Tagliatelle di riso integrale al branzino

tagliatelle di riso integrale al branzino
Commenti: 0 - Stampa

Quando il sapore delle tagliatelle si unisce a quello del pesce

Le tagliatelle di riso integrale al branzino si rivelano un piatto estremamente gustoso, caratterizzato da un’intelligente combinazione di ingredienti e di sapori. Infatti, provando questa ricetta potrete godere della particolare consistenza della pasta integrale, delle peculiarità del branzino e del tocco orientale del curry. Per tutte queste ragioni, si tratta di un piatto molto amato, ma anche in grado di promuovere la nostra salute.

Pertanto, abbiamo pensato di proporvelo, raccontandovi anche i “retroscena” della ricetta: inizieremo dalle caratteristiche degli ingredienti e arriveremo fino alle modalità di preparazione, aiutandovi a portare in tavola un buonissimo piatto di tagliatelle di riso integrale  al branzino.

Le tagliatelle di riso integrale, la scelta giusta per un pieno di fibre e bontà

Anche se molti sono scettici a riguardo, la pasta integrale è particolarmente saporita ed è in grado di donare consistenza ad ogni piatto. Inoltre è molto più genuina rispetto a quella bianca, in quanto viene sottoposta a molte meno fasi di lavorazione e mantiene più integre le proprietà nutrizionali della materia prima dalla quale si ottiene la pasta: il grano. Pertanto, offre anche un maggiore apporto di fibre.

Queste ultime sono molto importanti per il nostro organismo: facilitano la digestione, migliorano le funzioni intestinali e prevengono tutti i disagi relativi al gonfiore addominale. Inoltre, le fibre si presentano come valide alleate del nostro corpo, anche per quanto riguarda l’assorbimento degli zuccheri e la regolarizzazione dei livelli di insulina. Per tutte queste ragioni, è consigliabile preferire non solo la pasta integrale, ma anche il pane e i cereali integrali.

Tutto il sapore del branzino

Al sapore unico delle tagliatelle integrali, potrete aggiungere anche quello del branzino. Quest’ultimo viene chiamato anche spigola ed è uno dei pesci di mare più gustosi e digeribili che abbiamo a disposizione. Questo pesce può pesare fino a 10 chili e raggiungere il metro di lunghezza, ma al supermercato possiamo trovare solitamente dei tranci che arrivano fino ad un chilo.

Per godere di un gusto autentico e di un’elevata qualità, il consiglio è di acquistare un trancio di branzino fresco, che presenterà una consistenza liscia e compatta, e una carne particolarmente bianca. L’area sotto le branchie, invece, dovrà essere rosata, mentre l’occhio del pesce (se presente) dovrà essere in rilievo.

Prestando attenzione a questi dettagli, potrete assicurarvi di portare nella vostra cucina un alimento davvero fresco, perfetto per la preparazione di antipasti e secondo piatti, ma anche per gustosi piatti di pasta, proprio come nel caso della nostra ricetta con le tagliatelle integrali. Una volta cucinato, il branzino non arrecherà problemi alla digestione e potrà valorizzare ogni vostro menu.

Salute nel piatto

Dovreste sapere che il consumo di questo pesce non comporta problemi relativi all’aumento di colesterolo, ma è opportuno considerare che i branzini da allevamento vengono sottoposti ad un’alimentazione che presenta un apporto di grassi superiore a quella alla quale tendenzialmente si sottopone un branzino selvatico. Pertanto, anche se questo non dovrebbe infierire troppo con i vostri livelli di colesterolo, il suggerimento è comunque quello di non eccedere con le porzioni.

Questo pesce presenta elevati livelli di minerali, come calcio, potassio, magnesio e fosforo, e di vitamina A e D. In questo modo, può fornire importanti benefici per la salute delle ossa, dei denti e della pelle, comportando anche miglioramenti per problemi di ipertensione, ritenzione idrica e stanchezza. Infine, è utile sapere che secondo uno studio effettuato alla McGill University, il consumo di branzino può contrastare il cancro alla prostata e rallentarne lo sviluppo.

Ed ecco la ricetta delle Tagliatelle di riso integrale al branzino

Ingredienti per 4 persone

  • 250 gr. di Tagliatelle a nido di riso integrale Zer%glutine 
  • 3 branzini (circa 400-500 g);
  • 2 cucchiaini di curry;
  • 2 scalogni;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 4 cucchiaini di prezzemolo tritato;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • brodo vegetale, sale marino integrale e pepe q.b.

Preparazione

Preparare le tagliatelle di riso integrale al branzino è molto semplice. Mentre aspettate che sia pronta la pasta, dovrete far rosolare l’aglio e gli scalogni tritati insieme ad un po’ d’olio. Dopodiché, potrete eliminare l’aglio, aggiungere il branzino tagliato a pezzettini e il curry. Dopo qualche minuto, sfumate il sughetto con un mestolino di brodo e fate cuocere per altri 10 minuti.

A questo punto, versate nel tegame le tagliatelle cotte al dente, spolverizzate con il prezzemolo tritato, e regolate sale e pepe. Fate saltare per meno di un minuto e servite in tavola: si rivelerà uno dei vostri primi di pesce più buoni di sempre!

5/5 (486 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-07-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti