Capesante con gli asparagi: un piatto di mare

capesante con gli asparagi
Commenti: 0 - Stampa

Se amate la verdura e i molluschi, le capesante con gli asparagi si riveleranno un piatto adatto voi, sia dal punto di vista culinario che nutrizionale. Infatti, i sapori di questi due alimenti si sposano perfettamente e le sostanze in essi contenute sono in grado donarci un benessere che va ben oltre le nostre papille gustative.

Anche se tra la pesca e gli allevamenti possiamo trovare le capesante tutto l’anno, il periodo migliore per consumare questo mollusco è quello compreso tra maggio e agosto. Tuttavia, il suggerimento è di provare questa ricetta in primavera, in quanto potrete utilizzare gli asparagi freschi e godere al massimo dei benefici e del gusto di questo ortaggio.

A questo proposito, andiamo ad analizzare le caratteristiche di questi alimenti e a scoprire come cucinare le capesante con gli asparagi.

Gli ingredienti principali: benefici e valori nutrizionali

Le capesante, dette anche “Saint Jacques”, sono dei molluschi che ci consentono di preparare dei piatti magnifici, grazie al loro sapore e alla loro particolare consistenza. Tuttavia, è utile sapere anche che questo alimento è decisamente poco calorico (96 Kcal per 100 g) e anche molto leggero per chi, ovviamente, non ha particolari intolleranze o, peggio, allergie.

Le capesante sono ricche di acidi grassi Omega3 e, pertanto, il loro consumo può comportare una riduzione dei livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue e stimolare la presenza di quello “buono”, molto utile al nostro organismo. Questo mollusco contiene anche elevate quantità di sali minerali (in prevalenza calcio e sodio) e di vitamine (in particolare la vitamina A). Perciò, si presentano come degli alimenti gustosi, ma anche molto nutrienti.

Sappiate che, solitamente, le capesante vengono vendute vive, in quanto questo può garantirvi la loro freschezza. Perciò, quando le comprerete, assicuratevi che la conchiglia sia chiusa: se non fosse così, significherebbe che il mollusco al suo interno è morto, e sicuramente non potrete sapere da quanto tempo. In alternativa, potrete preferirle surgelate, ma siate consapevoli che questa scelta potrà comportare la percezione di un sapore molto meno deciso e ovviamente meno freschezza.

Capesante e asparagi: due ingredienti per un piatto perfetto!

Anche gli asparagi li potrete trovare surgelati o sott’olio, ma questo significherà nuovamente perdere gran parte del sapore tipico di questo vegetale e anche molte delle sue proprietà. Infatti, doveste sapere che gli asparagi sono una ricca fonte di vitamine, fibre vegetali, acido folico, potassio, fosforo, calcio e cromo. Quest’ultimo migliora la produzione di insulina e aiuta a regolare i livelli glicemici del sangue.

Pertanto, questo ortaggio è ottimo per prevenire il diabete di tipo 2 e, grazie a tutte le altre sostanze in esso contenute, favorisce la depurazione dell’organismo, svolge un buon ruolo nella prevenzione del cancro e regolarizza le funzioni intestinali. Inoltre, sappiate che l’elevato contenuto di potassio aiuta a regolare la pressione sanguigna e a proteggere l’apparato cardiocircolatorio in generale.

Questi sono solo alcuni dei benefici che derivano dal consumo di asparagi e, pensando anche alle proprietà delle capesante, possiamo questa ricetta si prospetta un vero toccasana per la nostra salute. Perciò, andiamo a scoprire quali sono gli altri ingredienti e le modalità di preparazione.

Ingredienti per 4 persone

  • 12 capesante
  • 20 punte d’asparagi
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe macinato al momento

Preparazione

La preparazione di questo piatto è davvero molto semplice. In primo luogo, lessate gli asparagi, per poi frullare la metà di essi aggiungendo un po’ d’acqua di cottura, un pizzico di sale e di pepe. Come risultato, vi ritroverete una gustosa salsa che andrà suddivisa e versata nei piatti di servizio. A questo punto, sarà il momento di pulire accuratamente le capesante, evitando di togliere il corallo.

Spennellate le capesante  con l’olio extravergine d’oliva e scottatele lievemente sulla piastra antiaderente precedentemente riscaldata. Dopodiché, sistematele nei piatti di servizio (proprio sopra la salsa di asparagi che avete preparato in precedenza), guarnite le portate con gli asparagi rimasti e servite.

Farete una buonissima impressione sugli ospiti e ogni palato gioirà del vostro gustoso e nutriente piatto di capesante con gli asparagi!

5/5 (403 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-06-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti