bg header
logo_print

Spaghetti cacio e pepe, un piatto sempreverde

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Spaghetti cacio e pepe
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 5 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Spaghetti cacio e pepe, il piatto romano per eccellenza

Gli spaghetti cacio e pepe (o pasta cacio e pepe) sono tra i piatti più famosi della cucina romana. Sono un primo piatto tra i più conosciuti non solo in Italia, ma in tutto il mondo, grazie soprattutto al cinema del dopoguerra. Gli spaghetti cacio e pepe sono un grande classico, comunemente noti con l’espressione “cacio e pepe”. Sono all’apparenza un piatto semplice, composto da una manciata di ingredienti. In realtà necessitano di alcuni accorgimenti, se si vuole ottenere una cremina morbida, uniforme ed equilibrata in termini di gusto. Particolare attenzione va prestata alla proporzione degli ingredienti. Un errore che molti commettono è abbondare di acqua e lesinare di pecorino, o viceversa. I due ingredienti vanno impiegati con una proporzione di uno a uno.

Un altro accorgimento che pochi conoscono riguarda i piatti di portata. Essi devono essere caldi, possibilmente appena prelevati dalla lavastoviglie (o lavati in acqua calda) in quanto il calore contribuisce a mantenere morbida la salsina al formaggio, e le impedisce di diventare collosa. Per quanto concerne il pepe, invece, avete ampio margine di discrezione, quindi può essere inserito a piacimento. Ovviamente evitate di cospargere il piatto di pepe, per non alterare troppo il sapore.

Ricetta originale degli spaghetti cacio e pepe:

Preparazione spaghetti cacio e pepe

La ricetta degli spaghetti cacio e pepe inizia dalla pasta. Portate ad ebollizione una pentola abbondante di acqua leggermente salata e fate cuocere la pasta al dente. Poi grattugiate il pecorino. Scolate gli spaghetti velocemente, conservando alcuni mestoli di acqua di cottura della pasta. Versate gli spaghetti nella zup­piera ben calda e condite con il pecorino romano grattugiato e abbondante pepe macinato al momento. Mescolate rapidamente e servite subito per evitare che la pasta tenda a legarsi, essendo priva di grassi. Se risulta tutto troppo compatto, potete aggiungere qualche cucchiaio in più di acqua di cottura ben calda.

La proporzione tra acqua e pecorino deve essere di uno ad uno per ottenere una crema di pecorino perfetta. Perché la pasta riesca bene, occorre servirla in piatti caldissimi e non scolarla troppo, af­finché il pecorino e l’acqua formino una spe­cie di crema non collosa. Il quantitativo di pepe dipende dal gusto dei commensali, mettete quindi il macinino in tavola.

Ingredienti spaghetti cacio e pepe

  • 320 gr. di spaghetti consentiti
  • 100 gr. di formaggio pecorino romano stagionato 24/30 mesi
  • q. b. di sale e grani di pepe nero. 

Una versione anti intolleranze alimentari

Gli spaghetti cacio e pepe che vi presento oggi sono un po’ diversi da quelli originali. Non tanto per il gusto, quando per la loro compatibilità con chi soffre di intolleranze alimentari. Infatti, sono senza lattosio e senza glutine. Il lattosio è assente in virtù di un pecorino romano non esattamente da “cacio e pepe”, ma che per l’occasione si rivela molto utile. Si tratta del pecorino romano stagionato 30 mesi, che grazie alla stagionatura lunghissima risulta sostanzialmente privo di lattosio. In alternativa potete utilizzare il 24 mesi, che ne contiene davvero poco.

Il riso aggiunge delicatezza, mentre la quinoa dona sapore e un potere nutritivo marcato. D’altronde stiamo parlando di un superfood, che apporta quasi in egual misura proteine e carboidrati. Tra l’altro, la quinoa è ricca di fibre, che aiutano la digestione e risolvono piccoli problemi di stipsi. La quinoa si fa apprezzare anche per il carico di vitamine e sali minerali, che risulta vario e abbondante. Ottimo è anche il contenuto di sostanze proteiche, che giovano all’organismo a più livelli. A differenza di molti altri cereali, aiuta a mantenere bassi i livelli di zuccheri nel sangue. Una buona notizia per i diabetici e per chi sta sostenendo diete dimagranti. Più zuccheri nel sangue, infatti, equivalgono ad un maggiore senso della fame. La cottura degli spaghetti non pone nessun problema, ovviamente fate riferimento al minutaggio riportato in confezione.

Spaghetti cacio e pepe

Un focus sul pecorino

Il protagonista degli spaghetti cacio e pepe è il “cacio”, ossia il pecorino. D’altronde, la cucina laziale garantisce un pecorino locale molto buono, equilibrato, non troppo salato e nutriente. Il pecorino, e in particolare quello romano, vantano tutte le proprietà nutrizionali dei migliori formaggi a media-lunga stagionatura. Il pecorino è ricco di proteine (quasi quanto il Parmigiano), come anche di calcio, una sostanza utile alle ossa e in grado di prevenire alcune malattie dell’apparato scheletrico. Questo formaggio contiene molta vitamina D, una sostanza essenziale per mantenere efficiente il sistema immunitario. L’apporto calorico, infine, è abbastanza equilibrato, infatti il pecorino più stagionato difficilmente raggiunge le 380 kcal. A differenza di molti altri formaggi, il pecorino non incide in modo negativo sul cuore.

E’ vero, è ricco di grassi come qualsiasi altro prodotto caseario, ma i suoi grassi sono sostanzialmente benefici. Alcuni studi recenti hanno dimostrato che anche un consumo abbondante di pecorino non impatta più di tanto sui livelli di colesterolo, che può provocare l’insorgenza di malattie acute e potenzialmente fatali (ictus, infarti, aneurismi etc.). Un’altra peculiarità del pecorino, che lo differenzia da qualsiasi altro formaggio, è la presenza del triptofano. Questa sostanza aiuta a produrre la serotonina, l’ormone del sonno e del rilassamento, ragione per cui il pecorino aiuta a risolvere l’insonnia. Al netto di tutto ciò, la vera ragione per cui si consuma il pecorino è il suo sapore più delicato, vario e più aromatico. Tutte qualità che tornano utili, se si vuole creare una salsina gustosa e in grado di condire al meglio.

Ricette per cucinare gli spaghetti ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...