Uova alla sarda, un piatto allegro e gustoso.

Uova alla sarda

Tanto gusto ed energia in tavola: uova alla sarda

Uova alla sarda, un piatto allegro e gustoso.Questa preparazione tipica della cucina regionale dell’Isola, una vera bontà semplice e veloce da preparare che coniuga le qualità energetiche e nutrizionali dell’uovo con un gusto arricchito da qualche goccia di aceto. La “controindicazione” è per chi ha allergie o intolleranze alimentari alle uova, ingrediente base della ricetta. Le persone che hanno problemi posso sostituire le uova di gallina con le uova di quaglia che nella stragrande maggioranza non hanno controindicazioni.

Prima di vedere in dettaglio come si fanno le nostre uova alla sarda, ricordiamo quali sono le proprietà degli ingredienti che useremo. La Sardegna, arricchitasi nel tempo grazie alle contaminazioni tra diverse culture del mediterraneo, è considerata parte dell’omonima dieta che è tra i patrimoni immateriali dell’umanità riconosciuti nel 2010 dall’Unesco.

Le uova: una miniera di sostanze nutrienti

Le uova hanno molte proprietà benefiche per l’organismo contengono infatti proteine e amminoacidi di elevata qualità ed essenziali per l’organismo umano oltre ad essere ricche di colina, importante per la regolazione delle funzioni nervose e cardiovascolari. Hanno un contenuto di grassi nella norma, saturi compresi, e contengono il 12% di sali minerali

Le uova alla sarda, di cui ci accingiamo a vedere la preparazione, esaltano al massimo il gusto dell’uovo di gallina che, com’è noto, dal 2009 nei paesi dell’Unione europea necessita sempre sul guscio di un apposito codice che ne permette la “tracciabilità”, indicando il tipo e il luogo di provenienza e di allevamento.

Aceto: tutto il sapore senza ingrassare

L’aceto da cucina è amico della linea e dell’apparato cardiovascolare perché riduce il modo importante la concentrazione di glucosio nel sangue (la glicemia). L’acido acetico combatte anche l’accumulo di grassi nel corpo. Condire i nostri piatti con dell’aceto di vino, ovviamente senza esagerare, ci aiuta dunque a tenerci in forma mangiando di tutto gusto.

Questa ricetta, proprio per questo connubio tra uovo e aceto, può essere considerate un piatto che fa bene alla salute oltre che al palato. Delle varianti del piatto sono sempre possibili, aggiungendo o togliendo qualche ingrediente “di contorno” diciamo così, ma la ricetta originale è quella qui vi proponiamo qui.

Ed ecco la ricetta delle Uova alla sarda:

Ingredienti per 4 persone

  • 6 uova
  • un cucchiaio di aceto di riso
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine d’oliva
  • uno spicchio d’aglio
  • un rametto di timo
  • qualche galletta di quinoa
  • q.b. sale

Preparazione

Fate bollire le uova per 9 minuti in acqua bollente. Appena pronte lasciate qualche minuto sotto l’acqua fredda prima di sgusciarle. Sbucciate l’aglio e tritate finemente. Lavate e tritate a coltello il timo. Polverizzate delle gallette di quinoa

Prendete le uova e tagliatele a metà nel senso della lunghezza e adagiate facendo attenzione a non romperle sul fondo di una padella, irrorate con l’olio,  l’aceto e un pizzico di sale

Lasciate che l’aceto evapori a fiamma bassa per qualche minuto. Sistemate su un piatto da portata con la parte tagliata rivolta verso l’alto.

Nella stessa padella versate il trito di aglio e di prezzemolo e fate scaldare a fiamma basso prima di unire la quinoa. e un filo d’olio. Lasciate tostare qualche minuto.

Spalmate questa salsina sulle uova e servite

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

1 commento su “Uova alla sarda, un piatto allegro e gustoso.

  • Gio 1 Mar 2012 | Lidia ha detto:

    che bei colori…..un piatto coloratissimo….

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

sciatt

Gli sciatt, delle splendide polpettine al formaggio

Gli sciatt, una ricetta antica Gli sciatt sono delle frittelle tonde con un cuore di formaggio filante, un piatto tipico della Valtellina. Benché siano simili ai soliti pezzi di rosticceria, in...

Pallotte cacio e ova

Pallotte cacio e ova, un piatto della cucina...

Pallotte cacio e ova, una pietanza rustica Le pallotte cacio e ova sono una specialità abruzzese della tradizione contadina. Sono realizzate con ingredienti semplici e reperibili, come vuole la...

Cipolle speziate al forno

Cipolle speziate al forno, un contorno fuori dal...

Cipolle speziate al forno, un contorno leggero e dal sapore spiccato Le cipolle speziate al forno sono un contorno facile da preparare, nonché una squisita variazione sul tema delle classiche...

sarma

Il sarma, una specialità turca con le foglie...

Il sarma, un piatto che stupisce Oggi vi presento una ricetta all’apparenza distante dalla cucina italiana: il sarma. Si tratta di una specialità turca realizzata con ingredienti che potrebbero...

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

01-03-2012
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti