Polvere di Lucuma dolcificante a basso indice glicemico

Polvere di lucuma
Stampa

Oggi vi parlo della polvere di Lucuma in quanto sempre più persone, per fortuna, abbandonano lo zucchero bianco tradizionale e vanno a caccia della soluzione migliore e più salutare per dolcificare le proprie pietanze. Così, ultimamente, si assiste alla riscoperta o alla nascita di numerosissimi dolcificanti dalle caratteristiche diverse.

Tutti, o quasi, di origine naturale alcuni hanno il vantaggio di dolcificare senza apportare calorie aggiunte, altri sono in grado di donarci, oltre che al sapore naturalmente dolce e gradevole, alcune importante proprietà nutritive, soprattutto vitamina e Sali minerale.

Ma se vi dicessi che esiste una polvere da usare come sostitutivo dello zucchero, con proprietà anti-invecchiamento e anti-infiammatorie?

Sì proprio così, sto parlando della polvere di lucuma, il cui uso e proprietà erano già noti agli Inca del Sud America. A noi, però, la lucuma e le sue proprietà sono molto meno note, vediamo allora di conoscerle bene.

La lucuma è un frutto subtropicale, giallo-arancione originario del Perù. E ‘stato utilizzato ampiamente nell’impero Inca e considerato un simbolo di fertilità, comunemente indicato come “l’oro degli Inca”. È ancora molto utilizzato in Sud America, tant’è che il gelato più popolare in Perù è proprio al gusto di lucuma. Questo probabilmente è dovuto al suo sapore naturalmente dolce che ricorda l’acero.

Polvere di lucuma

Nonostante il suo gusto dolce, però, la lucuma ha un indice glicemico molto basso, il che lo rende un dolcificante sano, ideale anche per i diabetici. La polvere si ottiene dai frutti snocciolati e disidratati.

Ecco quali sono i vantaggi per la salute che si ottengono dal consumo di questa polvere.La polvere di lucuma contiene carotene, un antiossidante essenziale nella produzione di vitamina A e retinolo che, tra le loro altre proprietà benefiche, promuovono la salute degli occhi e l’elasticità della pelle.

La vitamina B3, o niacina, ha un ruolo fondamentale nel corretto funzionamento del sistema nervoso; alcuni studi hanno dimostrato che la vitamina B3 potrebbe ridurre il rischio di malattia di Alzheimer, ma anche di cataratta e diabete di tipo 1. Questa vitamina non è prodotta dall’organismo ma deve essere necessariamente introdotta attraverso l’alimentazione.

Il ferro è un minerale essenziale per il trasporto di ossigeno e serve come cofattore per molte reazioni chimiche all’interno delle cellule.

Vorrete sapere, a questo punto, come utilizzarla. Beh, niente di più semplice, la polvere di lucuma può essere mescolata direttamente a frullati, yogurt e budini. Oppure, si può aggiungere ai prodotti da forno per sostituire lo zucchero.

CONDIVIDI SU
14-08-2015
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti