Il Limequat è un frutto che puoi coltivare anche a casa

Tra il Lime ed il Kumquat è scoppiato l’amore: il risultato è il Limequat

Il Limequat è un ibrido tra il Lime ed il Kumquat, un frutto dolce e arancione che ricorda vagamente un misto di limone ed arancia e che oggi viene coltivato principalmente in Cina. Le origini del limequat risalgono al 1909, quando l’americano Walter Swingle, botanico dipendente del dipartimento dell’agricoltura in Florida incrociò i due frutti. Ha il succo del lime, ma la forma e le qualità del kumquat. Esistono tre varianti: Eustis, Lakeland e Tavares. Curiosamente prendono il nome da tre città della Florida.

Il Limequat e la sua lenta maturazione

Il limequat è più resistente al freddo del lime, ma meno del kumquat. Il frutto matura durante il tardo autunno e l’inizio dell’inverno. Grande quanto il kumquat, ha le estremità ovali. Quando è maturo, il frutto è giallo-verde. Possiede grandi quantità di vitamina C. La pelle è sottile, fragrante e dolce, mentre l’interno è decisamente più aspro ed amaro. Questa antitesi di contrasti rende unico il gusto.

La pianta che produce questo frutto è di piccole dimensioni ed è simile ad un cespuglio. Le foglie hanno caratteristiche che ricordano quelle del limone. Produce frutti in abbondanza anche in giovane età. Oggigiorno cresce principalmente in Giappone, Israele, Spagna, Malesia, Sud Africa, Armenia, Gran Bretagna e negli stati caldi degli Stati Uniti.

Il Limequat: un frutto che si può coltivare anche a casa

Il limequat cresce sia in coltivazioni aperte che al chiuso, l’importante è che la temperatura sia costantemente tra i 10 ed i 30 gradi. Essendo di dimensione ridotta, la pianta può essere coltivata in contenitori. Per prosperare, necessità di un suolo fertile e asciutto dove non ci sia acqua ristagnante: per questo motivo si consiglia anche l’utilizzo della ghiaia. È possibile piantarla in qualsiasi periodo dell’anno, ma è da bagnare solamente lo stretto necessario. La pianta cresce lentamente e possono passare anche 7 mesi da quando inizia a germogliare a quando il frutto è pronto e maturo.

Dal dolce al saltato, dai primi ai dessert: il Limequat va bene su tutto

Il limequat è comune trovarlo nelle fiere americane, solitamente ricoperto da un fitto strato di caramello. Se vi capita di trovarvi negli USA in occasione di una festa di paese, andate alla ricerca di questo frutto e non resterete delusi. Nel caso appena descritto si mangia come dolce, ricoperto da uno strato di caramello, ma si tratta di un alimento versatile adatto a vari tipi di applicazioni culinarie. È infatti possibile tagliarlo ed aggiungerlo alle insalate o si usa per guarnire piatti e dessert.

Il limequat, però, può essere anche utilizzato come sostituto del limone o del lime stesso: il succo amaro è perfetto per tutti i piatti che richiedono uno di questi due ingredienti. Qualcuno lo aggiunge alle marmellate, per avere un gusto più deciso, altri preferiscono utilizzarlo proprio come elemento centrale per le confetture. Si abbina bene alla carne ed al pesce e non è da sottovalutare l’utilizzo all’interno dei cocktail.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *