bg header

Capesante con gli asparagi: un piatto di mare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

capesante con gli asparagi

Se amate la verdura e i molluschi, le capesante con gli asparagi si riveleranno un secondo piatto adatto voi, sia dal punto di vista culinario che nutrizionale. Infatti, i sapori di questi due alimenti si sposano perfettamente e le sostanze in essi contenute sono in grado donarci un benessere che va ben oltre le nostre papille gustative.

Anche se tra la pesca e gli allevamenti possiamo trovare le capesante tutto l’anno, il periodo migliore per consumare questo mollusco è quello compreso tra maggio e agosto. Tuttavia, il suggerimento è di provare questa ricetta in primavera, in quanto potrete utilizzare gli asparagi freschi e godere al massimo dei benefici e del gusto di questo ortaggio.

A questo proposito, andiamo ad analizzare le caratteristiche di questi alimenti e a scoprire come cucinare le capesante con gli asparagi.

Gli ingredienti principali: benefici e valori nutrizionali

Le capesante, dette anche “Saint Jacques”, sono dei molluschi che ci consentono di preparare dei piatti magnifici, grazie al loro sapore e alla loro particolare consistenza. Tuttavia, è utile sapere anche che questo alimento è decisamente poco calorico (96 Kcal per 100 g) e anche molto leggero per chi, ovviamente, non ha particolari intolleranze o, peggio, allergie.

Le capesante sono ricche di acidi grassi Omega3 e, pertanto, il loro consumo può comportare una riduzione dei livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue e stimolare la presenza di quello “buono”, molto utile al nostro organismo. Questo mollusco contiene anche elevate quantità di sali minerali (in prevalenza calcio e sodio) e di vitamine (in particolare la vitamina A). Perciò, si presentano come degli alimenti gustosi, ma anche molto nutrienti.

Sappiate che, solitamente, le capesante vengono vendute vive, in quanto questo può garantirvi la loro freschezza. Perciò, quando le comprerete, assicuratevi che la conchiglia sia chiusa: se non fosse così, significherebbe che il mollusco al suo interno è morto, e sicuramente non potrete sapere da quanto tempo. In alternativa, potrete preferirle surgelate, ma siate consapevoli che questa scelta potrà comportare la percezione di un sapore molto meno deciso e ovviamente meno freschezza.

Capesante e asparagi: due ingredienti per un piatto perfetto!

Anche gli asparagi li potrete trovare surgelati o sott’olio, ma questo significherà nuovamente perdere gran parte del sapore tipico di questo vegetale e anche molte delle sue proprietà. Infatti, doveste sapere che gli asparagi sono una ricca fonte di vitamine, fibre vegetali, acido folico, potassio, fosforo, calcio e cromo. Quest’ultimo migliora la produzione di insulina e aiuta a regolare i livelli glicemici del sangue.

Pertanto, questo ortaggio è ottimo per prevenire il diabete di tipo 2 e, grazie a tutte le altre sostanze in esso contenute, favorisce la depurazione dell’organismo, svolge un buon ruolo nella prevenzione del cancro e regolarizza le funzioni intestinali. Inoltre, sappiate che l’elevato contenuto di potassio aiuta a regolare la pressione sanguigna e a proteggere l’apparato cardiocircolatorio in generale.

Questi sono solo alcuni dei benefici che derivano dal consumo di asparagi e, pensando anche alle proprietà delle capesante, possiamo questa ricetta si prospetta un vero toccasana per la nostra salute. Perciò, andiamo a scoprire quali sono gli altri ingredienti e le modalità di preparazione.

Ingredienti per 4 persone

  • 12 capesante
  • 20 punte di asparagi
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale e pepe macinato al momento

Preparazione

La preparazione di questo piatto è davvero molto semplice. In primo luogo, lavate, pelate e lessate gli asparagi, per poi frullare la metà di essi aggiungendo un po’ d’acqua di cottura, un pizzico di sale e di pepe. Come risultato, vi ritroverete una gustosa salsa che andrà suddivisa e versata nei piatti di servizio. A questo punto, sarà il momento di pulire accuratamente le capesante, evitando di togliere il corallo.

Spennellate le capesante  con l’olio extravergine di oliva e scottatele lievemente sulla piastra antiaderente precedentemente riscaldata. Dopodiché, sistemate le capesante scottate nei piatti di portata (proprio sopra la salsa di asparagi che avete preparato in precedenza), guarnite con gli asparagi rimasti e servite.

Farete una buonissima impressione sugli ospiti e ogni palato gioirà del vostro gustoso e nutriente piatto di capesante con gli asparagi!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

Bruschette di pane danese con cervo

Bruschette di pane danese con cervo, un piatto...

Cosa sapere sulla carne di cervo Un altro protagonista di queste bruschette di pane danese è il cervo. A tal proposito vi consiglio di utilizzare la carne per arrosto, che è in genere più morbida...

logo_print