bg header

Zuppa di pesce : una bontà irresistibile!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Zuppa di pesce

Ecco la zuppa di pesce perfetta: iniziamo con alcuni suggerimenti

La zuppa di pesce è ottima servita da sola con dei crostini di pane e persino se utilizzata per condire qualsiasi tipo di pasta. Ne esistono tante varianti: ogni regione ha la sua zuppa che cambia nome da guazzetto a caciucco ma sempre di zuppa si parla.

Ora per farne una buona, ci vogliono certe determinate qualità di pesce senza spine e squame. Si, perché, quando si prepara questo piatto, si deve tener conto che il pesce ha le spine e le squame e che in una zuppa questi possono creare molto fastidio. Insomma, se desiderate portare in tavola questa pietanza, siete proprio nel posto giusto… Continuate a leggere e saprete esattamente cosa fare!

Conosci l’aglio nero?

Come si consuma l’aglio nero? La risposta in questo caso è abbastanza semplice, si consuma più o meno come il classico aglio bianco . C’è da dire che in Asia, visto il suo sapore incredibilmente leggero e l’assenza di qualsivoglia odore pungente o sgradevole, alcuni lo consumano anche a crudo, quasi fosse uno snack . Per il resto l’aglio nero può essere impiegato esattamente come l’aglio classico. Anzi in alcuni casi le sue caratteristiche riducono o azzerano alcuni inconvenienti tipici. Per esempio legati alla produzione dei soffitti, proprio per questo l’aglio bianco causa pesantezza e dovrebbe essere sempre eliminato una volta che è stato rosolato. La variante nera però non è pesante e dunque può rimanere esattamente dov’è.

L’aglio nero può essere ovviamente impiegato per realizzare alcune salsine e condimenti. Io vi consiglio di preparare, per esempio, questa interessante emulsione che ricorda da vicino il nostro salmoriglio. L’unica vera grande differenza con il salmoriglio è che questa emulsione presenta un sapore più delicato, meno fastidioso al palato e al naso, ed è più interessante dal punto di vista cromatico (questo aspetto in cucina arricchisce e non guasta mai).  L’aglio nero potrebbe essere impiegato anche per realizzare sfiziose insalate, che si fregiano dell’aroma dell’aglio senza però essere compromesse da una pesantezza o sgradevolezza a livello olfattivo . Il consiglio comunque è di sperimentare, anche perché le speciali caratteristiche di questo bulbo lo consentono senza alcun rischio di sorta.

Una ricetta semplice, con ingredienti super-nutrienti

La pietanza di cui parliamo oggi è un concentrato di minerali e vitamine, di grassi sani (quelli buoni per il cuore) e di proteine. Ovviamente, il valore nutrizionale del vostro pasto cambierà in base al pesce che utilizzerete e alle quantità ma, comunque vada, sarà un successo: il palato resterà ampiamente soddisfatto e l’organismo anche!

Zuppa di pesce

Con questi buoni propositi, ecco per voi la ricetta per fare una deliziosa zuppa di pesce senza spine e senza squame, un piatto adatto a tutta la famiglia e anche ai bambini, che non avranno scuse per fare i capricci! Anche se sembra un po’ lunga e noiosa da preparare, di sicuro non vi pentirete…

Prima di passare alla preparazione, sappiate che, di solito, per questa ricetta si usano questi tipi di pesce: scorfano, gallinella, spigola, merluzzo, palombo, seppie, grongo, san pietro, pesce prete, rombo, tracina, calamari e seppie teneri, gamberi, cozze e vongole.

Gli intolleranti al nichel possono mangiare questa prelibatezza soltanto sotto un regime di dieta a rotazione e nei giorni di dieta libera. Ovviamente gli allergici ai crostacei non possono preparare questo piatto

Se è stata diagnosticata un’allergia al pesce, una condizione più diffusa dell’intolleranza e per molti aspetti più seria, i sintomi appaiono poco dopo il consumo di pesce, piuttosto che dopo parecchie ore, come avviene con l’intolleranza al pesce. Inoltre, i sintomi dell’allergia al pesce sono molto più gravi, e può essere anche molto pericolosa perché, per fortuna difficilmente, c’è la possibilità di shock anafilattico e quindi di morte. L’intolleranza al pesce, invece, non mette in pericolo di vita; tuttavia, come per le altre intolleranze alimentari, rende la vita difficile.

Evitare il pesce per non stare male è facile, ciò nonostante una persona con un’intolleranza al pesce dovrebbe sempre stare all’erta controllando le etichette degli alimenti; alcuni cibi, infatti, (anche quelli più impensabili), possono contenere parti di pesce tra gli ingredienti, come l’olio di pesce che è molto utilizzato nell’industria alimentare.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 Kg. di pesce misto con cozze, calamari, vongole, seppie,  gamberi, filetti di pesce
  • 500 gr. di passata di pomodoro
  • 3 spicchi di aglio nero
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 rametto di timo o prezzemolo tritato
  • q.b. sale

Preparazione

Pulite bene tutti i pesci togliendo interiora, squame, pinne, testa e lisca. Fate cuocere teste e lische in un pentolino a parte per farne un brodo di pesce.

Pulite le cozze e le vongole e fate cuocere in una padella con un filo d’olio e uno spicchio di aglio fino a quando non si aprono. Lavate i gamberi, pulite e tagliate a rondelle seppie e calamari.

Fate dorare in un filo d’olio gli spicchi d’aglio, aggiungete la passata di pomodoro, il timo tritato e il sale.  Lasciate cuocere per circa 10 minuti prima di aggiungere le seppie e i calamari. Proseguite la cottura e, per ultimi, mettete i filetti più teneri.  Man mano, bagnate con il brodetto e lasciate cuocere per circa 10 minuti.

Pochi minuti prima di spegnere il fuoco, aggiungete le cozze e le vongole.

Preparate delle fette di pane tostate e mettetene un paio sul fondo di ogni piatto, prima di versare sopra la zuppa di pesce… Buon appetito!

4.3/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

1 commento su “Zuppa di pesce : una bontà irresistibile!

  • Mar 26 Apr 2016 | Matilde ha detto:

    Buongiorno Tiziana,
    forse c’è stato qualche problema tecnico, ma… la ricetta non c’è :-) Pensa di poterla aggiungere?
    Grazie infinite e complimenti per il suo lavoro, davvero splendido!
    Matilde

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

logo_print