Polvere di limone: l’ingrediente magico

Polvere di limone
Stampa

Facciamo il pieno di vitamine con la polvere di limone!

La polvere di limone, inutile dirlo, rappresenta un ingrediente che non può mancare nella cucina delle donne che amano allietare la tavola dei più golosi – bambini e mariti compresi – con dolci sani, genuini, preparati con le proprie mani. Non esiste dolce infornato che non ne preveda l’aggiunta.

Nella stagione più fredda ed umida dell’anno è davvero difficile rinunciare alla bontà di un pan brioche caldo e morbido al profumo di limone o ad una friabile crostata con confettura di limoni bio. Si tratta dei piccoli vantaggi che la brutta stagione fredda ci riserva e, proprio a proposito di brutta stagione, ecco l’ingrediente che assicura protezione e vitalità al nostro organismo: la vitamina C.

La carica della vitamina al profumo di agrumi

La polvere di limone assicura gusto, aroma, ma non è solo questo. Essa è, appunto, ricca di vitamina C, la quale contrasta l’invecchiamento, ostacolando l’azione degenerativa dei radicali liberi. Perché utilizzare degli integratori di vitamina C quando se ne può avere a portata di mano una comoda e pronta fonte del tutto naturale?

La polvere di limone si presta a tante e molteplici destinazioni e declinazioni, trattasi di una polvere, già pronta per l’uso, che a buon diritto può essere considerata magica perché ideale per conferire quel piacevole aroma di agrumi a preparazioni dolci e salate. Tagliatelle, pollo, pan brioche e dolci di vario genere: tutto può essere arricchito con questo apprezzatissimo ingrediente.

Conosciuto sin dai tempi più remoti per le sue proprietà aromatiche e terapeutiche, il limone, ormai entrato a pieno titolo tra gli agrumi più importanti della nostra dieta, è consigliato da medici di tutto il mondo in quanto strumento del tutto naturale utile alla difesa del nostro organismo.

Vitamina C e non solo con la polvere di limone

La polvere di limone è un prodotto biologico del tutto naturale, non a caso utilizzato da chi intenda realizzare delle preparazioni semplici, naturali, genuine e mantenere la consistenza dei dolci. Ottima alleata di chi intenda dar vita a varianti light, questa profumatissima polvere consente di conferire una nota piacevole anche a dolci in cui scarseggia lo zucchero.

La polvere di limone non prevede l’uso di conservanti, né di coloranti, né l’aggiunta di zuccheri. La sua realizzazione si rende possibile con l’uso di un solo ingrediente, i limoni appunto, la cui buccia viene sapientemente ricavata da questi profumatissimi agrumi e tagliata a striscioline.

Per essiccare adagiate su della carta forno le striscioline distanti tra loro e infornate a circa 60 gradi per 2 ore/2 ore e mezza.  Lasciate raffreddare prima di versare in un frullatore e azionare in maniera intermittente fino a ridurre tutto in polvere fine.

Versare la polvere su un foglio di carta forno per un’altra mezz’ora. Setacciate la polvere con un colino a maglia fine.

CONDIVIDI SU

Nota per l’intolleranza al nichel

Basso contenuto di nichel. Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


21-01-2017
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti