Insalatina di coniglio

Tempo di preparazione:

Era da tanto che non proponevo una ricetta con la carne di coniglio, soprattutto perchè non ho avuto tempo negli ultimi tempi per cucinare qualcosa di sfizioso o di particolare!

Invece domenica, all’improvviso mi chiedono cosa preparo per pranzo, e io li ho guardati sgomenta, perchè non sapevo proprio cosa fare! Non avevo molto nel frigo e nel freezer…………………., meno male che il mio orto cosi ben curato non mi ha abbandonato……

Non so voi, ma a me diverte tantissimo poter preparare qualcosa con quel poco che a volte si trova in frigo, è una sfida che mi affascina sempre e lascia sempre stupito il marito, che ogni volta a fine pasto mi chiede: Ma come hai fatto?

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g circa di coniglio
  • 100 g di prosciutto crudo
  • 200 g di insalata verde
  • un mazzetto di rucola
  • un mazzetto di tarassaco
  • salvia
  • rosmarino
  • aceto di mele
  • vino bianco secco
  • olio extravergine d’oliva
  • brandy
  • sale e pepe

Preparazione

Disossate il coniglio e ta­gliate la carne a bocconcini, quindi avvolgete ognuno di questi in mezza fetta di pro­sciutto e fissatelo con uno stecchino.

Fate rosolare i bocconcini di coniglio in una pirofila con il burro, 2 cucchiai di olio, 3-4 foglie di salvia e un rametto di rosmarino; spruzzate di brandy, lasciatelo evaporare a fuoco vi­vo, quindi trasferite la pirofila in forno già caldo a 1800 e fa­te cuocere per circa 30 minuti. Se il sugo diventasse troppo asciutto, bagnate con poca ac­qua calda.

A cottura ultimata, estraete i bocconcini dalla pirofila e teneteli in caldo. Unite al fon­do di cottura 4-5 cucchiai di vino e fatelo consumare a fuoco vivo, infine filtratelo per eliminare salvia e rosmarino, regolate di sale e pepate, ag­giungetevi un cucchiaio di aceto e sbattete con una pic­cola frusta per emulsionare il condimento.

Mondate i 3 tipi di insalata, lavateli, asciugateli e dispone­teli su un piatto da portata as­sieme ai bocconcini ancora tie­pidi, irrorate con la salsa pre­parata e servite. Oppure servi­tela a parte in una salsiera.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *