Insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo

insalatina di farro con sedano
Commenti: 0 - Stampa

Un antipasto dall’effetto chic

L’insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo è un antipasto sfizioso e particolare che non può mancare in un menu Pasquale che vuole colpire gli invitati con un effetto scenografico dai colori primaverili. Questa ricetta, infatti, non solo esprime vitalità per i suoi colori, ma è molto leggera grazie alla presenza di ingredienti come il farro e il sedano.

Inoltre, servirla per prima come antipasto fa in modo che i commensali possano gustare anche i piatti successivi senza sentirsi troppo pieni. L’Insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo è un piatto da cucinare velocemente, basteranno pochi minuti e anche chi non è molto abituato a stare dietro ai fornelli farà un figurone, persino con le decorazioni.

Il farro: è veramente un toccasana?

In questa ricetta l’elemento principe è costituito dal farro la cui storia affonda le radici nell’età neolitica. Oggi, però, la produzione del farro è associata all’agricoltura biologica e se ne consuma molto. L’Insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo contiene, quindi, un elemento molto proteico che è ricco di fibre ma anche di proteine e di vitamine del gruppo B. Ma non abusate mai di farro perché, comunque, un consumo eccessivo potrebbe portare a problemi intestinali, come ad esempio le coliti.

L’Insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo è adatta a chi si trova in un regime dimagrante o a chi vuole combattere il colesterolo e il diabete. Ma è anche un piatto che favorisce la pulizia dell’intestino e la sua depurazione, pertanto è un toccasana per chi soffre di stitichezza. Se poi si vuole potenziare le proprietà depurative del farro, è possibile optare per quello integrale.

insalatina di farro con sedano

Consigli e abbinamenti per l’insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo

Questa gustosa e fresca ricetta, per rendere al meglio, non può che essere abbinata ad un vino pregiato che ne faccia risaltare il sapore. Trattandosi di un piatto ricco di fibre cereali, bisognerebbe scegliere un vino dal profumo intenso. Perciò, l’insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo si abbina bene con vini corposi, di solito rossi. Però, visto che questo piatto è un antipasto, il consiglio è quello di abbinarlo a vini bianchi freschi e giovani ma anche a vini rosati leggermente frizzanti perché il farro è composto principalmente da amido che ha un sapore dolciastro.

L’insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo va adagiata sul piatto componendo una decorazione colorata su cui magari poter stendere anche una glassa di aceto balsamico oppure anche dei germogli di soia o ancora una salsa di arancia o salsa di vino rosso a base di carne brasata che ben si sposa con questo succulento piatto.

Ed ecco la ricette dell’ Insalatina di farro con sedano croccante e tuorlo d’uovo

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di farro decorticato
  • 1 cipolla di Tropea piuttosto grossa
  • 2 carote
  • 1 gambo di sedano e un cuore
  • 2 zucchine
  • 10 asparagi
  • 2 uova
  • 50 gr. di zucchero di canna grezzo
  • 60 ml di aceto di mele
  • 80 ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. di sale e pepe macinato fresco

Preparazione:

Lavate il farro sotto l’acqua corrente per eliminare tutte le impurità poi mettetelo in un recipiente coperto d’acqua e lasciatelo in ammollo per tutta la notte.

Fatelo poi cuocere in abbondante acqua salata per almeno 1 ora,  poi scolatelo al dente.

Lavate il sedano togliendo la parte filamentosa, poi tagliatelo a dadini e mettetelo  in acqua molto fredda per un quarto d’ora.

Lavate e tagliate a dadini le carote, le zucchine e gli asparagi e  fateli saltare per 5 minuti in una padella  antiaderente con un filo d’olio .

Affettate finemente la cipolla, mettetela in una padella con un filo d’olio e fatela rosolare per alcuni minuti. In una ciotola versate l’acqua, l’aceto di mele e lo zucchero, mescolate e  poi versate questa miscela sulle cipolle e fatele cuocere, lasciandole però ancora croccantine.

Mettete le uova in una casseruola con abbondante acqua, portatele ad ebollizione e fatele cuocere per 9 minuti, poi  mettete la casseruola sotto l’acqua corrente fredda per bloccare la cottura delle uova e lasciatevele  fino a quando saranno fredde, poi sbattetele delicatamente sul piano da lavoro  e rimuovete  il guscio e la membrana rompere l’albume e il tuorlo. Tagliatele poi a metà, estraete il tuorlo e sbriciolatele.

In una terrina mettete  il farro, conditelo con le verdure, il sedano croccante scolato, e 3/4 delle cipolle in agrodolce. Mescolate, regolate di sale, aggiungete una macinata di pepe fresco e un filo d’olio.

Impiattate utilizzando un coppapasta e completate il piatto con le restanti cipolle e il tuorlo d’uovo sbriciolato .

5/5 (468 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale e sono molto facili da preparare. Le uova sono uno degli alimenti simbolo...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti