Spaghetti al cognac, piatto che conquisterà tutti

spaghetti al cognac
Commenti: 0 - Stampa

Spaghetti al cognac, un piatto che conquisterà tutti i vostri ospiti

A volte per cucinare pensiamo a pietanze sofisticate e raffinate con presentazioni elegantissime, ma in molti casi ciò che da il tocco alla cucina è un solo ingrediente aggiunto al momento giusto o un modo di cottura che cambia totalmente il gusto di una pietanza semplice.

Basta un bicchierino di cognac e un fiammifero per trasformare un piatto di spaghetti in qualcosa di diverso. A quali pietanze aggiungeremo dunque questo tocco di alta cucina? In cucina aggiungeremo whisky, cognac o qualche altro liquore secco al pollo al vino, a certi brasati, a certi crostacei, mentre in tavola presenteremo tutta una serie di crépes, certi dessert a base di frutta, il famoso caffè “brulót” e con questa ricettina anche alla pasta………………

Il cognac è un’acquavite ad elevata gradazione alcolica, ricavato dalla distillazione di vino; e deve il suo successo proprio alla mediocre qualità dei vini utilizzati per la sua produzione.

Questi spaghetti al cognac sono adatti anche a chi soffre di celiachia grazie alla farina di quinoa, utilizzata per la preparazione della pasta. Quando arriva la diagnosi di celiachia non bisogna affatto disperarsi, perché, come dimostra questo primo piatto, la possibilità di mangiare bene c’è eccome! Mangiare bene ma anche sano, dal momento che la quinoa è ricca di proprietà benefiche.

Come ti cucino la quinoa !

Un alimento per molte ricette. Negli ultimi tempi, di quinoa si sente parlare molto e per fortuna. L’attenzione nei confronti di questo cereale è aumentata a causa delle sue proprietà benefiche davvero speciali. Appartenente alla famiglia delle Chenopidacee, la quinoa non è una graminacea ed è priva di glutine.

Non è un caso che venga usata per preparare tantissimi piatti, dolci e salati, per i celiaci. La quinoa è inoltre ricca di proteine. Nel novero dei suoi componenti è possibile includere due aminoacidi essenziali che il nostro corpo non riesce a produrre e che, per questo, deve assumere attraverso l’alimentazione.

Stiamo parlando della lisina e della metionina. Proseguendo nell’analisi delle proprietà della quinoa, troviamo la presenza di minerali e vitamine. In particolare, si può parlare di magnesio e di vitamina C e vitamina E, due eccellenti antiossidanti.

La quinoa ha un alto apporto calorico. In linea di massima, per 100 grammi di prodotto, si parla di 350 calorie. Alimento di base molto nutriente, è super consigliato ai bambini, alle donne in gravidanza, agli sportivi. Grazie all’ elevato contenuto proteico, è considerata una valida alternativa alla carne e al pesce nei regimi vegani o vegetariani.

Come già detto, è priva di glutine. Ciò la rende particolarmente adatta alla cucina gluten free. Di piatti di questo tipo se ne possono chiamare in causa tantissimi, sia dolci sia salati.

La quinoa, vero e proprio super cereale, è caratterizzata dalla presenza di flavonoidi che contribuiscono a mantenere efficienti i processi antiossidanti. La quinoa è anche ricca di fibre. Ne contiene davvero tante, più di molti altri cereali. I vantaggi in questo caso riguardano l’abbassamento della quantità di zuccheri nel sangue e del colesterolo cattivo.

Panna e parmigiano per gli intolleranti al lattosio

Gli spaghetti al cognac che vi propongo oggi sono perfetti anche per gli intolleranti al lattosio grazie alla presenza della panna delattosata! Primo piatto adatto davvero a tutti, contiene anche ingredienti gustosi come il parmigiano reggiano 48 mesi.

Il Parmigiano Reggiano  è un’eccellenza gastronomica tutta italiana, un prodotto di qualità che vanta riconoscimenti in tante parti del mondo. Prodotto da oltre un secolo in provincia di Modena, è un formaggio a lunga stagionatura, di elevate qualità nutrizionali, un “made in Italy” ricercato, che fa onore alla nostra gastronomia.

Oltre alla bontà del prodotto ed alla tradizionale “qualità”, ciò che rende particolarmente ricercato questo formaggio sono sicuramente le sue qualità nutrizionali. Il Parmigiano Reggiano Malandrone è un formaggio a pasta dura di lunga stagionatura. Nel tempo arriva a perdere gran parte del suo contenuto d’acqua, che arriva sulle nostre tavole con una percentuale che generalmente non supera il 30%. Il restante 70% è rappresentato da macro-nutrienti.

Se la nostra dieta mediterranea è invidiata in tutto il mondo un motivo ci sarà. Ebbene, questo formaggio ne è la prova: 50 gr di Parmigiano, mediamente una porzione, apportano 1/3 dell’intera fonte di proteine di un pasto principale. Miniera di calcio, in grado di garantire, con una sola porzione, oltre i 2/3 del fabbisogno giornaliero di questo importante minerale, questo formaggio è inoltre ricco di fosforo, magnesio e sodio.

Quando porterete in tavola il piatto i vostri ospiti rimarranno a dir poco sorpresi. Si tratta di una ricetta semplice ma d’impatto, impreziosita dalla presenza della pancetta.

Perfetta per una cena veloce ma curata, sarà un grande successo, ve lo assicuro! La preparazione è molto semplice e davvero alla portata di tutti. Adesso non vi resta che raccogliere tutti gli ingredienti necessari e mettervi alla prova ai fornelli. Il risultato sarà speciale, ve lo garantisco!

Ed ecco la ricetta degli Spaghetti al cognac

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. di spaghetti di quinoa,
  • 80 gr. di pancetta,
  • 1 mela,
  • 1/4 dl di panna consentita,
  • 1 cipollina,
  • 1 cucchiaio di farina di riso,
  • 40 gr. di burro chiarificato,
  • 30 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi grattugiato,
  • 1 cucchiaio di cognac,
  • q.b. di sale e pepe .

Preparazione

In una casseruola fate fondere il burro, Incorporatevi la farina e aggiungete la cipolla e la mela finemente tritate, abbassate il fuoco e fate cuocere per un quarto d’ora. Unite il cognac, lasciatelo evaporare, aggiungete quindi la panna, mescolate e spegnete il fuoco .

Tagliate la pancetta a dadini e fate rosolare per qualche minuto

Lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli e conditeli con la salsa, la pancetta e il parmigiano reggiano.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-10-2011
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti