Crema pasticcera vegan al limone: più leggera

crema pasticcera vegan al limone
Commenti: 0 - Stampa

Crema pasticcera vegan al limone, un’alternativa deliziosa

Per chi decide di intraprendere le abitudini alimentari di “stampo” vegano, la crema pasticcera vegan al limone rappresenta una tanto valida quanto gustosa opzione. Ovviamente, si rivela persino una soluzione perfetta per chi purtroppo è intollerante al lattosio e al glutine . La setosità della crema e la sua delicata dolcezza rimangono le stesse, il tutto avvolto armoniosamente da un aroma particolare, quello del limone, che esalta le qualità organolettiche di questo dessert.

Se amate i dolci, ma volete prestare particolare attenzione alla salute e alla vostra selezione culinaria, sappiate che questa delizia costituisce una scelta assolutamente funzionale e capace di rispondere a ogni singola esigenza.

Ma riguardo ai principi nutritivi? Di seguito, troverete tutto quello che dovreste sapere a proposito di questa ghiotta e appetitosa preparazione!

Dolce e non solo…

Uno degli ingredienti principali di questo dessert è il limone, agrume dalla cromaticità giallastra, famoso e rinomato per le sue molteplici proprietà benefiche. Ma quali sono? In primis, è importante precisare che tale alimento, oltre a possedere un apporto calorico minimo, è quasi completamente privo di grassi. L’apporto di potassio rende il limone un efficace integratore alimentare, soprattutto in una stagione come quella estiva nella quale perdiamo molti sali minerali.

Altro importante componente di questo agrume è ovviamente la vitamina C, presente in grande quantità e responsabile del buon funzionamento del sistema immunitario. Pertanto, questa crema pasticcera vegan al limone è il dolce perfetto anche nelle stagioni in cui i malanni sono sempre alle porte. La vitamina C facilita altresì la produzione del collagene, utile per tutti coloro che desiderano avere una pelle sempre bella e tonica.

Sembra che, soprattutto nella buccia (che andremo ad usare), tale alimento contenga una sostanza chiamata limonene, che secondo alcuni studi svolge un’importante funzione antitumorale, vista la sua propensione nell’impedire la produzione dei pericolosi radicali liberi. In questa ricetta, andremo ad utilizzare inoltre la bevanda di riso, un dolce e valido sostituto del latte vaccino, e lo zucchero di canna: entrambi ingredienti molto genuini ed energetici.

Diamo colore alla nostra crema pasticcera vegan al limone!

Per dare il tipico colore giallo alla crema, che nel dessert tradizionale è dato dal tuorlo dell’uovo, useremo lo zafferano o la curcuma, due potenti antiossidanti e antinfiammatori. Lo zafferano possiamo definirlo “la spezia della felicità”, in quanto promuove il buonumore (e non solo), e la curcuma è un valido antibiotico naturale. Perciò, qualunque sia la vostra scelta… sarà un successo! Ovviamente, in base alle vostre preferenze in fatto di gusto potrete utilizzare l’ingrediente che più vi piace.

La crema pasticcera vegan al limone, oltre che una deliziosa guarnizione per dolci, è anche un gran dessert da sola, magari servita in un bicchierino monoporzione e accompagnata da qualche frutto di bosco. Quest’ultimo si rivelerà un tocco di classe a cinque stelle, sia per quanto riguarda il gusto che l’impatto estetico!

Ingredienti

  • 350 ml di bevanda di riso Granarolo
  • 50 gr. di zucchero di canna
  • 35 gr. di maizena
  • scorza di limone non trattato
  • 1 cucchiaino di curcuma

Preparazione

Lavate un limone e rimuovete una parte di scorza, evitando la parte bianca che è amara.

Versate il latte di riso in un pentolino e versate a pioggia la maizena. Mescolate con il frustino ed aromatizzate con una grattugiata della scorza di limone: portate quasi ad ebollizione. In seguito, unite lo zucchero di canna e un la curcuma.

Mescolate bene, coprite con un foglio di pellicola trasparente a diretto contatto (per prevenire la formazione della crosticina sulla crema). Lasciate intiepidire e servite a piacere.

5/5 (366 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Salsa verde per bollito

Salsa verde per bollito, un condimento rustico e...

Salsa verde per bollito, gli utilizzi in cucina La salsa verde per bollito di carne è un condimento presente in molti paesi e che indica un insieme di preparazioni, più che una ricetta in...

Passata di pomodoro

Passata di pomodoro per intolleranti al nichel

La passata di pomodoro, il simbolo della cucina italiana La passata di pomodoro è un po’ il simbolo della cucina italiana. E’ l’intingolo perfetto per gusto, impatto visivo, leggerezza e...

Salsa al mango

Salsa al mango, un intingolo perfetto per ogni...

Come si consuma il salsa al mango? La salsa al mango per accompagnare i vostri piatti. Certo diversa dal solito, anche perché gioca sull’agrodolce e propone, accanto ai sentori forti della salsa...

Dressing con fiori di camomilla

Dressing alla camomilla, una salsina multiuso

Dressing alla camomilla , un condimento originale Il dressing alla camomilla è un salsina molto particolare, che si caratterizza per un sapore tra l’aromatico, il salato e il dolciastro. In un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-12-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti