bg header

Confettura di barbabietole e uva, interessante!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Confettura di barbabietole

Confettura di barbabietole e uva, un’alternativa interessante! Solitamente la barbabietola la mangio in insalata o ci faccio la Saltibarsciai, una zuppa fredda lituana, ma una mia amica mi ha consigliato questa ricetta e provo ad ascoltarla…….

Non è consigliato l’uso frequente a chi ha problemi di intolleranza al nichel. Ma diamo ad ogni preparazione il suo giusto nome secondo il nostro governo che ha stabilito alcune regole

ConfetturaE’ la mescolanza, portata a consistenza gelificata appropriata, dì zuccheri, polpa c/o purea di una o più specie di frutta e acqua. Per gli agrumi, tuttavia, la confettura può essere ottenuta dal frutto intero o tagliato c/o affettato.
La quantità di polpà e/o purea utilizzata per la fabbricazione di 1000 grammi di prodotto finito non deve essere inferiore a:

  • 350 grammi in generale;
  • 230 grammi per ribes rosso, sorbe, olivello spinoso, ribes nero, cinorrodi e mele cotogne;
  • 150 grammi per lo zenzero;
  • 160 grammi per il pomo di acagiù;
  • 60 grammi per il frutto di granadiglia.

Confettura extra: E’ la mescolanza, portata a consistenza gelificata appropriata, dì zuccheri, polpa non concentrata di una o più specie di frutta e acqua. Tuttavia, la confettura extra di cinorrodi e la confettura extra senza semi di lamponi, more, ribes neri, mirtilli e ribes rossi può essere ottenuta parzialmente o totalmente dalla purea non concentrata di questa specie di frutta. Per gli agrumi, la confettura extra può essere ottenuta dal frutto intero o tagliato e/o affettato. I seguenti frutti mescolati ad altri non possono essere utilizzati per la produzione di confetture extra: mele, pere, prugne a nocciolo aderente, meloni, angurie, uva, zucche, cetrioli e pomodori.

Gelatina: E’ la mescolanza, sufficientemente gelificata, di zuccheri, di succo di frutta e/o estratto acquoso di una o più specie di frutta. La quantità di succo di frutta e/o di estratto acquoso utilizzata per la produzione di 1000 grammi di prodotto finito non deve essere inferiore a quella fissata per la produzione della confettura.  Dette quantità sono calcolate previa detrazione del peso dell’acqua impiegata per la preparazione degli estratti acquosi.

Confettura di barbabietole

Marmellata: E’ la mescolanza, portata a consistenza gelificata appropriata, di acqua, zuccheri e di uno o più dei seguenti prodotti ottenuti da agrumi: polpa, purea, succo, estratti acquosi e scorze.  La quantità di agrumi utilizzata per la produzione di 1000 grammi di prodotto finito non deve essere inferiore a 200 grammi, di cui almeno 75 grammi provenienti dall’endocarpo.

Gelatina extra: E’ la mescolanza, sufficientemente gelificata, di zuccheri, di succo di frutta e/o estratto acquoso di una o più specie di frutta. I seguenti frutti mescolati ad altri non possono essere utilizzati per la produzione di gelatine extra: mele, pere, prugne a nocciolo aderente, meloni, angurie, uva, zucche, cetrioli e pomodori.  La quantità di succo di frutta e/o di estratto acquoso utilizzata per la produzione di 1000 grammi di prodotto finito non deve essere inferiore a quella fissata per la produzione della confettura extra. Dette quantità sono calcolate previa detrazione del peso dell’acqua impiegata per la preparazione degli estratti acquosi.

Marmellata gelatina: E’ il prodotto esente totalmente da sostanze insolubili, salvo eventualmente esigue quantità di scorza di agrumi finemente tagliata.

Crema di marroni: E’ la mescolanza, portata a consistenza appropriata, di acqua, zuccheri e purea dì marroni. La quantità di purea di marroni (di Castanea Sativa) utilizzata per la produzione di 1000 grammi di prodotto finito deve essere non inferiore a 380 grammi.

Ed ecco la ricetta della Confettura di barbabietole e uva

Ingredienti per 4/6 barattoli

  • 1 kg barbabietole crude,
  • 3 kg uva Regina,
  • un’ arancia,

Preparazione

Lavate l’uva, spremete i chicchi e rac­cogliete il succo così ottenuto in una cio­tola. Lavate l’arancia, spremete il succo e tagliate la scorza. Pelate con cura le barbabietole, ra­schiatele, tagliatele a fettine e mettete­le in una casseruola di acciaio inossida­bile. Aggiungete il succo e la scorza d’arancia e tanto succo d’uva quanto ba­sta per coprirle abbondantemente.

Mescolate e portate a bollore, quindi abbassate la fiamma al minimo e cuocete per 4 ore mescolando di tanto in tan­to e in continuazione negli ultimi minuti di cottura.

Passate infine le barbabietole al se­taccio e raccogliete il passato così otte­nuto in una seconda casseruola. Rimettete sul fuoco e fate bollire per 30 minuti, fino a quando la marmellata avrà raggiunto la giusta consistenza. Versatela ancora calda in barattoli puliti, sterilizzati e asciutti. Chiudeteli ermeticamente, fa­teli raffreddare capovolti e conser­vateli in luogo fresco e buio.

4.3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

1 commento su “Confettura di barbabietole e uva, interessante!

  • Mer 6 Feb 2013 | Elisa Caimi ha detto:

    Una vera novità. Non ho mai pensato di farle in confettura! Grazie :D

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fagiolini sott’olio

Fagiolini sott’olio, una conserva semplice ma molto utile

Come utilizzare i fagiolini sott'olio I fagiolini sott’olio sono ottimi consumati da soli, come snack salato e saporito sui generis. Sono perfetti anche accompagnati con un po’ di pane, tuttavia...

Mostarda di clementine

Mostarda di clementine, una conserva dolce e aromatica

I tanti usi della mostarda di clementine La mostarda di clementine è una mostarda fatta in casa a base di frutta, che vanta numerosi usi in cucina. Può essere consumata come spuntino, soprattutto...

Azzeruole sotto spirito

Azzeruole sotto spirito, una conserva diversa dal solito

Quale zucchero utilizzare per le azzeruole sotto spirito? Lo zucchero è un ingrediente importante per le azzeruole sotto spirito, infatti contribuisce a rendere più dolce il frutto, quindi impatta...

logo_print