bg header
logo_print

Pasticcini al cocco semplici e golosi!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pasticcini con il cocco
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Pasticcini al cocco, una ricetta d’effetto

Cercate dei pasticcini facili e rapidi da realizzare, ma allo stesso tempo squisiti e dal buon impatto visivo? Se sì, i pasticcini al cocco fanno al caso vostro. La ricetta, infatti, appartiene alla categoria “minimo sforzo e massimo risultato” cioè facili e veloci. Pure la lista degli ingredienti va nella direzione della semplicità, anche perché è corta e comprende alimenti facilmente reperibili: un po’ di cocco rapè, lo zucchero a velo, due uova e un po’ di burro. Anche il procedimento è un gioco da ragazzi, così come il tempo di cottura, che è ridotto al minimo.

Ricetta pasticcini al cocco

Preparazione pasticcini al cocco

Per la preparazione dei pasticcini al cocco iniziate accendendo il forno e preriscaldandolo a 200 gradi. Poi sciogliete il burro a bagnomaria o al microonde e separate gli albumi dai tuorli. Montate a neve gli albumi.

Versate in una terrina il cocco rapè, gli albumi, lo zucchero e il burro. Mescolate utilizzando le mani fino a ricavare un composto uniforme. Create delle palline e adagiatele su una teglia con della carta da forno. Cuocete per circa 6 minuti a 200 gradi. Tuttavia, a metà cottura, girate i pasticcini in modo assumano una doratura uniforme su tutti i lati. Lasciateli raffredda prima si servire questi dolcetti al cocco sono pronti!

Ingredienti pasticcini al cocco

  • 200 gr. di cocco rapè
  • 120 gr. di zucchero a velo
  • 2 albumi d’uovo
  • 20 gr. di burro chiarificato. 

L’ingrediente principale, quello che caratterizza maggiormente questi pasticcini al cocco, è il cocco grattugiato. Lo si trova facilmente al supermercato, si tratta di cocco disidratato e ridotto in polvere o scaglie di piccole dimensioni. Sono senza glutine, senza lattosio, a basso contenuto di nichel e adatti a chi segue una dieta vegetariana.

Ovviamente include tutte le caratteristiche del cocco propriamente detto. Dunque è un po’ calorico e contiene tanta vitamina C, sostanza fondamentale per mantenere in salute il sistema immunitario. Troviamo anche una certa dose di potassio, che può essere considerato un energizzante. Discreta è anche la concentrazione di fibre, che risente solo leggermente della disidratazione del frutto intero. Il ruolo del cocco grattugiato è abbastanza semplice, infatti va mescolato insieme agli altri ingredienti in modo da formare l’impasto di questi deliziosi pasticcini. I pasticcini al cocco sono i classici dolcetti da servire quando ricevete amici e parenti. Io li preparo spesso in queste occasioni e l’effetto è sempre positivo. Anche perché li accompagno con un servizio di tutto rispetto, ovvero il servizio Brandani, che mi dà sempre grandi soddisfazioni in quanto si caratterizza per una rara commistione di creatività, eleganza e design d’alto livello.

Quale zucchero utilizzare per i pasticcini al cocco?

Quando si parla di pasticceria, ed in particolare dei pasticcini al cocco, sorge sempre un dubbio circa lo zucchero da utilizzare. D’altronde ce ne sono di numerosi tipi, e ognuno è dotato di una sua specificità. In questo caso la ricetta è ottima a prescindere dallo zucchero che deciderete di utilizzare. Anche perché, lo ripeto, i pasticcini al cocco non hanno chissà quali pretese. Tuttavia, vi consiglio di optare per uno zucchero in particolare, ossia quello a velo. Questo potrebbe far storcere il naso a qualcuno, dal momento che nell’immaginario collettivo lo zucchero a velo è associato alla fase di guarnizione, piuttosto che alla fase di preparazione dell’impasto.

Tomino in crosta

Eppure, nel caso dei pasticcini al cocco, lo zucchero a velo performa meglio di tanti altri. Il motivo è semplice, infatti con la sua grana finissima contribuisce alla stabilità dell’impasto. Un contributo essenziale, se si considera che l’impasto rischia seriamente di essere instabile, vista la quantità molto limitata di ingredienti. Come ho già accennato siamo al livello dei dettagli. Di base, la ricetta può essere realizzata anche con altre tipologie di zucchero. Anzi, alcuni inseriscono lo zucchero bruno di canna, soprattutto coloro che intendono conferire ai pasticcini al cocco un leggero sentore di caramello, che ovviamente contrasta con la dolcezza e la corposità del cocco.

Perché preferire il burro chiarificato?

Tra i pochi ingredienti necessari a preparare i pasticcini al cocco spicca il burro. Anche in questo caso, vi invito ad optare per una tipologia sui generis, ossia il burro chiarificato. Rispetto allo standard, il burro chiarificato è totalmente privo di caseina. Ciò gli consente di resistere alle elevate temperature in quanto la caseina tende a deteriorarsi in fretta con il calore. Non a caso, specie nelle culture non mediterranee, viene impiegato per friggere e per soffriggere, in sostituzione al classico olio. L’assenza di caseina, va detto, comporta una maggiore incidenza dei lipidi, dunque l’apporto calorico risulta più elevato.

Perché optare per il burro chiarificato nel caso della ricetta dei pasticcini al cocco? Ebbene, l’assenza di caseina comporta anche una certa perdita di sapore, che quindi diventa più delicato. Se questo può rappresentare un problema quando si utilizza il burro a crudo, rappresenta, invece, un vantaggio quando funge da elemento di supporto. Se si utilizzasse il burro standard, il sapore di quest’ultimo potrebbe spiccare eccessivamente e coprire gli altri. Dunque è meglio optare per il burro chiarificato, tra l’altro è reperibile esattamente come quello non chiarificato.

Ricette pasticcini ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata
Contenuto in collaborazione con Brandani Gift Group

2 commenti su “Pasticcini al cocco semplici e golosi!

  • Gio 28 Lug 2016 | Lucia ha detto:

    Bellissima questa ricetta Tiziana! Ne faccio una simile per utilizzare gli albumi quando faccio la pasta frolla e ci piacciono davvero tanto!
    Il cocco è magia, senza glutine e con quel sapore zuccherino che va a nozze con qualsiasi altro ingrediente!
    Bellissimo il tuo blog, ogni tanto passo di qui! Un abbraccio e buona giornata!
    Lucia

    • Gio 28 Lug 2016 | Tiziana ha detto:

      Grazie Lucia e se hai qualche ricetta che ben si adatta agli intolleranti te la pubblico volentieri rimandando al tuo blog-

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittelle di ricotta e farina di patate

Frittelle di ricotta e farina di patate per...

Di cosa sa la farina di patate? Tra i protagonisti della ricetta delle frittelle di ricotta spicca la farina di patate. E’ una farina particolare e non troppo conosciuta nemmeno tra i celiaci, ma...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...