Il frutto della passione: per chi ama la frutta esotica

Acqua aromatizzata al frutto della passione
Commenti: 0 - Stampa

Il frutto della passione, si caratterizza per il suo odore intenso e per la polpa molto morbida che, al suo interno, presenta tantissimi semi.

Anche se le sue origini sono sudamericane, dal Brasile, al giorno d’oggi viene prodotto in alcuni paesi dell’Africa come lo Zimbabwe, Sudafrica e Kenya.

A scoprirlo sono stati dei missionari cristiani in America Latina che, osservando la parte centrale della corolla del fiore, avevano dinanzi a gli occhi l’immagine della passione di Gesù Cristo.

In circolazione vi sono due tipologie di questo frutto: una ha la buccia rossa, che si avvicina parecchio al viola, l’altra, invece, ha la buccia gialla .

Il frutto della passione ha delle dimensioni variabili, che possono avvicinarsi ad una pallina da tennistavolo, fino ad arrivare a quelle di un melone di piccola grandezza.

Questo è il frutto della passiflora. La sua buccia non è commestibile e il suo gusto, a seconda della tipologia acquistata, può essere acidulo oppure zuccherino.

I semi contenuti all’interno del frutto della passione, invece, sono commestibili e particolarmente croccanti. Il livello di acidità presente all’interno del frutto della passione acerbo è molto elevato.

acqua aromatizzata

Il frutto della passione: proprietà nutritive

Il frutto della passione ci consente di assumere tante sostanze di cui il nostro corpo può sicuramente beneficiare. In 100 g di prodotto sono presenti appena 97 kcal.

È importante l’apporto di fibre che riesce a garantire questo frutto, dando così una grossa mano all’attività intestinale, specie se questa risulta particolarmente inoperosa nelle persone con problemi di stipsi.

Esso, nel suo piccolo, può essere considerato un lassativo naturale che protegge le mucose dell’intestino, ponendo al riparo il colon dalle scorie derivanti dalla cattiva alimentazione.

Il frutto della passione contiene degli antiossidanti, utili per contrastare l’espansione sulle nostre cellule da parte dei radicali liberi, che rappresentano la principale causa dell’invecchiamento cellulare.

E anche ottimo il contributo in termini di vitamina A e vitamina C che riesce a conferire al nostro organismo. Pertanto la loro azione protegge gli occhi, la acute e anche i polmoni.

Il frutto della passione contiene anche un buon quantitativo di potassio, un sale minerale molto utile per regolare la pressione del sangue e l’attività del nostro cuore.

Sono presenti in buone quantità anche altri sali minerali rilevanti, come magnesio, ferro, fosforo e rame.

Un’idea particolare per i vostri cocktail, spremute o sorbetti?

Il frutto della passione è molto indicato per la preparazione di esotici succhi di frutta o di particolari cocktail.

Il succo che fuoriesce da questo frutto può essere anche combinato con altri succhi di frutta, realizzati anch’essi con altri frutti tropicali (ananas, mango, eccetera).

Viene utilizzato parecchio anche dall’industria alimentare per la realizzazione di gelati e altri preparati. Infatti, con la sua polpa possono essere create delle gustose conserve, ma anche degli speciali sciroppi e delle salse che ben si abbinano con le pietanze salate.

Acqua aromatizzata al frutto della passione, aperitivo con i fiocchi

L’acqua aromatizzata al frutto della passione e pesca è una bevanda rinfrescante, da sfoderare in occasione di aperitivi leggeri, magari estivi, o anche solo per impreziosire il momento della pausa. Il procedimento è davvero semplice, quasi banale, e non pone in essere difficoltà di sorta. Tra l’altro, gli ingredienti sono facilmente reperibili. Persino il frutto della passione, fino a pochi anni fa praticamente un oggetto del mistero, è oggi ampiamente diffuso presso i fruttivendoli e persino nei supermercati. Vi consiglio di dare una chance a questa acqua aromatizzata, in quanto può essere considerata la classica ricetta che rende molto con il minimo sforzo.

Infatti, il procedimento consiste semplicemente nell’inserimento degli ingredienti all’interno di una caraffa riempita d’acqua. Ovviamente, per rendere al meglio, questa acqua aromatizzata va conservata in frigorifero per parecchie ore prima di essere servita. Se lo gradite, inoltre, potete servirla insieme a qualche cubetto di ghiaccio, proprio per aumentare il suo potere rinfrescante. Il consiglio, comunque, è di rispettare scrupolosamente le dosi, infatti riservarsi in merito un margine di discrezione più o meno ampio potrebbe compromettere il risultato finale, conferendo alla bevanda un gusto meno equilibrato.

Acqua aromatizzata al frutto della passione

Alla scoperta del frutto della passione

Se escludiamo l’acqua e il ghiaccio, l’ acqua aromatizzata al frutto della passione e pesca si avvale della presenza di soli tre ingredienti: la pesca, il lime e il frutto della passione. Vorrei soffermarmi proprio sul frutto della passione, che è certamente l’ingrediente più suggestivo. Si tratta di un frutto tipicamente tropicale, dunque tendenzialmente grasso e calorico. Va detto, però, che i grassi che contiene sono grassi buoni, che giovano alla salute. L’apporto calorico, comunque, si attesta sulle 100 kcal per 100 grammi. Il frutto della passione è ricco di vitamine e sali minerali, il riferimento è alla presenza di potassio e ferro, presenza piuttosto rara nella frutta (ma non nella verdura).

Rilevantissima è la concentrazione di fibre, che rappresentano il 10% del totale. Il frutto della passione, poi, si fregia della presenza della vitamina C, che giova al sistema immunitario, e del betacarotene, che stimola la produzione di vitamina A. Tutt’altro che insignificante è il contenuto di proteine, elemento raro quando si parla di frutta. Del frutto della passione, poi, si apprezzano le proprietà antispasmodiche, utili soprattutto in caso di colite e di sindrome del colon irritabile.

Le proprietà nutrizionali della pesca

La pesca, utilizzata nella nostra acqua aromatizzata al frutto della passione, è uno dei frutti più amati per la sua bontà. Il consiglio, relativamente a questa ricetta, è di utilizzare solo pesche di stagione. Anche perché  la pesca, se coltivata fuori stagione o peggio ancora congelata, tende a perdere gusto e potere nutrizionale. Tutto ciò sarebbe un peccato, anche perché la pesca è davvero un frutto benefico. Infatti, è straordinariamente ricca di vitamina C, sostanza presente in dosi superiori a quelle di molti agrumi. Per quanto concerne le vitamine, si segnala una certa concentrazione delle vitamine E, K e B6.

La pesca è’ molto ricca anche di iodio, un elemento che favorisce la funzione ormonale e stimola il corretto funzionamento della tiroide. Inoltre, contiene anche il betacarotene, che come abbiamo visto agevola la produzione di vitamina A. Per quanto concerne i sali minerali, va segnalata l’abbondante presenza di potassio, come quella del magnesio. L’apporto calorico è molto basso, anche rispetto agli altri frutti, e si attesta sulle 25 kcal per etto. L’unico difetto è la presenza di zuccheri, che è piuttosto rilevante, per questo motivo i diabetici non dovrebbero abusarne. Di certo, consumare una pesca non è come consumare la pasta o il pane, per il resto è un frutto del tutto salutare.

Ecco la ricetta dell’acqua aromatizzata al frutto della passione e pesca:

Ingredienti per una caraffa da 1 litro:

  • 1 lt. di acqua,
  • 1 frutto della passione,
  • una pesca,
  • ½ lime,
  • qualche cubetto di ghiaccio.

Preparazione:

Per la preparazione dell’acqua aromatizzata al frutto della passione e pesca iniziate facendo a fettine il lime. Poi lavate il frutto della passione ed estraete la polpa con un cucchiaio. Infine, lavate la pesca, sbucciatela e tagliatela a dadini.

Inserite la pesca, il lime e la polpa del frutto della passione in una caraffa e versate l’acqua naturale. Mescolate il tutto con cura e fate riposare in frigo per almeno 2 ore (massimo 12 ore). Servite la vostra bevanda con qualche cubetto di ghiaccio.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cocktail analcolico con guava e fragole

Cocktail analcolico con guava e fragole, un drink...

Cocktail analcolico con guava e fragole, un cocktail fruttato ed esotico Il cocktail analcolico con guava e fragole è un drink fresco, gustoso e adatto per gli aperitivi come per il consumo in...

Cocktail lacroix con guava e ananas

Cocktail lacroix con guava e ananas, un drink...

Cocktail lacroix con guava e ananas, per un aperitivo rinfrescante Il cocktail lacroix con guava e ananas è una bevanda rinfrescante e decisamente esotica. Contiene, infatti, ben tre ingredienti...

Digestivo alla camomilla

Digestivo alla camomilla, un perfetto fine pasto

Digestivo alla camomilla, una bevanda utile e gustosa Il digestivo alla camomilla è una bevanda fortemente analcolica che si inserisce parzialmente nella tradizione dei digestivi all’italiana. Il...

Tropical Punch

Tropical Punch: il cocktail che fa gola al...

È sempre la stagione giusta per gustare un buon cocktail Tropical Punch Il cocktail Tropical Punch vede messi insieme in un connubio perfetto, armonico ed equilibrato, limone ananas e rum. Come si...

Liquore alla melissa

Liquore alla melissa, una bevanda alcolica e aromatica

Le caratteristiche organolettiche del liquore alla melissa Il liquore alla melissa può essere definito come un alcolico da fine pasto. D’altronde è realizzato con una pianta officinale...

Tisana con camomilla e lavanda

Tisana con camomilla e lavanda, una bevanda salutare

Tisana con camomilla e lavanda, la bevanda della buona notte La tisana con camomilla e lavanda è all’apparenza una tisana come tutte le altre, d’altronde è realizzata con l’ingrediente...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-02-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti