo | www.andreafongo.com

L’ingrediente segreto degli Spaghetti con brodo di funghi shitake

Tra gli ingredienti che abbiamo scelto per la preparazione di questi spaghetti vi è un fungo commestibile nativo dell’Asia orientale dal sapore intenso e dalla consistenza corposa e succosa: il fungo shitake…il candidato ideale per accompagnare i nostri Spaghetti con brodo di funghi shitake che si arricchiscono così di buone sostanze tutte made in Oriente.

In questo primo trionfa la presenza di questi funghi ottimi in cucina e alleati del benessere che regalano molti vantaggi a chi li consuma essendo in grado di potenziare il sistema immunitario e di garantire al nostro organismo una forte difesa contro i tumori. Ai funghi shiitake vengono associate anche delle importanti proprietà epatoprotettive di cui possiamo fare quindi tesoro tramite la preparazione di questi buonissimi spaghetti. Buon appetito a tutti!

Ed ecco la ricetta degli Spaghetti con brodo di funghi shitake

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di spaghetti di lenticchie gialle
  • 400 gr di funghi shiitake
  • un cipollotto
  • una carota
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • qualche grano di pepe di Timut
  • 4 foglie di spinacino
  • q.b. sale

Preparazione

Ammollate i funghi shiitake in acqua tiepida per circa 4 ore, tenendo la temperatura dell’acqua costante il più possibile. Dovranno essere reidratati, ma non perdere la consistenza.

Versate in una pentolai ½ lt di acqua fredda, il cipollotto, la carota, lo spicchio d’aglio sbucciato e i funghi reidratati. Cuocete pe circa 2 ore a una temperatura non superiore agli 80°.

Circa 20 minuti prima della fine della cottura aggiungere il pepe.

Cuocere in acqua salata gli spaghetti al dente. Scolate i funghi e tenere da parte il brodetto.

Saltare gli spaghetti con olio extravergine e i funghi.

Servite versando in ogni piatto il brodetto e decorate con una foglia di spinacino fresco.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


06-06-2018
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti