bg header
logo_print

Ricetta antica: Sigul o Sugolo o Budino di uva

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Sigul o Sugolo o Budino di uva
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 ore 30 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (2 Recensioni)

Avete mai mangiato il “Sigul”, in italiano Sugolo o Budino di uva?

Ebbene io no, ma grazie alla Nonna Anna (mia suocera) ho scoperto che è un semplicissimo budino a base di mosto. Sfatiamo subito due luoghi comuni, cioè che le donne moderne non amano stare in cucina e che “suocera e nuora” equivale a dire cane e gatto. Io adoro cucinare e accetto di buon grado i consigli di mia suocera. Solo quelli!

In questi giorni mi ha svelato un segreto che si tramanda da anni di generazione in generazione: la ricetta del sugolo.

Per chi non dovesse conoscere questo nettare degli dei, un breve cenno storico: il sugolo è una crema dalla consistenza simile a quella di un budino, ottenuta principalmente dal mosto d’uva e farina.

Ricetta Sugolo

Preparazione Sugolo

Lavate molto bene l’uva cambiando più volte l’acqua,sgranatela e mettetela a cuocere in una pentola con la stecca di cannella senza aggiungere acqua.

Quando l’uva sarà ben sfatta passatela con il passapomodoro. Pesate il succo ottenuto e calcolate per ogni quarto di liquido l’aggiunta di un cucchiaio colmo di farina e quasi 2 di zucchero (dipende dalla dolcezza dell’uva).

In una pentola a misura versate zucchero e farina e pian piano il succo mescolando senza lasciare grumi. Mettete sul fuoco e fate cuocere finchè il composto si addensa come fosse una crema.

Versare il composto d’uva in uno stampo da budino bagnato con acqua e lasciarlo raffreddare per almeno 10 ore in frigorifero prima di servirlo a tavola.

Ingredienti Sugolo

  • 1 chilo di uva
  • 4 cucchiai  di farina di riso
  • zucchero (a discrezione)
  • 1 stecca di cannella

Il sugolo era una golosità propria di questa stagione, che seguiva la vendemmia dell’uva, fatta questa con canti festaioli appropriati ed erano soprattutto le famiglie che possedevano un vigneto o qualche filare di viti, ma anche quelle che potevano procurarsi il mosto, subito dopo la pigiatura dell’uva, prima cioè che fermentando diventi vino.

Il sugolo o budino di uva è un piatto che, oltre a soddisfare il palato, racchiude in sé una storia di tradizione culinaria tramandata di generazione in generazione. Questo dolce semplice ma ricco di sapore è un esempio perfetto di come la cucina possa essere un ponte tra il passato e il presente, un mezzo per condividere culture e legami familiari.

La base del sugolo è il mosto d’uva, un ingrediente che ha radici profonde nella cultura mediterranea e che ha affascinato generazioni con la sua dolcezza naturale e il suo sapore intenso. Quando il mosto d’uva viene trasformato in un budino, crea un dessert che è al tempo stesso delicato e ricco, portando con sé il gusto dell’autunno e della vendemmia.

Preparare un sugolo o budino di uva può sembrare un gesto modesto, ma è anche un atto di preservazione della cultura e delle tradizioni familiari. È attraverso la cucina che le nonne e le madri hanno condiviso con le generazioni future le ricette tramandate, spesso raccontando storie e aneddoti che le accompagnano. È un’opportunità per imparare, condividere e apprezzare la storia e la saggezza culinaria della famiglia.

Il sugolo o budino di uva non è solo un dessert, ma un piccolo rituale che celebra la stagione dell’uva e l’amore per la cucina tradizionale. È un dolce che richiede pazienza e cura nella preparazione, e il risultato è una delizia che ti permette di assaporare la dolcezza della tradizione e il calore delle relazioni familiari. In un mondo in continua evoluzione, queste tradizioni culinarie rappresentano un importante legame con il passato e un ponte verso il futuro.

Ai tempi dei miei nonni il sugolo era la merenda dei bambini

La descrizione delle antiche tecniche di produzione del vino e della preparazione del sugolo offre un affascinante scorcio nella vita rurale di un tempo. Questi metodi artigianali, che coinvolgevano l’uso delle mani e dei piedi per manipolare l’uva, rappresentano un’arte tramandata di generazione in generazione e mettono in evidenza il profondo legame tra l’agricoltura e la tradizione culinaria.

La produzione del vino in queste fattorie e nelle case dei contadini era un’attività laboriosa e colma di rituali. La pigiatura dell’uva con i piedi e la fermentazione delle vinacce sono esempi di pratiche che riflettevano il rispetto per il processo di produzione e la valorizzazione di ogni parte dell’uva.

Il sugolo, preparato con il mosto prelevato dopo la prima pestata dell’uva, è un dolce che rappresenta l’essenza della cucina contadina, caratterizzata dalla semplicità degli ingredienti e dalla creatività nell’utilizzo di ciò che era disponibile. Il fatto che il sugolo potesse essere utilizzato come sostituto delle merendine commerciali evidenzia il suo valore nutrizionale e la sua autenticità.

Questa narrazione evoca un senso di nostalgia per un’epoca passata, quando la vita era più legata alla terra e alla produzione locale. Il cibo era preparato con ingredienti freschi e conosciuti, e il tempo trascorso in cucina era una forma di connessione con la storia familiare e la cultura locale.

Anche se le tecniche di produzione del vino e la preparazione dei dolci possono essere cambiate nel corso degli anni, è importante apprezzare queste tradizioni culinarie e conservare il ricordo delle pratiche artigianali che hanno contribuito a definire la cucina di un’epoca passata.

Due parole sull’uva

L’uva non ha certo bisogno di presentazioni, dal momento che è uno dei frutti più importanti della storia, che ha segnato e segna tuttora intere culture culinarie, gastronomiche e non. Ad ogni modo, dal punto di vista botanico, l’uva è frutto della Vitis vinifera, pianta tendenzialmente rampicante che può crescere un po’ in tutti i climi, purché temperati e meglio ancora se mediterranei

Il frutto viene utilizzato soprattutto per la produzione di vino, ma può essere definito anche da “tavola”. Inoltre può essere impiegato per preparare numerose ricette, come vedremo in seguito. Sull’uva si conosce ancora molto poco, per esempio non si ha l’oggettiva consapevolezza di quanto faccia bene alla salute. L’uva contiene, infatti, molte vitamine del gruppo B, la vitamina A e C, e molti sali minerali come il calcio, il ferro, il magnesio, il fosforo e il potassio. L’uva è soprattutto ricca di antiossidanti, su tutti spicca il resveratolo, un fenolo non flavonoide che, tra le altre cose, esercita anche una funzione antinfiammatoria.

Quante varietà di uva ci sono?

Ci sono numerose varietà di uva, ognuna con le sue caratteristiche distintive di sapore, aspetto e utilizzo. Ecco alcune delle varietà più conosciute di ognuna di queste categorie:

Uva Bianca:

  • Thompson Seedless: Una varietà di uva bianca nota per il suo sapore dolce e la sua buccia sottile. Spesso utilizzata per fare l’uva passa.
  • Chardonnay: Questa varietà è comunemente utilizzata nella produzione di vini bianchi secchi. Ha una buccia verde e produce vini con note di frutta e burro.
  • Muscat Blanc: Le uve Muscat Blanc sono famose per il loro aroma intenso e profumato. Sono spesso utilizzate per produrre vini dolci e aromatici.
  • Sauvignon Blanc: Questa varietà produce vini bianchi secchi e freschi, con un caratteristico aroma erbaceo e agrumato.
  • Riesling: Le uve Riesling sono utilizzate nella produzione di vini bianchi aromatici, spesso con note di frutta e fiori.

Uva Rossa:

  • Red Globe: L’uva Red Globe è caratterizzata da una buccia spessa e un sapore dolce. Ha un colore rosso intenso e si trova spesso come uva da tavola.
  • Crimson Seedless: Questa varietà ha uve di colore rosso acceso e un sapore dolce e succoso.
  • Concord: Le uve Concord sono famose per il loro sapore muschioso e sono spesso utilizzate per fare il succo d’uva.
  • Zinfandel: Questa varietà è associata principalmente ai vini rossi californiani. Produce vini con note fruttate e speziate.
  • Merlot: Le uve Merlot sono utilizzate nella produzione di vini rossi morbidi e fruttati, con una buccia di colore blu scuro.

Uva Rosata:

  • Black Muscat: Questa varietà di uva rosata è conosciuta per il suo sapore aromatico e dolce. Spesso utilizzata per produrre vini dolci e profumati.
  • Ruby Seedless: Le uve Ruby Seedless hanno un colore rosato e un sapore dolce e succoso. Sono una scelta popolare come uva da tavola.
  • Pink Muscat: Simile al Black Muscat ma con una tonalità più chiara di rosa. Produce vini rosati dolci e aromatici.
  • White Zinfandel: Una varietà di uva rosata che viene spesso utilizzata per produrre vini rosati leggeri e dolci.

Queste sono solo alcune delle varietà di uva bianca, rossa e rosata disponibili in tutto il mondo. Ogni varietà ha il suo unico profilo di sapore e può essere utilizzata in vari modi, dalla consumazione come frutta fresca alla produzione di vino e altri prodotti alimentari. Ricordo che l’uva ha un’alto contenuto di nichel per cui le persone intolleranti la mangino con cautela e a rotazione

E dell’uva fragola vogliamo parlarne?

L’uva fragola, conosciuta anche come “uva fragolina” o “uva americana,” è una varietà particolare di uva che merita una menzione speciale. Questa varietà di uva, che deve il suo nome al fatto che il suo sapore ricorda vagamente quello delle fragole, si distingue per la sua dolcezza e il suo aroma unici.

L’uva fragola è spesso apprezzata per il suo gusto distintivo e la sua consistenza croccante. Le piccole uve, che possono variare dal rosa al viola al rosso, sono popolari come snack o come frutta da tavola. La loro dolcezza naturale le rende una scelta ideale per chi ama i frutti dolci e succosi.

Questa varietà di uva può essere utilizzata in cucina per preparare dolci, marmellate o aggiungerla a insalate di frutta per un tocco di freschezza. La sua combinazione di sapore e aspetto attraente la rende una scelta versatile per molte preparazioni culinarie.

Come per qualsiasi alimento, è importante notare che le persone con allergie alimentari o sensibilità dovrebbero prestare attenzione quando consumano nuovi alimenti, compresa l’uva fragola. Tuttavia, per coloro che possono gustarla, questa varietà di uva offre un’esperienza gustativa unica che va oltre l’aspetto tradizionale dell’uva.

In sintesi, l’uva fragola è una varietà affascinante che aggiunge un tocco di originalità e sapore alla vasta gamma di varietà di uva disponibili. Con il suo gusto dolce e il richiamo alle fragole, è un’opzione deliziosa per chi ama i frutti freschi e gustosi.

Sugoli di uva fragola

Laura Barile di Alchimia per il  Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo invece la fa in questo modo

Ed ecco la ricetta degli Sugoli di uva fragola

Ingredienti per 6 persone

  • 1400 gr uva fragola peso del grappolo intero
  • 4 cucchiai farina di riso
  • 2 cucchiai zucchero semolato

Preparazione

Lavate l’uva fragola, separate gli acini e cuoceteli in una pentola antiaderente per almeno mezz’ora o comunque fino a quando tutti gli acini si sono “crepati”.

Setacciate l’uva cotta con l’aiuto di un passaverdure e ricavate così un succo. Con 1,4 kg di uva si ricava circa 1 litro di succo.

Versate il succo nella stessa pentola di cottura e aggiungete, versando a pioggia e mescolando con una frusta, la farina e lo zucchero. Fate cuocere circa 5 minuti, sempre mescolando.

Versate i sugoli negli stampini monodose o in uno stampo da budino e fate raffreddare in frigorifero per almeno un’ora.

Ricette con uva ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

4 commenti su “Ricetta antica: Sigul o Sugolo o Budino di uva

  • Sab 27 Ago 2022 | gioi ha detto:

    si può surgelare?

  • Gio 1 Set 2022 | Sonia ha detto:

    Buongiorno se mi posso permettere suggerisco che chi ha in casa un estrattore lo può usare tranquillamente veloce e non sporchi nulla.Dopo aver estratto il succo l,ho filtrato con un colino a maglie strette,perfetti e buonissimo

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

crostata banane e cioccolato

Pasta frolla senza burro, un’ottima base senza lattosio

Come preparare la pasta frolla? La pasta frolla senza burro è davvero speciale e diversa dalle altre, allo stesso tempo è anche semplice da realizzare. E’ sufficiente creare un mix secco con...

Muffin alle mele e farina di patate

Muffin alle mele e farina di patate, dei...

I pregi della farina di patate La farina di patate incide parecchio sull’impasto dei muffin alle mele, anche perché se ne utilizza una quantità importante. E’ frutto del processo di...

Viennetta fatta in casa

Viennetta fatta in casa alla panna, una ricetta...

Quale cioccolato fondente utilizzare? Tra gli ingredienti più importanti della mia viennetta fatta in casa spicca il cioccolato fondente. Esso compare in due momenti distinti: durante la...