Gnocchi con ragù di coniglio, un delizioso primo

Gnocchi con ragu di coniglio
Commenti: 2 - Stampa

Gnocchi con ragù di coniglio, un delizioso primo. Abbiamo la fortuna di vivere in un Paese in cui la dieta mediterranea è proposta per tradizione, ma spesso ricorriamo a diete elaborate oltreoceano per dimagrire. È ormai ampiamente dimostrato che la dieta mediterranea ha un effetto protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari e di molte forme tumorali, perché si tratta di un regime alimentare completo dal punto di vista nutrizionale.

Fornisce all’organismo tutti i nutrienti di cui ha bisogno per un corretto funzionamento di tutti gli organi, al contrario della maggior parte delle diete in genere proposte, che si basano sulla limitazione di uno o più tipi di alimenti, che comportano una carenza di alcuni nutrienti (soprattutto, vitamine, minerali ed oligoelementi), con conseguenti cali di pressione, debolezza, vertigini e altri disturbi più gravi. Quando si dimagrisce in poco tempo (e tanto) nel nostro organismo scattano alcuni meccanismi che si oppongono al dimagrimento.

Gnocchi con ragù di coniglio per tutti

Oltre al noto effetto yo-yo, o di rimbalzo, con il quale si perdono e si riprendono i chili persi ogni volta che si inizia e si interrompe una dieta, c’è un altro fenomeno da non sottovalutare: quando si dimagrisce in tempi troppo brevi si perde una quantità eccessiva di massa magra rispetto alla massa grassa, mentre quando si ingrassa di nuovo si recupera soprattutto quella grassa, con il risultato finale che dopo un lungo periodo di yo-yo ci si ritrova con una percentuale di massa grassa superiore a quella che si aveva prima di mettersi a dieta e che il metabolismo, essere pigri, ci fa consumare meno energia’ e’ accumulare sempre più peso.

Gnocchi con ragù di coniglio

Questi gnocchi con ragù di coniglio, primo molto adatto a chi soffre di celiachia, sono un piatto ricco d’interessanti proprietà. Entrando nel merito di quelle della carne di coniglio, è bene ricordare la ricchezza di proteine e la sostanziale povertà di grassi. La carne di coniglio, che si configura come una tra le più complete dal punto di vista nutrizionale, è ricca di grassi insaturi, benefici per la salute del sistema cardiocircolatorio.

Da ricordare è poi il contenuto di minerali. Di quali si parla di preciso? Di fosforo, potassio e magnesio. Molto importante è anche la presenza di vitamina B, che garantisce un alto livello di digeribilità.

La carne di coniglio è una sana quanto nutriente alternativa alle carni suine e bovine, vediamo brevemente perché. Le calorie contenute in una porzione di carne di coniglio (ad esempio arrostita) sono molto meno rispetto alla stessa porzione di carne di manzo o di maiale. Anche i grassi saturi e il colesterolo sono inferiori. Possiamo quindi dire che la carne di coniglio è più magra della carne di manzo e di suino.

Passiamo alle proteine, importanti, lo ricordo, per assicurare all’organismo la giusta quantità di energia, per il buon funzionamento dei muscoli e per il corretto andamento del sistema immunitario. Ecco, con una porzione di coniglio ci assicuriamo la giusta dose di proteine per fare tutto questo.

Non dimentichiamo che un profilo nutrizionale non è completo se mancano vitamine e Sali minerali. Anche in questo caso la carne di coniglio non delude. Troviamo l’importantissima vitamina B12 che è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale e del metabolismo, nonché nella formazione dei globuli rossi. Nel coniglio c’è anche la vitamina B3, nota come niacina che, tra le altre funzioni, aiuta a convertire i carboidrati in energia. Tra i Sali minerali spiccano il selenio e il fosforo.

 

Scopriamo assieme i benefici dello scalogno

Per completare le informazioni su questi gnocchi con ragù di coniglio è bene specificare qualcosa anche sulla proprietà dello scalogno. Consumarlo crudo è un’ottima soluzione per rinforzare unghie e capelli! I suoi benefici non finiscono però qui! Lo scalogno, infatti, contiene anche molti antiossidanti. Oltre alle vitamine è possibile ricordare la presenza di quercetina! Davvero un toccasana per la salute!

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 gr di coniglio disossato,
  • 500 gr di gnocchi,
  • 3 cucchiai di passata di  pomodoro,
  • 2 scalogni,
  • un ciuffetto di prezzemolo,
  • 2/3 chiodi di garofano,
  • 1 bicchiere di vino bianco secco,
  • q.b. olio extravergine d’oliva,
  • 40 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Fate appassire gli scalogni tritati in 2 cucchiai d’olio e rosolate bagnando con mezzo bicchiere di vino. Quando sarà evaporato aggiungete i pelati, chiodi di garofano e tanta acqua fino a coprire. Bollite finché il liquido si sarà ridotto di un terzo, poi filtrate, riportate il sugo ottenuto sul fuoco, unite il coniglio a dadini e cuocete a fuoco moderato per 25 minuti.

Salate, pepate e aggiungete un cucchiaio di prezzemolo tritato. Lessate nel frattempo in abbondante acqua salata gli gnocchi, scolateli, conditeli con il sugo preparato e cospargeteli di parmigiano grattugiato.

Attenzione: il ragù risulterà ancora più saporito se all’inizio, insieme allo scalogno, rosolerete anche qualche osso di coniglio spezzato, che toglierete prima di unire la polpa di pomodoro.

Tempo di preparazione: 45 minuti

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Gnocchi con ragù di coniglio, un delizioso primo

  • Mer 17 Ott 2012 | Giusy Farena ha detto:

    Sono pienamente d'accordo con te! Non esiste cucina nel mondo migliore della nostra. Sana, equilibrata e totalmente genuina! Questi gnocchi sono una favola!

    • Mer 17 Ott 2012 | Tiziana Nonna Paperina ha detto:

      grazieeeeeeeeeee

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-10-2012
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti