Cugnà o Cognà , un’ottima salsa e oggi la prepariamo insieme!

Tempo di preparazione:

Cos’è la Cognà o Cugnà? Scopriamolo subito!

La Cognà (che si pronuncia “Cugnà”) si presenta come una delizia tutta da gustare. Si tratta di una specialità culinaria originaria del Piemonte, in particolare delle Langhe, che unisce le principali caratteristiche di una salsa a quelle della marmellata. Generalmente, si prepara con l’uva, le mele, le pere, i fichi, la frutta secca, le albicocche secche, la cannella, i chiodi di garofano e un po’ di zucchero. Oggi ne prepareremo una versione molto speciale e golosa sotto ogni punto di vista.

È una ricetta senza glutine e priva di lattosio, i cui ingredienti andranno bolliti per qualche ora, fino a diventare una deliziosa Cognà. Può essere conservata per diversi mesi ed essere portata in tavola per accompagnare piatti come il bollito misto alla piemontese, le carni bollite, la polenta e i formaggi. Naturalmente, una volta assaggiata e in base ai vostri gusti, potrete rendere la “vostra Cugnà” il tocco finale e il topping perfetto per molte delle vostre pietanze preferite.

Quello che dovreste sapere su questa ricetta…

Chiamata anche “mostarda d’uva piemontese”, la Cognà è una salsa che, ahimè, richiede molto tempo per la preparazione. Proprio per questo, molte persone si lasciano scoraggiare e finiscono per non prepararla. Tuttavia, vi consiglio di fare un piccolo sforzo: il risultato che otterrete si trasformerà in un’esperienza organolettica unica! In pratica, un sapore impareggiabile vi conquisterà, ripagandovi per lo sforzo e facendovi dimenticare la fatica fatta.

Cognà

Inoltre, dobbiamo considerare che preparare questa salsa direttamente a casa vorrà dire genuinità, alimenti di qualità e tante sostanze nutritive da portare in tavola: dalle vitamine ai minerali, dagli antiossidanti alle fibre, dagli omega 3 agli omega 6! Pertanto, sicuramente vale la pena di perdere un po’ di tempo per la preparazione della Cognà, non credete? Infine, è utile considerare che molto spesso piace anche ai bambini… Un motivo in più per preparare questo mix di bontà!

A tavola con la Cognà

Una volta pronta, potrete servirla con le vostre pietanze preferite, deliziando gli ospiti con ottimi abbinamenti: potrete offrire la Cognà con la carne o con i formaggi, ma anche semplicemente spalmata su sfiziosi crostini. Perfetta per gli aperitivi, gli antipasti, le feste, le cene più chic e per tutte le volte in cui desiderate stupire gli ospiti, questa salsa vi permetterà di fare un figurone, riuscendo a deliziare persino i palati più sofisticati.

Sarà importante scegliere gli ingredienti con cura, prediligendo i prodotti bio e le migliori qualità. In questo modo, potrete assaporare una mostarda d’uva piemontese fatta a casa vostra, davvero incredibile e caratterizzata da un mix di sapori che si sposano alla perfezione.

Che la chiamiate Cognà o Cugna poco importa: in ogni caso, il risultato vi soddisferà al 100%!  Ho provato una delle ricette piemontesi per eccellenza seguendo qualche istruzione dal sito delle Langhe, ma se avete altri consigli li accetto

Ed ecco la ricetta della Cognà

Ingredienti

  • 2,5 kg. di uva dolcetto
  • 1 kg di pere Madernassa (se non le trovate vanno bene anche le Martin Sec)
  • 250 gr di mele renette
  • 250 gr di mele cotogne
  • 250 gr di fichi
  • 200 gr di nocciole
  • 50 gr di gherigli di noce
  • 1 cucchiaino di scorze d’arance secche
  • 1 cucchiaino di scorze di limone
  • 1 cucchiaino di scorze interne di melone
  • qualche chiodo di garofano
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere

Preparazione

Pigiate l’uva e filtrate il mosto che ottenete con un setaccio a maglie finissime. Sgusciate le nocciole e le noci.

Versatelo in una pentola capiente e fatelo sobbollire a fuoco moderato, schiumandolo di tanto in tanto con la schiumarola, fino a che si riduce a circa metà del suo volume.

Aggiungete quindi le mele e le pere tagliate a pezzi, i fichi tagliati a metà e le scorze.

Continuate la cottura per almeno due ore e, verso la fine, aggiungete le nocciole precedentemente tostate su piastra rovente e pestate nel mortaio, i gherigli di noce spezzati, i chiodi di garofano e la cannella.

Versate la cognà ancora calda nei barattoli di vetro a chiusura ermetica e richiudete subito.

Riponeteli nella dispensa.

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

2 commenti a “Cugnà o Cognà , un’ottima salsa e oggi la prepariamo insieme!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.