La gustosa salsa Chutney di mango si prepara così…

Chutney di mango
Commenti: 0 - Stampa

Avete mai assaporato la salsa Chutney di mango? Dovreste provarla al più presto!. Direttamente dalle tavole indiane arriva il Chutney: una prelibata salsa agrodolce che spesso accompagna il curry, nonché altre ricette tradizionali della cucina indiana, in accostamento a riso e carne. Una delle versioni più apprezzate è proprio la salsa Chutney di mango. Il suo sapore si abbina molto bene anche a formaggi, pesce e verdure… I chutney posso essere preparati con frutta e verdura di vario genere.

Ad oggi, possiamo trovare questa salsa anche in alcuni supermercati ma, una preparazione homemade è sempre la soluzione migliore: richiede poco tempo, non sono indispensabili grandi doti culinarie, possiamo optare per ingredienti di qualità e, in cambio, la Chutney di mango ci regala tanta bontà e soddisfazione. Siete curiosi di conoscerla e assaporarla?

Un concentrato di nutrienti… tutto da assaporare!

L’ingrediente principe della ricetta della salsa Chutney di mango è appunto questo goloso frutto esotico: fresco, dolce, ricco di vitamina A e ideale per contrastare la ritenzione idrica, la stitichezza e lo stress. È anche carico di minerali, tra cui ferro, calcio, potassio, fosforo e magnesio; e di altre vitamine: quelle del gruppo B, la C, la D, la E, la K e la J. Propone anche una buona dose di un antiossidante di nome lupeol, capace di apportare benefici al colon e al pancreas (secondo alcuni studi in atto, assicura un valido effetto antitumorale).

Chutney di mango

Il mango contiene altre sostanze che svolgono un’azione diuretica e lassativa, e che si presentano come un perfetto e funzionale ricostituente naturale. Al contrario di quanto si pensa, questo frutto protagonista della ricetta della salsa Chutney di mango non è molto calorico: propone 55 calorie per 100 grammi di polpa. Pertanto, è un alimento idoneo persino per chi segue una dieta ipocalorica. Tuttavia, dato il suo elevato contenuto di zuccheri, non è un frutto adatto a coloro che soffrono di diabete.

E che dire degli altri preziosi ingredienti del Chutney di mango?

È utile considerarne un paio in particolare: si uniscono al mango l’amatissimo zenzero, antinfiammatorio naturale e decongestionante; e il peperoncino, ricco di vitamina C e perfetto per migliorare la circolazione sanguigna, stimolare il metabolismo e donare alla nostra salsa Chutney di mango quel sapore piccantino e sfizioso, che rende ogni piatto ancora più speciale.

Sicuramente, abbiamo tante buone ragioni per provare questo delizioso preparato che, tra l’altro, è molto semplice da portare in tavola. Se lo desiderate, potrete preparare una scorta di questa prelibata Chutney di mango, conservarla a dovere e, all’occorrenza, utilizzarla per servire ai vostri ospiti persino delle semplici tartine, perfette per un aperitivo originale… dal sapore esotico!

Ed ecco la ricetta del Chutney di mango

Ingredienti :

  • 1 Mango non troppo maturo,
  • 4 cucchiai di aceto di mele,
  • 1 cucchiaio di succo di limone,
  • 40 gr. di zucchero di canna grezzo,
  • un pezzo di zenzero lungo 3 cm,
  • un cucchiaio di semi di coriandolo e semi di senape,
  • 1/2 peperoncino rosso piccante,
  • 2 chiodi di garofano,
  • qualche grano di pepe di Timut

Preparazione:

Lavate con cura il mango, asciugatelo, appoggiatelo si di un tagliere sul lato lungo e con un coltello bene affilato dividetelo in due parti  tagliandolo lateralmente al nocciolo.

Con la punta del coltello scavate attorno al nocciolo e toglietelo. Incidete quindi la polpa del mango a cubetti,  senza però arrivare alla buccia, con le dita premete la buccia e la polpa si staccherà, se avete difficoltà aiutatevi col coltello.

In una casseruola antiaderente, dal fondo spesso, versate l’aceto, il succo di limone e lo zucchero, portate ad ebollizione e fateli cuocere per tre minuti poi aggiungete  la polpa di mango, il peperoncino tagliato a pezzetti e privato dei semi, lo zenzero fresco grattugiato ,i chiodi di garofano,  la senape, il coriandolo e qualche grano di pepe di Timut.

Mescolate e fate cuocere per una mezz’ora, girando di tanto in tanto,  e comunque , finché la frutta raggiunge la consistenza di una marmellata.

E’ un ottima salsa agrodolce adatta ad accompagnare i piatti di carne.

1.5/5 (2 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Salsa verde per bollito

Salsa verde per bollito, un condimento rustico e...

Salsa verde per bollito, gli utilizzi in cucina La salsa verde per bollito di carne è un condimento presente in molti paesi e che indica un insieme di preparazioni, più che una ricetta in...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

Salsa al mango

Salsa al mango, un intingolo perfetto per ogni...

Come si consuma il salsa al mango? La salsa al mango per accompagnare i vostri piatti. Certo diversa dal solito, anche perché gioca sull’agrodolce e propone, accanto ai sentori forti della salsa...

Dressing con fiori di camomilla

Dressing alla camomilla, una salsina multiuso

Dressing alla camomilla , un condimento originale Il dressing alla camomilla è un salsina molto particolare, che si caratterizza per un sapore tra l’aromatico, il salato e il dolciastro. In un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti