Ciambelline alle mandorle: dolcetti per la colazione

Ciambelline alle mandorle
Commenti: 0 - Stampa

Con le Ciambelline alle mandorle darete un tocco di raffinatezza alla colazione o a una merenda con gli amici. Una soluzione perfetta le ciambelline senza glutine e senza lattosio alle mandorle. La ciambella è un dolce classico ma non per questo passato di moda.

Rivisitarlo è sempre molto divertente, sia per quanto riguarda le dimensioni, sia per quel che concerne gli ingredienti.

Ve le propongo strizzando l’occhio a intolleranti al lattosio e celiaci, che possono gustare dei dolci davvero speciali!

Chi dice che vivere queste due condizioni sia il sinonimo di una vita di rinunce alimentari deve rivedere le sue convinzioni oppure scoprire i benefici di queste fantastiche ciambelline.

Ciambelline alle mandorle per colazione

Queste ciambelline hanno come principale ingrediente le mandorle. Cosa sappiamo delle loro proprietà benefiche? In questo caso è davvero opportuno fare un ripasso, dal momento che sono davvero tante e molto importanti.

Inizio quindi con il ricordare che le mandorle sono ricchissime di antiossidanti e che per questo possono essere considerate come un valido elisir anti tumorale, ma anche come una soluzione per prendersi cura della propria bellezza e per prevenire l’invecchiamento.

Le mandorle sono anche ricche di vitamina E, una sostanza benefica che permette di prevenire malattie molto gravi come le patologie cardiache e l’Alzheimer.

Caratterizzate dalla presenza di un’ottima quantità di fibre e grassi omega 3, le mandorle sono una soluzione perfetta per tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue, evitando il picco glicemico e perseguendo il peso forma.

Ah, sono anche una portentosa fonte di magnesio, un minerale che aiuta tantissimo a ottimizzare la pressione ematica! Veramente delle amiche perfette della salute!

Farina di tapioca: caratteristiche e proprietà salutari

La farina di tapioca è un toccasana per la salute. Per quali motivi? Prima di tutto perché è leggera, digeribile e priva di scorie.

La farina di tapioca, essendo estremamente digeribile, viene assorbita in fretta dall’organismo ed è utile contro diverse patologie dell’apparato digerente, per esempio la sindrome del colon irritabile.

Da non dimenticare è anche la presenza di vitamina C, che rende la farina, grazie alla manioca, ossia il suo ingrediente principale, una soluzione naturale perfetta per migliorare l’efficienza del sistema immunitario e per combattere i radicali liberi.

Ed ecco la ricetta delle Ciambelline  alle mandorle

Ingredienti per 9 ciambelline:

  • 65 ml di olio di vinaccioli,
  • 100 gr di farina di riso,
  • 75 gr di farina di mandorle,
  • 25 gr di farina di tapioca,
  • 1 bacca di vaniglia,
  • un uovo intero,
  • 1 pizzico di sale integrale,
  • 4 cucchiai colmi di sciroppo di Yacon bio,
  • 1,5 dl di latte di Soia ,
  • 1 cucchiaino da caffè di bicarbonato

Per decorare:

  • fragole fresche
  • mandorle intere
  • foglie di menta fresca

Preparazione

In una terrina capiente mescolate la farina, di riso, quella di mandorle, quella di tapioca, il sale e il bicarbonato. Scaldate il latte di soia fino a farlo diventare tiepido.

Tagliate longitudinalmente la bacca di vaniglia e, con la punta di un coltello, raschiatene il contenuto che aggiungerete al latte.

Rompete l’uovo, separando il tuorlo dall’albume. Montate a neve ferma l’albume. Nella ciotola delle farine unite il tuorlo d’uovo, l’olio e il latte con la vaniglia. Amalgamate gli ingredienti con una frusta, fino ad ottenere un composto senza grumi.

A questo punto aggiungete l’albume montato a neve e, aiutandovi con una spatola (o marisa), mescolate delicatamente producendo movimenti dal basso verso l’alto, in modo da incorporare l’albume all’impasto, incorporando più aria possibile.

Ungete leggermente gli stampi delle ciambelline con poco olio di vinaccioli, poi distribuite l’impasto.

Cuocete in forno già caldo a 180° per circa 16/18 minuti. A fine cottura effettuate la famosissima prova stecchino, in modo da accertarvi che la cottura sia conclusa. In caso positivo, sfornate le ciambelline, sformatele dagli stampi e lasciatele raffreddare completamente su una gratella.

Decorate le ciambelline con fragole, mandorle e foglie di menta fresca e quindi servite.

5/5 (405 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta...

Sorbetto alla camomilla

Sorbetto alla camomilla, un dessert rilassante

Sorbetto alla camomilla, un’idea davvero unica Il sorbetto alla camomilla è un’idea particolare per valorizzare il momento del fine pasto, o anche solo per una merenda in grado di allietare e...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....

Torta Raffaello

Le migliori ricette senza glutine, ottimi piatti glutenfree

Un approfondimento sulla cucina gluten-free Le ricette senza glutine sono un mondo tutto da scoprire, adatte a chi ha ricevuto una diagnosi di celiachia da poco, e deve modificare in modo permanente...

Gelato di caju

Gelato di caju, una merenda dal gusto tropicale

Gelato di caju, un’esperienza insolita e gustosa Il gelato di caju è un gelato molto particolare. In primis, perché viene principalmente fatto in casa. D’altronde, nessuna gelateria ha ancora...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-11-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti