Insalatina di coniglio: un piatto decisamente alternativo

Tempo di preparazione:

Un’insalatina di coniglio semplice ma speciale

Oggi voglio proporvi l’ insalatina di coniglio, buonissima e particolare sotto ogni punto di vista! Prepararla è facile ed è difficile non conquistare tutti con questo piatto. Da parte mia, posso dire che è davvero fantastica. Era da tanto che non proponevo una ricetta con la carne di coniglio, soprattutto perché nell’ultimo periodo non ho avuto tempo di cucinare qualcosa di sfizioso o di particolare!

Invece domenica, all’improvviso, mi chiedono cosa preparo per pranzo e io li ho guardati sgomenta, perché non sapevo proprio cosa fare! Non avevo molto nel frigo e nel freezer… menomale che il mio orto cosi ben curato non mi ha abbandonato! Non so voi, ma a me diverte tantissimo poter preparare qualcosa con quel poco che a volte si trova in frigo: è una sfida che mi affascina sempre e lascia sempre stupito il marito, che ogni volta a fine pasto mi chiede… “Ma come hai fatto?”

Le caratteristiche della carne che ho scelto

Quella del coniglio è una carne bianca e magra, e perciò ideale per moltissimi regimi alimentari. Viene data ai bambini e viene mangiata con più tranquillità anche da coloro che desiderano tenere sotto controllo la linea. Tuttavia, per avvalersi di un prodotto di qualità, è necessario prestare attenzione alla provenienza e assicurarsi che non sia stato cresciuto in un allevamento intensivo, caratterizzato da sovralimentazione e, spesse volte, anche dalla somministrazione di particolari farmaci.

insalata tiepida di coniglio1 Insalatina di coniglio:  un piatto decisamente alternativo

Seguendo queste indicazioni, potrete certamente portare in tavola un’insalatina di coniglio più gustosa e genuina. In pratica, non vi deluderà per quanto riguarda il sapore e neanche a livello nutrizionale. In generale, è utile sapere che, secondo le ricerche, abbiamo a che fare con una carne definita “ipoallergenica”, in quanto è difficile che le sue proteine possano scatenare delle intolleranze alimentari.

Oltre a questo, non dobbiamo dimenticare che si tratta di un alimento poco calorico, ma altamente nutriente, proteico e contenente dei livelli di colesterolo decisamente bassi. Questa carne è inoltre una ricca fonte di ferro, fosforo, potassio e niacina (vitamina PP).

Ecco di cosa abbiamo bisogno per questa  insalatina di coniglio

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 gr. circa di coniglio
  • 100 gr. di prosciutto crudo
  • 200 gr. di insalata verde
  • un mazzetto di rucola
  • un mazzetto di tarassaco
  • qualche foglia di salvia
  • 1 rametto di rosmarino
  • un cucchiaio di aceto di mele
  • 2 cucchiai di vino bianco secco
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di brandy
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Disossate il coniglio e ta­gliate la carne a bocconcini, quindi avvolgete ognuno di questi in mezza fetta di pro­sciutto e fissatelo con uno stecchino.

Fate rosolare i bocconcini di coniglio in una pirofila con il burro, 2 cucchiai di olio, 3-4 foglie di salvia e un rametto di rosmarino; spruzzate il tutto con il brandy, lasciatelo evaporare a fuoco vi­vo, e poi trasferite la pirofila in forno già caldo a 180° . Fa­te cuocere per circa 30 minuti. Se il sugo diventasse troppo asciutto, bagnate con poca ac­qua calda.

A cottura ultimata, estraete i bocconcini dalla pirofila e teneteli in caldo. Unite al fon­do di cottura, 4-5 cucchiai di vino e fatelo consumare a fuoco vivo. Infine, filtratelo per eliminare salvia e rosmarino, regolate di sale e pepate, ag­giungetevi un cucchiaio di aceto e sbattete con una pic­cola frusta per emulsionare il condimento.

Mondate i 3 tipi di insalata, lavateli, asciugateli e dispone­teli su un piatto da portata as­sieme ai bocconcini ancora tie­pidi, irrorate con la salsa pre­parata e servite la vostra insalatina di coniglio (oppure servi­te a parte in una salsiera).

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

printfriendly pdf button nobg md Insalatina di coniglio:  un piatto decisamente alternativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *