bg header

Mangiare senza il glutine: tutti i consigli utili.

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Mangiare senza il glutine

Mangiare senza glutine: tutti i consigli utili. Oggi parleremo di come affrontare la dieta che, obbligatoriamente tutti coloro che soffrono di celiachia devono seguire per tutta la vita, e cercheremo di spiegare che mangiare senza glutine si può, e non è affatto una condanna, perché se i celiaci non possono assumere molti alimenti, al contempo ne possono assumere molti altri. Ovviamente anche le persone intolleranti al glutine possono prendere spunto per capire dove è contenuto. Ma cominciamo dall’inizio!

Perché per molti individui mangiare senza glutine diventa indispensabile?

Tralasciando alcune teorie (abbastanza peregrine) che cercano di prendere piede, e molte mode del momento, fughiamo ogni dubbio: gli unici soggetti che per cui mangiare senza glutine è indispensabile sono quelli affetti da celiachia.

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, che si manifesta con un’infiammazione cronica dell’intestino tenue, che viene scatenata dall’ingestione di questo complesso proteico contenuto in molti cereali.

Una cura per la celiachia purtroppo non esiste, e l’unico modo che il celiaco ha per non incorrere in tutte le più o meno gravi complicazioni che possono subentrare, è eliminare completamente il glutine dalla propria dieta.

Quando si comincia ad avere il sospetto di soffrire di un’intolleranza al glutine, è molto importante che il soggetto si rechi dal proprio medico, che monitorerà i sintomi e prescriverà esami diagnostici mirati (l’unico davvero sicuro per avere la certezza di soffrire del morbo celiaco è la biopsia del duodeno). Una volta che la diagnosi di celiachia sarà confermata, il paziente affetto da questa malattia non avrà altra scelta, e dovrà cominciare a mangiare senza glutine. Un consiglio per chi mangia senza glutine perchè celiaco. Vi garantisco che si può mangiare con gusto e con il sorriso anche senza il glutine. Ma vediamo come.

Mangiare senza glutine consigli

Mangiare senza il glutine: è poi così difficile?

Come in tutte le cose, il problema starà nel farci l’abitudine: all’inizio il cambio repentino di alimentazione per molti non sarà facile, ma col tempo gestire al meglio la propria dieta non sarà poi così drammatico.

Il glutine è contenuto fondamentalmente nei cereali come:

  • Grano
  • Orzo
  • Segale
  • Farro

Discorso a parte per l’Avena (E’ stata per lungo tempo esclusa dall’alimentazione per celiaci; ultimamente moltissimi studi scientifici ed esperti di celiachia hanno però provato che in quantità ben dosate, l’avena è un prezioso elemento per rendere più complete le diete prive di glutine: è nutriente, fa bene ed è buona)

Il celiaco dovrà eliminare dalla dieta anche tutti gli alimenti derivati da questi, come per esempio pane, pasta, biscotti, o dolci di vario tipo.

Che cereali o pseudocereali mangio?

Scopriamo quali alimenti non contengono glutine. Fortunatamente i celiaci possono assumere tranquillamente altri cereali o pseudocereali come per esempio:

  • Riso
  • Mais
  • Grano saraceno
  • Amaranto
  • Manioca/Tapioca
  • Miglio
  • Quinoa
  • Fonio
  • Kaniwa
  • Sorgo
  • Teff
  • Grano saraceno

Con cui vengono preparati vari alimenti sostitutivi, che possono essere tranquillamente assunti.

Ci sono molti alimenti naturali senza glutine. Per quanto riguarda il resto, mangiare senza glutine non vuol dire assolutamente rinunciare ad una sana dieta mediterranea, e chi soffre di celiachia può tranquillamente consumare:

  • Carne
  • Pesce
  • Verdura
  • Legumi
  • Frutta
  • Uova
  • Latte

Anche condimenti come l’olio d’oliva o bevande come tè o caffè non causano nessun tipo di problema.

Molti credono, sbagliando, che mangiare senza glutine comporti l’eliminazione totale di tutti i cereali e quindi di pane e pasta e affini per tutta la vita: nulla di più sbagliato! Fortunatamente esistono molti cereali “naturalmente” senza glutine (fra cui quelli elencati prima), e mix di farine appositamente studiate per gli intolleranti, che permettono di preparare prodotti quasi identici a quelli con glutine.

Se a questo aggiungiamo il fatto che molti locali si stanno specializzando in menu appositi per celiaci, e che sono ormai moltissimi negozi e farmacie che vendono prodotti con la famosa spiga sbarrata, e che essendo la celiachia considerata a tutti gli effetti una malattia sociale, il Ministero della Salute ha stabilito l’erogazione gratuita di questi  prodotti specifici (entro determinati limiti di spesa), il diavolo non è poi così brutto come lo si dipinge!

L’importante sarà affidarsi ad uno specialista che ci prescriverà una dieta sana e variata, e che ci permetterà di assumere tutti i nutrienti, senza però assumere glutine.

Mangiare senza glutine accorgimenti

Ma allora cosa mangiano i celiaci?

Abbiamo visto che mangiare senza glutine si può, continuando peraltro a condurre una vita il più normale possibile. Di cibi che non contengono glutine ne abbiamo in grandi quantità e fra questi ci sono moltissimi alimenti naturalmente privi di glutine, bisogna però fare attenzione ad alcune cose, apparentemente di poca importanza, ma che non lo sono affatto.

Solitamente il celiaco è sensibile anche a quantità infinitesimali di glutine, che spesso si depositano sui cibi per “contaminazione”, sia durante i processi di produzione, sia nelle nostre case o al ristorante.

Per questo motivo è molto importante innanzitutto acquistare prodotti riconosciuti dal Ministero della Salute e riportanti sulla confezione la spiga sbarrata (qui troverete l’elenco), che sono garantiti anche da eventuali contaminazioni durante i processi produttivi.

Per quanto riguarda il dopo, ossia quello che facciamo con i cibi una volta arrivati a casa, ricordiamoci di:

  • Non farli entrare in contato con alimenti contenenti glutine.
  • Utilizzare pentole ed utensili con cui preparare esclusivamente le pietanze senza glutine.
  • Evitare di scambiarsi posate con gli altri commensali.

Queste raccomandazioni potranno sembrare esagerate, ma a molti celiaci basta davvero ingerire poche molecole di glutine per sentirsi male, e di conseguenza rovinarsi la giornata.

Come avrete visto mangiare senza glutine si può, con tutti i benefici sullo stato di salute di chi soffre di celiachia, senza rinunciare poi a troppe cose… basterà solo stare attenti e farsi seguire da uno specialista che potrà consigliarci per il meglio! La lista alimenti senza glutine completa la trovate nel prontuario AIC.

Come mangiare senza glutine? Si possono fare ottimi dolci senza glutine

I brownies al caramello sono una piccola rivisitazione dei classici brownies americani, biscottoni al cioccolato ricoperti (a volte) di glassa. Si differenziano, rispetto alla variante originale, per la presenza del caramello, che viene preparato a mo’ di farcitura. Il risultato è un dolce molto gustoso, ancora più del brownie originale, ma di certo non leggero. D’altronde siamo di fronte a un dolce, quindi a una preparazione di cui per definizione non si dovrebbe abusare. Un punto a favore di questa ricetta, però, è “l’accessibilità”. Può essere infatti consumato anche dai celiaci e dagli intolleranti al glutine, dal momento che la farina utilizzata, ovvero quella di riso, è per sua stessa natura gluten-free.

I brownies al caramello incarnano appieno lo spirito della pasticceria anglosassone, dunque sono molto semplici da realizzare. Anche i passaggi sono pochi, nessuno dei quali è impegnativo. Il consiglio comunque è di non modificare la ricetta a vostro piacimento, ma anzi seguirla fedelmente. Anche perché basta poco per sbagliare, soprattutto se si mette mano alle dosi, cambiandole a favore di qualche ingrediente. Per quanto riguarda il cioccolato, in linea teorica potete utilizzare quello che più vi aggrada, purché sia fondente. Io consiglio però il fondente al 72%, che è quello più equilibrato.

I pregi del cioccolato fondente e le sue proprietà antiossidanti

I celiaci possono mangiare il cioccolato fondente?  Il cioccolato contiene glutine? NO. In questo paragrafo parliamo proprio del cioccolato fondente, uno degli alimenti che non contengono glutine, presente nei nostri brownies al caramello. E’ probabilmente il tipo di cioccolato più amato in assoluto, più della variante al latte e di quella alla nocciola. E’ uno dei pochi ingredienti che smentisce il detto “se è buono fa male”. Anche perché il cioccolato fondente non è solo squisito, ma anche salutare. Ovviamente non va consumato in dosi eccessive, dal momento che è piuttosto calorico. Paradossalmente, meno zucchero contiene e più è grasso, infatti a essere calorico è proprio il cacao. Il fondente che propongo per questa ricetta, ovvero quello al 72%, è però quello più equilibrato.

Brownies al caramello

Il cioccolato fondente fa bene alla salute, in primis perché contiene molti antiossidanti, ossia sostanze che stimolano la rigenerazione cellulare, combattono i radicali liberi e agiscono in funzione antitumorale. Inoltre è anche un antidepressivo naturale, una caratteristica sperimentata “empiricamente” da tutti i consumatori di cioccolato, ma da qualche tempo dimostrata anche dalle evidenze scientifiche.

Perché abbiamo utilizzato la farina di riso?

La farina utilizzata per questi brownies al caramello è la farina di riso. E’ una farina particolare che si differenzia da quella di grano. Innanzitutto non contiene glutine, dunque può essere consumata anche da chi è intollerante a questa sostanza o celiaco. Rispetto alle farine di grano, poi, contiene più fibre e meno grassi. Il contenuto di proteine è minore, ma comunque significativo. Per quanto riguarda il gusto, esso è più leggero, delicato e gradevole al palato.

La farina di riso fornisce un ottimo apporto di vitamine e sali minerali. Contiene, infatti, molte vitamine del gruppo B, tanta vitamina E, ma anche elevate concentrazioni di potassio, calcio e fosforo. Insomma, è un ingrediente che ha un suo perché, e non solo come sostituto gluten-free della farina di grano “classica”. Sicuramente, apporta un contributo rilevante in questa ricetta, smorzando il sapore tradizionalmente forte (a tratti eccessivo) dei brownies tradizionali.

Ricetta brownies al caramello:

Ingredienti per circa 25/30 brownies:

  • 150 gr. di gocce di cioccolato fondente 72%,
  • 150 gr. d’olio di semi,
  • 100 gr. di tuorlo,
  • 200 gr. d’albume,
  • 250 gr. di zucchero,
  • 100 gr. di farina di riso,
  • 50 gr. di cacao amaro,
  • 5 gr. di lievito consentito,
  • 4 gr. di guar,
  • 2 gr. di sale.

Per il caramello:

  • 100 gr di zucchero;
  • 50 gr di burro chiarificato (ammorbidito a temperatura ambiente);
  • 1 pizzico di sale;
  • 80 ml di panna fresca.

Preparazione brownies:

Per la preparazione dei brownies al caramello fate sciogliere lo zucchero in un pentolino a fuoco lento, mescolando in continuazione con una frusta. Una volta che lo zucchero è diventato liquido (deve essere anche un po’ marrone), versate anche il burro chiarificato e il sale, continuando a mescolare. Non appena il composto sarà omogeneo, spegnete il fuoco e aggiungete la panna. Mescolate il tutto per bene e fate raffreddare per 10 minuti. A questo punto il caramello è pronto.

Ora passate agli altri ingredienti, sciogliete il cioccolato al microonde (o a bagnomaria), poi nello stesso contenitore inserite anche il sale e l’olio di semi. Setacciate la farina di riso mescolando con il lievito per dolci e il cacao. Versate tutto in una ciotola, aggiungete il tuorlo e mescolate per bene. Poi preparate una meringa con lo zucchero, l’albume, il guar che avete a disposizione e il lievito. Una volta ottenuta una meringa spumosa, aggiungetela all’altro impasto. Amalgamate bene, poi prendete uno stampo a forma rettangolare coperto con la carta da forno e versate metà del composto, aggiungete il caramello livellandolo per bene e versate l’altra metà del composto. Cuocete per mezz’ora a 180 gradi in un forno ventilato. Terminata la cottura, fate riposare per almeno 10 minuti e servite tagliando i brownies a quadretti.

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

5 commenti su “Mangiare senza il glutine: tutti i consigli utili.

  • Dom 13 Giu 2021 | Concettina ha detto:

    Buonasera, avrei bisogno di una ricetta per dei buon croissant senza glutine e senza lattosio. Sicuramente saprai darmi una mano. Ti ringrazio in anticipo

    • Lun 14 Giu 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Concetta sul sito ne ho due di ricette per dei buoni croissant. Ti dico subito che la preparazione non è delle più facili e dovrai fare qualche prova per una riuscita ottimale. Anche chi soffre di intolleranza al lattosio o al glutine ha diritto ad una buona colazione, fatta di bontà e nutrimento. Non credete? Proprio per questo, oggi parliamo dei croissant sfogliati senza glutine e senza lattosio, che sono davvero gustosi e perfetti per iniziare al meglio la giornata. Questa volta, abbiamo a che fare con una vera e propria “coccola” per il nostro stomaco e con un dolce ideale per addentrarci nella nostra routine con il piede giusto.

      Fammi sapere come ti vengono!

    • Mar 15 Nov 2022 | Maria ha detto:

      Maria Felicia

  • Mar 15 Nov 2022 | Maria ha detto:

    Salve ho problemi allergie glutine e lattosio posso mangiare galletti quando pacchi pane senza glutine grazie

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta fredda ai biscotti

Torta fredda ai biscotti: a metà tra torta...

Una base che ricorda le cheesecake Tra i punti di forza di questa torta fredda ai biscotti c’è la capacità di attingere a piene mani dalla tradizione. Lo si nota dalla base, che riprende quella...

Granita al tamarindo

Granita al tamarindo, la ricetta ottima per la...

Un focus sul tamarindo Il tamarindo, usato per preparare questa deliziosa granita, è un frutto esotico originario delle zone tropicali dell’Africa Orientale e dell’Asia. Dalle nostre parti non...

Torta di anguria

Torta di anguria, un dessert alla frutta fresco...

Un dessert ricco di frutta Più che una torta di anguria questa è una torta di frutta, infatti oltre all’anguria troviamo frutti esotici come l'ananas e il kiwi, che spiccano per le tonalità...

logo_print