Albero di pandoro farcito con mascarpone e brandy

Albero di pandoro farcito
Commenti: 0 - Stampa

Albero di pandoro farcito, rivisitazione a modo nostro di un grande classico

Le ricette come questo albero di pandoro farcito con crema di mascarpone e brandy sono così buone, semplici e golose che vorremmo fosse sempre Natale per poterle assaporare! Il pandoro è uno dei vostri dolci tipici delle feste? Ebbene, a volte ne abbiamo così tanti da consumare che serve decisamente qualche variazione sul tema.

Questa ricetta è un’ottima soluzione per rivisitare un qualsiasi pandoro (consentito, senza glutine, ovviamente) e renderlo una preparazione coreografica e speciale, grazie ad una gustosissima farcia e tanti aromi per arricchirlo. Un pandoro così composto è talmente bello da vedere che può da solo comporre la decorazione di una tavolata di festa. In più, composto con soli ingredienti senza glutine e senza lattosio, si propone come un dessert ideale, veloce da preparare ed economico.

Un pandoro speciale per i giorni di festa e non solo!

Delicato, semplice ed apprezzabile da tutti, questo albero di pandoro farcito è un vero jolly da proporre a Natale, a Santo Stefano, a Capodanno, all’Epifania e nei giorni dopo le feste, insomma quando vogliamo! A noi piace così tanto che allunghiamo, non di rado, la stagione di consumo del pandoro ed anzi ne facciamo spesso incetta proprio dopo le feste. Come mai vi starete chiedendo? Ebbene con pranzi e cenoni dei giorni di festa, una fettina di solito la mangiamo più per tradizione che per piacere, essendo già abbondantemente sazi dopo le tante leccornie proprie dei grandi pasti d’occasione.

Albero di pandoro farcito

Al riparo dai giorni di festa, invece, il pandoro ce lo possiamo gustare in tranquillità a colazione, a merenda o come dolce dopo-pasto. Per altro, lo segnaliamo, nei giorni immediatamente successivi alle festività molti supermercati tendono a svuotare i magazzini ed a scontare parecchio pandori e panettoni affinché non restino in giacenza. È proprio quello il momento ideale per fare i migliori affari ed acquistare prodotti anche delle marche più blasonate a prezzo speciale! Perché non approfittarne?

Un dessert semplice ma d’effetto

L’albero di pandoro farcito è indiscutibilmente un vero incanto. In equilibrio sulle sue forme, geometriche, stellari. Pieno di confettini e decorazioni, grondante di crema e profumato all’arancio. Una meraviglia che si apprezza con gli occhi e col palato. Così bello ed elegante che ci pare di vederlo ruotare come una giostra, un carillon, affascinante e delicato. Così buono che non siamo mai sazi d’assaporarlo, pezzo dopo pezzo, tanto che sembra non essere mai abbastanza finché non finisce… e di solito finisce in fretta! Va a ruba, ogni suo pezzo, finché non tiriamo via anche l’ultima goccia di crema dal piatto.

Una piccola magia cui riescono poche pietanze, ma che questo albero di pandoro farcito riesce a riproporre ogni anno, sulla nostra tavola e, siamo certi, anche sulla vostra. Una proposta che può essere personalizzata in molti modi ma che, nella versione da noi proposta, accoglie solo ingredienti senza glutine e senza lattosio cosicché il dessert possa essere apprezzato da tutti ed in sicurezza.

Ed ecco la ricetta dell’albero di pandoro farcito:

Ingredienti per 6/8 persone:

  • 1 pandoro consentito;
  • 200 gr. di mascarpone consentito;
  • 2 tuorli d’uovo;
  • scorza grattugiata di un’arancia biologica;
  • ½ bicchiere di brandy;
  • q. b. di zucchero a velo;
  • q. b. di cacao amaro;
  • 4 cucchiai di zucchero;
  • q. b. di gocce di cioccolato bianco consentite;
  • q. b. di palline di zucchero argentate.

Preparazione:

Per preparare l’albero di pandoro farcito, dedicatevi in primis alla crema di mascarpone. Rompete le uova e ricavate i tuorli. Unite in una coppetta i rossi d’uovo con lo zucchero e sbatteteli energicamente con le fruste, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete a questo composto il mascarpone Accadì senza lattosio e continuate a sbattere il tutto fino a montare una crema morbida ed omogenea. Profumate la crema con l’aroma d’arancio, grattando direttamente la buccia al suo interno.  Completate la crema versando un bicchierino di brandy e mescolate il tutto.

Qualora il dessert sia destinato anche ai bambini, evitate l’aggiunta del liquore (il risultato sarà in ogni caso una delizia!). Dedicatevi dunque alla composizione dell’albero. Prendete un pandoro e tagliatelo orizzontalmente, ricavando fette omogenee dell’altezza di circa 2-3 centimetri. Tagliate le fette con un coppa-pasta a stella, cominciando dalla stella di dimensioni superiori che costituisce la base e proseguendo con quelle man mano più piccole.

Adagiate la stella di pandoro base su di un piatto da portata e ricoprite la fetta con una porzione di crema. Completate la composizione proseguendo man mano con stelle sempre più piccole, giustapponendone le punte fino a formare un albero. Spolverate l’albero di pandoro farcito di crema al mascarpone e brandy con del cacao amaro in polvere e dello zucchero a velo. Divertitevi dunque a posare palline di zucchero argentato, cocce di cioccolato e decorazioni varie a mo’ di palline per l’albero di Natale.

Il dessert, completata la decorazione, potrebbe già essere pronto al consumo ma sarà ancor più buono lasciando la crema in posa per qualche minuto così da essere assorbita dal pandoro. Buon appetito e buone feste!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti