bg header
logo_print

Torta sogno al cocco e corniole, un dessert unico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta sogno al cocco e corniole per dessert
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Torta sogno al cocco e corniole, un dolce incantevole

Oggi prepariamo la torta sogno al cocco e corniole, un’idea di Alessandra Uriselli. L’ha progettata per il contest “Le intolleranze? Le cuciniamo”, che ho organizzato per lanciare un messaggio: le intolleranze si possono gestire esplorando nuove ricette e provando nuovi ingredienti. E’ comunque una gara nel senso più genuino del termine, dunque faccio i migliori auguri ad Alessandra e agli altri partecipanti. Tornando alla ricetta, si tratta di un dolce non solo delizioso ma anche bello da vedere. L’epiteto “sogno” in questo caso è pienamente azzeccato. E’ una semplice ma suggestiva torta simile al pan di Spagna, che viene ricoperta con la meringa e sormontata con la gelatina di corniole. Le corniole sono delle ciliegie selvatiche dall’aspetto gradevole e dal sapore acidulo.

La ricetta non è affatto complicata ma è un po’ laboriosa, come si addice a tutte le torte con coperture e farciture. L’impasto è composto da farina, uova, olio e latte. La cottura avviene al forno a una temperatura di 180 gradi per circa 35 minuti. Badate bene, prima di essere ricoperta e arricchita dagli altri ingredienti, la torta va fatta raffreddare del tutto.

Ricetta torta sogno al cocco

Preparazione torta sogno al cocco

Per la torta al cocco lavorate a crema l’olio di cocco e lo zucchero, poi unite i tuorli e il bicarbonato. Aggiungete le due farine e mescolate. Per ultimi unite gli albumi al composto facendo attenzione a non farli smontare e poi versate in una tortiera precedentemente unta di olio di cocco e farina. Cuocete a 180° per circa 35 minuti. Fate raffreddare bene una volta cotta.

Per la meringa italiana – In una pentola dal fondo spesso mettete acqua e zucchero e formate uno sciroppo, portatelo alla temperatura di 121°. Montate ancora gli albumi e unite a filo lo sciroppo caldo ottenuto continuando a montare nel frattempo. Montate per circa 5-6 minuti fino a che la meringa non risulterà stabile e lucidissima.

Per la gelatina di corniole mettete in un pentolino il succo di corniole, portate a leggero bollore, poi unite l’agar agar. Fate intiepidire. Decorate la torta ricoprendola di meringa, mettete la centro la gelatina di corniole e ai lati del centro spolverizzate del cocco grattugiato.

Il succo di corniole si ottiene facendo bollire i frutti lavati insieme ad acqua e zucchero e poi filtrando il composto.

Per 1 tortiera da 22 cm di diametro

Ingredienti per la torta

  • 110 gr olio di cocco leggermente solidificato
  • 110 gr zucchero semolato
  • 4 tuorli d’uovo + 4 albumi d’uovo montati a neve fermissima
  • 110 gr farina 00 setacciata
  • 3 gr bicarbonato di sodio
  • 2 cucchiai latte di cocco
  • 60 gr farina di cocco tritata finemente nel mixer

Per la meringa italiana

  • 100 gr albume d’uovo montati
  • 200 gr zucchero semolato
  • 40 gr acqua

Per la gelatina di corniola

  • 250 ml succo di corniole leggermente zuccherato
  • 1 gr agar agar
  • 1 manciata cocco grattugiato per decorare

Il latte di cocco, un latte delizioso per la torta sogno

La ricetta della torta sogno al cocco e corniole coinvolge alcuni ingredienti particolari, che hanno una doppia funzione. Da un lato impreziosiscono la torta in termini di sapore, fornendo delle note interessanti e diverse dal solito. Dall’altro la rendono accessibile anche per chi soffre di intolleranza al lattosio. Sto parlando del latte di cocco, che sostituisce al meglio il latte vaccino, impattando sul piano organolettico e nutrizionale. Il latte di cocco è ricco di vitamina C (che fa bene al sistema immunitario), di potassio (che regolarizza la pressione) e di grassi benefici per il sistema cardiovascolare.

Il latte di cocco è comunque molto calorico, infatti un etto viaggia sulle 200 kcal (tre volte più del latte intero). Tuttavia, in questa ricetta si utilizzano dosi limitate che completano al meglio il sapore di questa torta deliziosa. Del cocco troviamo anche la farina, che è per definizione dolce e saporita. In genere, però, questo tipo di farina viene accompagnata dalla farina doppio zero, quindi la torta non può essere consumata dai celiaci.

Una meringa classica per la torta sogno al cocco

La torta sogno al cocco è arricchita da una crema particolare, ossia dalla meringa all’italiana. Di base si tratta di una meringa classica valorizzata e resa morbida e lucida da un normale sciroppo di zucchero. Vi consiglio di prestare grande attenzione allo sciroppo, in quanto dalla sua qualità dipende la consistenza della meringa. In particolare, lo sciroppo va portato a una temperatura di 121 gradi prima di spegnere il fuoco e unirlo agli albumi.

La meringa all’italiana si fa apprezzare per il suo sapore dolce e delicato, ma anche per la sua leggerezza. Si utilizzano infatti quantità di zucchero limitate (appena due etti). Gli albumi, poi, sono la parte meno calorica dell’uova: un etto di albume è pari a 60 kcal e corrisponde circa a quello contenuto in sei uova. Inoltre l’albume è anche nutriente in quanto è ricco di proteine, vitamine del gruppo B e sali minerali, come il magnesio, il sodio e il potassio.

Come preparare la gelatina di corniola?

La torta sogno al cocco (o dream cake) vanta una ciliegina sulla torta, ovvero la gelatina di corniole. Le corniole sono dei frutti simili alle ciliegie, da cui si differenziano per il colore più vivace, per una maggiore succosità e per il sapore più acidulo. Sono perfette per creare marmellate, composte e gelatine.

E’ difficile realizzare la gelatina di corniola? Niente affatto, è sufficiente porre in un pentolino il succo di corniole (molto facile da estrarre), poi fatelo bollire e integratelo con l’agar agar, che è un efficace addensante. A questo punto non rimane che portare la gelatina a temperatura ambiente. La gelatina va applicata sulla torta a mo’ di copertura, dopo che i lati sono stati arricchiti con la meringa all’italiana. Per una guarnizione ancora più suggestiva distribuite un po’ di cocco grattugiato sui bordi della torta, a mo’ di coroncina.

Contest Le intolleranze le cuciniamo

Ricetta di Alessandra Uriselli

Ricette dolci ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...