Creme Brulée salata con parmigiano e finocchi

Creme Brulee al parmigiano
Commenti: 0 - Stampa

Cercate una ricetta da portare in tavola? Creme Brulée salata

Pensando alla classica Creme Brulée ci immaginiamo un dolce molto sfizioso, ma che dire della Creme Brulée salata al parmigiano e finocchi? Ovviamente, si tratta di una ricetta molto diversa, dolce e allo stesso tempo salata.

Nel mondo, esistono tante varianti della pietanza originale e ognuna di esse offre un sapore unico e ingredienti diversi. Pertanto, se avete voglia di provare qualcosa di nuovo e speciale, non sottovalutate questa ricetta, i cui protagonisti sono appunto il parmigiano e i finocchi.

Entrambi questi ingredienti si uniscono tra loro creando un abbraccio di sapori unico e capace di conquistare chiunque. Si tratta di un antipasto di classe o di un contorno perfetto per una cena speciale: in ogni eventualità, sarà possibile fare una bellissima figura e soddisfare ogni singolo ospite.

Detto questo, andiamo a fare un piccolo viaggio attraverso le curiosità e la storia della Creme Brulé, fino ad arrivare agli ingredienti della gustosa variante che vi proponiamo.

Creme Brulée salata al parmigiano: piatto che conquista le tavole

La classica Creme Brulée non è altro che un dessert che vanta le sue origini francesi, sia per il nome che per il successo che ha ottenuto in tutto il mondo.

Questa pietanza nasce nel XVII secolo ma, con il tempo, ha subito tante variazioni, finendo per offrirci i sapori di tante vecchie e nuove varianti. La traduzione letterale del nome è “crema bruciata” e questa denominazione è dovuta ad una specifica particolarità: la superficie croccante e caramellata.

Questa caratteristica principale è stata portata avanti nel tempo e vedrete che, anche nella Creme Brulée salata al parmigiano e finocchi, il croccante guscio caramellato è presente e mantiene fede alle sue origini.

Per quanto riguarda la ricetta originale, la pietanza viene cotta nel forno a bagnomaria oppure a fiamma viva. Nel nostro caso opteremo per il primo metodo che si rivela più lento, più delicato e ancor più capace di farci raggiungere il risultato desiderato commettendo meno errori possibile.

Mentre la classica Creme Brulée salata viene preparata con i tuorli d’uovo, lo zucchero, la panna e l’aroma di vaniglia, per la ricetta con il parmigiano e i finocchi, non andremo ad aromatizzare la crema con la vaniglia, ma useremo comunque i tuorli d’uovo, lo zucchero e la panna, un po’ di burro, lo scalogno, il sale, il pepe e, ovviamente, i due ingredienti protagonisti.

Creme Brulee al parmigianoGli alimenti della Creme Brulée salata al parmigiano e finocchi

Come avrete capito, stiamo parlando di una Creme Brulée molto diversa dall’originale, ma vi accorgerete che si tratta comunque di una “crema bruciata”. Al centro del gusto di questa pietanza, troverete il parmigiano e i finocchi: i due ingredienti d’eccellenza. Senza togliere niente agli altri alimenti utilizzati per questa ricetta, è utile pensare che sia il formaggio che l’ortaggio appena citati, hanno due sapori forti e capaci di “trascinare” l’intera pietanza, trasformandola in un qualcosa di unico e speciale.

In poche parole, la vostra Creme Brulée salata al parmigiano e finocchi conquisterà ogni ospite e regalerà ad ognuno di loro una meravigliosa esperienza culinaria e un valido carico di energia. Un’unione di sublimi sapori ricoperti da un sottile strato di zucchero caramellato vi stanno aspettando!

Ingredienti per 4 persone

  • 60 gr di tuorli d’uovo,
  • 250 ml di panna consentita,
  • 40 gr Parmigiano Reggiano stagionato 48 mesi,
  • 2 finocchi,
  • 1 rametto di finocchietto fresco,
  • 30 gr di burro chiarificato,
  • ½ scalogno,
  • 50 gr di zucchero di canna,
  • q.b. sale

Preparazione

Lavate e tagliate i finocchi a dadini. Fate appassire lo scalogno in una padella con il burro, aggiungete i finocchi e lasciateli rosolare. Terminate la cottura bagnandoli con un po’ d’acqua e aggiungendo il finocchietto.

In una terrina sbattete i tuorli, aggiungete il Parmigiano Reggiano grattugiato, il sale,  la panna e amalgamate bene tutti gli ingredienti. Aggiungete i finocchi precedentemente cotti e tagliati a dadini. Versate il composto in una cocotte e cuocete a bagnomaria in forno a 140° per 20/25 minuti.

Fate raffreddare a temperatura ambiente per un’ora. Una volta raffreddati, cospargete la crema ottenuta con dello zucchero di canna e caramellate con l’apposito cannello.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Malandrone 1477

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....

Polpettone con pioppini e porri

Polpettone in crosta con pioppini e porri, singolare

Polpettone in crosta con pioppini e porri, connubio tra carne e frutta secca. Il polpettone in crosta con pioppini e porri è un secondo piatto molto particolare, sia per l’impatto visivo che per...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-12-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti