Confettura di ribes nero : profumo di antichi sapori

Confettura di ribes nero
Commenti: 2 - Stampa

Con la confettura di ribes nero oltre ad assaporare il profumo dei dolci e antichi sapori hai una carica mattutina tutta naturale…… Passa il tempo, la tecnologia stravolge ogni giorno la nostra esistenza, la nostra giornata è scandita da fretta continua, logorante ma, ammettiamolo, chi è tra noi che non riesce a trovare il tempo di assaporare almeno un cucchiaino di marmellata al mattino?

Nessuno rinuncerebbe a gustare una confettura di ribes nero, si, la confettura, che con la sua lenta e meticolosa preparazione sembra in grado di portarci indietro nel tempo per vivere, anche se solo con l’immaginazione, quella distensione spirituale, quel torpore di casa, quegli affetti e quei valori che caratterizzavano le vite dei nostri avi.

Ribes nero: l’antiossidante più conosciuto nei paesi del nord

Chi si sarà trovato per viaggio in Trentino o ancor più nei paesi del nord Europa avrà di certo ammirato la grande quantità di ribes nero venduto al naturale o come ingrediente principale di coloratissime confetture.

Ebbene si, queste zone sono certamente quelle nelle quali maggiormente è diffusa la produzione di ribes nero e, allo stesso tempo, quelle nei quali ci si dedica con più solerzia alla preparazione di composti che lo vedono quale ingrediente premier.

Il ribes nero è oggi, per fortuna, largamente venduto ovunque, anche in ragione delle sue apprezzatissime ed assai elevate proprietà antiossidanti, dunque con un pizzico di buona volontà possono essere preparate confetture di ribes nero fatte in casa che, puntualmente, sanno stupire tutti coloro ai quali vengano offerte a colazione o nel pomeriggio, come spuntino salutare, genuino e, ne saranno lieti coloro che soffrano di celiachia, tutto gluten free, intolleranza al lattosio e anche intolleranza al nichel

Confettura di ribes nero

Ribes nero: la pianta preziosa dal potere curativo

La confettura di ribes nero vede per protagonista un frutto davvero prezioso, alleato della nostra salute: non a caso sin dall’antichità ci se ne avvaleva a scopo curativo e della relativa pianta venivano utilizzate tutte le sue parti, quindi gemme, foglie e frutti.

Potente deterrente contro i malanni invernali, le allergie e le dermatiti, i ribes neri, molto simili nell’aspetto ai mirtilli neri, si rivelano ricchissimi di flavonoidi utili a contrastare ed inibire le infiammazioni e proteggere i vasi sanguigni.

Da ultimo, ma non certo in ordine di importanza,  la confettura di ribes nero può rivelarsi ottima per ridurre i dolori muscolari dovuti ad affaticamento, ma anche i dolori, sempre più diffusi ai giorni d’oggi, alle articolazioni ed alla schiena.

Tripudio di sapore tutto al naturale, può essere facilmente realizzata in casa. Per chi desiderasse farlo, ecco di seguito ingredienti e preparazione.

Ed ecco la ricetta della confettura di ribes nero

Ingredienti per 4 vasetti

  • 1 kg bacche ribes nero
  • 1 mela
  • 300 gr zucchero di canna bianco

Preparazione

Sgranate il ribes e lavatelo sotto l’acqua corrente. Passate i frutti in un passaverdure e ripetete 2 volte questo passaggio. Mettete le bacche di ribes così tritate, unitamente ad una mela tagliata a spicchi, in una casseruola senza acqua e fate cuocere per 10 minuti prima di aggiungere lo zucchero.

Lasciate cuocere fino a quando il composto non abbia raggiunto la densità desiderata. Potete usare un piccolo trucco per  capire se la confettura è pronta: mettetene un  cucchiaino in un piatto e se non cola vuol dire che è pronta.

Sterilizzate i vasetti di vetro bollendoli prima in acqua per almeno 10 minuti poi fateli asciugare in forno caldo a 180° per circa 10 minuti.

Versate il composto ancora caldo nei vasetti, chiudeteli ermeticamente e capovolgeteli fino a quando non si saranno raffreddati.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Confettura di ribes nero : profumo di antichi sapori

  • Gio 28 Giu 2018 | Mauri ha detto:

    Woow viva il ribes nero

    • Ven 29 Giu 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      E’ ottimo oltre che fa bene

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Marmellata di arance e fiori di sambuco

Marmellata di arance e fiori di sambuco, una...

Marmellata di arance e fiori di sambuco, un abbinamento straordinario La marmellata di arance e fiori di sambuco è una marmellata diversa dal solito. Ciò dipende dalla presenza di un ingrediente...

fave

Le fave, alleate della buona cucina e del...

Le principali caratteristiche delle fave Le fave sono tra i fondamenti della dieta mediterranea. Sono un alimento che arricchisce l’alimentazione europea da millenni, molto apprezzato già...

Friarielli in conserva

Friarielli in conserva, un condimento davvero speciale

Friarielli in conserva, un ottimo condimento pronto per l’uso I friarielli in conserva sono un’idea semplice ma utile per valorizzare uno degli alimenti simbolo della tradizione napoletana e...

Composta speziata al mandarino

Composta speziata al mandarino, un’ottima alternativa

Composta speziata al mandarino, incredibilmente aromatica La composta speziata al mandarino è una buona alternativa alla marmellata. Prima di descrivere la ricetta e gli ingredienti che la...

Pere madernasse al rum

Pere madernasse al rum, una conserva dolce e...

Pere madernasse al rum, una ricetta davvero particolare Le pere madernasse al rum sono un’idea davvero sfiziosa per una conserva dolce che, all’occasione, può essere utilizzata come un dessert...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti