Pizza con mix di farina di quinoa e ceci

pizza con farina di quinoa
Commenti: 6 - Stampa

Oggi vi parlo della Pizza con mix di farina di quinoa e ceci. Cucinare senza glutine e senza mix di farine preconfezionate può sembrare un’impresa complicata e senza via d’uscita per chi è alle prime armi. Ma non è cosi!!

Ecco perché oggi propongo un mix di farina di quinoa e ceci per fare una buona pizza senza glutine inusuale, ma molto buona. La sperimentazione in cucina non si ferma mai e ogni giorno si posso preparare buone ricette

Questo è uno di quegli impasti che sia per profumo che per il sapore parla di  bontà e genuinità!

Pizza con mix di farina di quinoa e ceci

La quinoa è una pianta antica, coltivata già 5000 anni fa nella zona delle Ande. Non contenendo glutine essa si presenta come un alimento adatto a chi soffre di celiachia o di intolleranza a questa sostanza, ma è allo stesso modo un prodotto dalle eccellenti proprietà per tutti, a prescindere dalla dieta.

Sono  numerosissime infatti le sue proprietà nutrizionali, in particolare è ricca di proteine, carboidrati, antiossidanti, amminoacidi e fibra alimentare. Con il suo consumo migliorano tutte le funzioni dell’organismo. C’è da sottolineare che questo alimento, oltre ad essere ipocalorico, riesce a fornire una grandissima quantità di energia senza appesantire.

La quinoa, derivando dalla stessa pianta degli spinaci, non è un cereale ma può essere utilizzata alla pari di esso per la modalità con cui si cucina. I semi della quinoa sono ricoperti di una sostanza amara, la saponina, che li protegge dall’attacco degli uccelli.

Per questo motivo i suoi semi devono essere lavati molto bene prima della cottura. Nel  procedimento di cottura e per la consistenza può essere infatti paragonata al cous cous o ad altri cereali in grani.

pizza con farina di quinoa e ceci

È dunque molto versatile e può essere consumata sia calda che fredda (ottima quindi per tutte le stagioni) e la si può abbinare a molte pietanze andando alla scoperta sempre nuova di profumi e sapori.

Farai un figurone!

La possiamo cucinare abbinata a delle verdure di stagione oppure come un’insalata di riso fredda, sbizzarrendoci nell’aggiunta a piacere di frutta secca (noci, mandorle, pistacchi..), frutta fresca (datteri, avocado..) o altri semi. La si può consumare anche come un fresco secondo insieme al pesce o a carne bianca oppure abbinata ai legumi (fagioli neri, fagiolini..).

Con questo super alimento potrete divertirvi a provare ogni volta nuovi mix sperimentando sapori dal tono sempre diverso. Potrete anche aggiungere erbe aromatiche come la menta, il basilico, l’origano, oppure fiori (quelli commestibili di cui abbiamo parlato nelle altre ricette) o spezie come il peperoncino, la curcuma o il curry.

Con la quinoa si possono fare anche delle ottime polpette in sostituzione della carne oppure si possono preparare come un hamburger vegetariano. La ricetta che vi andiamo proponendo prevede l’impiego della quinoa come farina.

È un’opzione molto interessante per includere tutte le proprietà di questo alimento anche nei prodotti da forno. In questo caso basterà macinarla e poi mescolarla ad altre farine per la preparazione di pane, pasta, torte o biscotti. Andiamo a vedere  come fare una pizza spettacolare con la farina di quinoa!

Ingredienti per 4 persone

  • 350 gr. di farina di quinoa
  • 100 gr. di di farina di ceci
  • 30 gr. di lievito di birra
  • 200 gr di acqua tiepida
  • un pizzico di sale fino
  • q.b. olio d’oliva extravergine d’oliva

Preparazione

Impastate il tutto energeticamente, lasciate riposare per un paio d’ore almeno prima di stendere e condire a piacere. La cottura è a forno ben caldo (200-250°C) per circa 10-15 minuti.

3/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Pizza con mix di farina di quinoa e ceci

  • Mer 11 Apr 2018 | paolo ha detto:

    Gentile Signora,
    L’idea è belle comunque, credo di aver usato un po’ di pasta madre senza glutine, sto aspettando la lievitazione.
    Grazie e buona giornata.

    • Dom 29 Apr 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Paolo mi faccia sapere!

  • Mar 14 Ago 2018 | Rita ha detto:

    Buongiorno signora Tiziana ma lei ha detto che la quinoa contiene una sostanza che non ricordo bene mi sembra saponina e quindi va sciacquata bene sotto l’acqua come faccio a frullarla per formare la farina? Questa sostanza rimane. Grazie se mi risponderà

    • Gio 16 Ago 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve Rita l’informazione sulla saponina è corretta ed è essenziale, quando si acquista in grani, lavarla più volte. In questo caso ho utilizzato la farina già pronta.

  • Sab 6 Ott 2018 | Luca ha detto:

    Come essere sicuri che la farina di quinoa sia senza saponina?
    Le ditte produttrici dovrebbero riportare il trattamento saponina-free in etichetta.
    Questa procedura e’ in atto?

    • Sab 6 Ott 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Bella domanda! I produttori di farina di quinoa dovrebbero fare questa azione senza ombra di dubbio. Sottoporro’ la sua domanda a qualche produttore.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

Glassa a specchio

Glassa a specchio senza glutine e lattosio

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Pasta biscotto

Pasta biscotto, una base eccellente per dolci e...

Alcune importanti precisazioni sulla pasta biscotto La pasta biscotto è una preparazione che sembra facile ma occorre fare molta attenzione senza attingere ad un bagaglio di conoscenze sbagliato....

pane di castagne farcito

Pane con farina di castagne, una ricca merenda...

Pane con farina di castagne, merenda mediterranea e americana Il pane con farina di castagne e burro di arachidi, lo avrete capito già dal nome, non è un pane come tutti gli altri. A prescindere...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-11-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti