bg header
logo_print

Melone fantasia e il vostro antipasto è vestito a festa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Melone fantasia
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Iniziamo la cena con un delizioso antipasto.

Melone fantasia e il vostro antipasto è vestito a festa. Come ben sapete, il melone è perfetto per portare in tavola un antipasto come si deve. Piace a tutti e si abbina perfettamente al prosciutto crudo così come a quello cotto e alla mozzarella. Pertanto, se avete in programma qualche cena tra amici, colleghi e/o familiari, potrete sicuramente deliziare i vostri ospiti prendendo spunto da questo post e dalla combinazione di alimenti che vi propongo, preparando un melone fantasia.

Scegliete un frutto maturo ma non troppo e decorate il piatto di portata dando la via libera alla vostra creatività. Certamente, non ve ne pentirete e i complementi non tarderanno ad arrivare, anche se si tratta di una preparazione molto semplice e veloce!

Ricetta melone fantasia

Preparazione melone fantasia

Tagliate i due meloni a metà nel senso della larghezza, estraete i semi e scavate leggermente la polpa.

Tagliate a dadini le fette di prosciutto e la mozzarella; metteteli nelle vaschette di melone,

e servite ben fresco (se li preparate in anticipo teneteli in frigo fino al momento di utilizzarli). Al momento di servire condite con un filo d’olio e sale

Ingredienti melone fantasia

  • 2 meloni maturi e sugosi
  • 4 fette prosciutto cotto alte circa un dito
  • 200 gr mozzarella consentita
  • un filo d’olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale rosa 

Melone fantasia per una ventata di freschezza. Il melone è uno dei frutti tipici dell’estate, almeno in Italia. Questo frutto si caratterizza per la presenza di numerosissime varietà, di cui parlerò nel prossimo paragrafo. In questo vorrei soffermarmi sulle ottime proprietà nutrizionali del frutto. Infatti il melone abbonda di vitamina C e di vitamina K, ma anche di potassio (in buone quantità), calcio e fosforo. Il melone apporta solo 33 kcal per 100 grammi, nonostante possa essere estremamente zuccherino.

La pianta è in realtà un rampicante che necessita di un terreno umido e di un clima caldo. Le foglie sono chiare, dalla forma irregolare e molto grandi. La stagionalità del melone può cambiare da varietà a varietà, ma in genere la maturazione inizia a maggio e finisce a settembre. E’diffuso in Europa da più di due millenni, originario dell’Asia centrale e importato successivamente prima dagli egiziani e poi dai greci.

Colori e nutrimento conquistano il palato e anche il nostro organismo!

Sembra che il melone sia originario dell’Asia, ma ancora non ci sono tante certezze a riguardo. Ad ogni modo, è proprio l’Asia a rivelarsi il maggior produttore di questo frutto. Una pianta dal fusto strisciante, simile a quello della zucca, ci regala un alimento molto amato, composto prevalentemente da acqua. È un’ottima fonte di potassio, fosforo, ferro, magnesio, zinco, calcio, rame, selenio e manganese, e di vitamina A, C, B1, B2, B3, B5, B6, E, K, e J.

Melone fantasia

Essendo carico di alfa-carotene e beta-carotene, anche il nostro melone fantasia potrà regalarci un valido effetto antiossidante, contrastando i danni dei radicali liberi, rallentando il naturale invecchiamento cellulare e tenendo alla larga molte malattie. Il suo contenuto di potassio propone benefici per la circolazione sanguigna e per quanto riguarda la pressione, mentre quello di vitamina A ci aiuta a salvaguardare la salute degli occhi.

Il melone è saziante, depurativo, diuretico, energizzante, ipocalorico (34 calorie in 100 grammi), protettivo nei confronti del sistema nervoso, di quello gastrointestinale, dell’apparato scheletrico e della pelle. Dovreste sapere che anche solo due o tre fette di questo frutto possono fornirci l’intero fabbisogno giornaliero di vitamina A e C!

Del melone esistono infinite varietà. Qui di seguito vi riporto quelle più diffuse in Italia.

  • Cantalupo. Ha una buccia dal verde al grigio, una polpa spiccatamente arancione (piuttosto soda) e una dolcezza media. E’ la varietà più diffusa in Italia.
  • Retato. La buccia è grigio chiara con sottili striature verdi, coperta da una fine retatura. La polpa è succosa e presenta dei sentori agrumati. Le dimensioni sono spesso piccole e la forma è tonda.
  • D’Inverno. Caso più unico che raro, matura da settembre a novembre. E’ piccolo, dalla polpa bianchissima, molto morbida e spiccatamente dolce.
  • Giallo siciliano. Simile al melone d’Inverno, ma un po’ più grande e ancora più dolce. Viene coltivato soprattutto nelle province occidentali della Sicilia.
  • Inodorus. Dalla polpa bianca e dalla buccia liscia, si caratterizza per una certa compattezza e per una dolcezza media.

Alcuni consigli per la preparazione dell’antipasto con il melone e non solo

Anche se vi suona strano, sappiate che il melone più profumato e più ricco di gusto è decisamente l’esemplare maschio, dotato di un piccolo punto nero distintivo che si trova nella parte opposta a quella dove si trova il picciolo. Potrete conservarlo in frigo per un massimo di 4 giorni, coprendolo bene per evitare che il suo sapore influenzi quello degli altri alimenti. I meloni che cogliamo in inverno, se ancora non sono maturi, possono invece conservarsi anche per 4 o 5 mesi, fino a che non maturano.

Il sale rosa dell’Himalaya, se proprio non è l’alimento miracoloso citato dai fan dell’alimentazione macrobiotica, è comunque un alimento la cui assunzione può effettivamente giovare al nostro organismo. Ultimamente sono sempre alla ricerca di alimenti che mi facciano stare bene, e credo che questo sia un po’ il sogno di tante persone. Credo che per stare bene e in salute si deve cominciare dall’alimentazione, quindi scegliere i cibi giusti, quelli più sani e ricchi di elementi nutritivi.

Un’alimento importante a cui nessuno pensa: il sale.Il sale rappresenta, dalla notte dei tempi, un ingrediente irrinunciabile sulle nostre tavole. A piccole dosi, esso rappresenta quel qualcosa in più in grado di conferire sapore e gusto ad una pietanza che, per quanto prelibata, priva di esso, risulterebbe non del tutto gradevole.

E alla fine di tutto questo discorso, arriviamo al nostro melone fantasia che, come l’avrebbe definito mia sorellina, è un ottimo modo per “vestire a festa” un semplice frutto.

Ricette insalate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Brandade de Morue à la Nimoise

Brandade de Morue à la Nimoise: lo snack...

Tutto il sapore del baccalà Il protagonista di questa ricetta è il baccalà, che qui viene sottoposto a un trattamento particolare. Tanto per cominciare viene dissalato, ossia viene lasciato in...

Aperitivo con arancia

Aperitivo con arancia, un’idea creativa per i buffet...

Aperol, una bevanda leggendaria L’elemento più caratteristico della ricetta dell'aperitivo con arancia è l’Aperol. Siamo parlando di una bevanda molto conosciuta, che ha attraversato oltre un...

Gazpacho di pesche (

Gazpacho di pesche, una ricetta dolce e aromatica

Quale pesche utilizzare per questo gazpacho? Per questo particolare gazpacho di pesche vi consiglio di utilizzare le pesche gialle. Sono le pesche più dolci, e quindi in grado di spiccare in mezzo...