Panna cotta ai lamponi della mia sorellina Mary

Panna cotta ai lamponi
Commenti: 2 - Stampa

Ecco la ricetta della panna cotta ai lamponi. Si tratta di un dolce al cucchiaio abbastanza comune e classico. Le sue origini  sono notoriamente piemontesi e sembrerebbero risalire agli inizi del Novecento. Nello specifico potremmo definire la panna cotta una sorta di budino bianco a base di panna.

La si può trovare in tante varianti e si può accompagnare con tante salse diverse, a base di frutta oppure con caramello o cioccolato. La cosa bella è che si tratta di un dessert gustosissimo ma al tempo stesso semplice da preparare. Certo occorre passione e la scelta di ingredienti freschi che possono fare la differenza.

Panna cotta semplice da fare!

In questo caso vi propongo la ricetta della panna cotta nella versione pensata da mia sorella Mary, che tante volte ci ha deliziato con questa sua specialità. Sicuramente anche voi seguendo le indicazioni saprete creare un’ottima panna cotta ideale per concludere in bellezza un pasto memorabile.

Esistono numerose varianti di questo dolce: da quella incentrata sull’arancia a quella che ha come protagonista le fragole fino alle varianti che contemplano l’uva o le pesche. La panna cotta ai lamponi, una scelta assolutamente non casuale.

I lamponi infatti donano un sapore particolare che ben si amalgama con gli altri ingredienti, senza per questo sottovalutare tutte le altre varianti, ognuna delle quali può vantare una precisa, caratteristica qualità.

La Panna cotta è famosa in tutto il mondo

Questo dolce di origine piemontese e in particolare della regione delle Langhe ha conosciuto così tanta fortuna da diffondersi piuttosto rapidamente nel resto d’Italia. La panna cotta infatti figura nei menu di centinaia e centinaia di ristoranti al di fuori del Piemonte. Non solo. La bontà e la freschezza di cui è propria ne hanno determinato il successo in giro per il mondo: così questa squisitezza è diventata un piatto simbolo dell’Italia a livello internazionale, connotandosi come uno dei “brand” nazionali più noti quando si parla di dessert. E un motivo ci sarà!

La panna cotta vanta una storia antichissima. Le sue origini sono controverse: alcuni ritengono che siano stati i francesi i primi a introdurlo nella loro gastronomia, altri gli ungheresi, altri ancora addirittura gli arabi. Una cosa è certa: l’arte di preparare una crema che possa avere un aspetto simile a quello di un budino, da gustare al cucchiaio, è approdata anche nel nostro paese, con gran successo.

Al limone, al lime, alla pesca e persino alla soia e allo zafferano. Davvero gli amanti dei dolci e della fantasia in cucina avranno da sbizzarrirsi nella preparazione di questa delizia al cucchiaio. La panna cotta è apprezzata da nord a sud e ben oltre i confini nazionali e viene servita con salse ai frutti di bosco, al caramello, al cioccolato e con frutta fresca di stagione di ogni genere, che variano anche in base a luogo in cui viene preparata.

Mary, ho riprovato più volte a farla ma non è mai venuta buona come la facevi tu! Mi mancano le cosine che mi facevi appositamente per tirarmi su il morale. Ricordo tutti i compleanni dove arrivavi con i tortini al cioccolato e le vaschette di peperoni con acciughe e capperi. Sono due ricette che non riesco a mangiare senza piangere.

Mi manchi da morire. Ti penso giorno e notte. Penso alle nostre risate e ai nostri lunghi discorsi al telefono mentre tornavo da lavoro. Mi manca la mia fan assoluta. A te piaceva tutto quello che facevo. Ti piacevano i miei pasticci ed esperimenti mal riusciti. E mi dicevi: domani ti verrà meglio.

Ecco la ricetta della  panna cotta ai lamponi

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr panna  liquida consentita,
  • 150 gr zucchero,
  • un cucchiaino di  vaniglia in crema,
  • 2 cucchiai di agar agar

per 1/2 lt. di coulis di lamponi

  • 500 gr lamponi
  • 125 gr zucchero
  • 1/2 succo di limone

Preparazione

In una casseruola mettete 100 gr di zucchero, aggiungete mescolando con un cucchiaio di legno la panna e l’agar agar, unite la vaniglia.
Mettete la casseruola sul fuoco, continuate a mescolare, portate ad ebollizione e fate cuocere per 3 minuti. Prendete uno stampo da budino, versatevi 50 gr di zucchero e due cucchiai d’acqua, fatelo caramellare, quando lo zucchero assume un bel colore dorato togliete lo stampo dal fuoco, inclinatelo per fare scorrere il caramello in modo da rivestire tutte le pareti dello stampo.

Versate la crema di panna appena preparata. Lasciatelo intiepidire poi mettetelo in frigorifero per circa 6 ore. Prima di portarlo in tavola, immergete la parte inferiore dello stampo in acqua calda per una decina di secondi.

Mettete i lamponi in uno scolapasta e sciacquate sotto l’acqua corrente. Scolateli, mondateli e metteteli su un canovaccio ad asciugare. Mescolate insieme i lamponi, lo zucchero e il succo di limone e passate tutto nel frullatore per 2 o 3 minuti. Passate la salsa in un chinoise e poi conservatela in frigorifero. Sformate il budino su un piatto da portata sul quale farete un letto con una coulis di lamponi.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Panna cotta ai lamponi della mia sorellina Mary

  • Mar 15 Dic 2015 | roberta ha detto:

    non ho ancora provato queste ricette, ma come sempre mi succede non sbaglio , il mio occhio dice che saranno fantastiche ……. grazieeeeeeeeee !!!!!!!!

    • Mar 15 Dic 2015 | Tiziana ha detto:

      Roberta grazieeeeee!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sorbetto di mela verde

Sorbetto di mela verde, un dessert rinfrescante

Sorbetto di mela verde, una delizia per l’estate Il sorbetto di mela verde è un sorbetto che propone una deliziosa variazione sul tema del classico sorbetto al limone. Il risultato è...

Ghiaccioli alla guava

Ghiaccioli alla guava, un piacevole break per l’estate

Ghiaccioli alla guava, un’alternativa sorprendente I ghiaccioli alla guava sono un ottimo spuntino estivo. Si fanno apprezzare in primis per l’estetica, che non ha nulla da invidiare ai...

Crostata con anguria gialla

Crostata con anguria gialla, un tripudio di colori

Crostata con anguria gialla, un dolce delizioso a base di frutta Con tutta probabilità la crostata con anguria gialla è la crostata più “colorata” che possiate mai preparare. Si presenta...

Sorbetto alla camomilla

Sorbetto alla camomilla, un dessert rilassante

Sorbetto alla camomilla, un’idea davvero unica Il sorbetto alla camomilla è un’idea particolare per valorizzare il momento del fine pasto, o anche solo per una merenda in grado di allietare e...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Gelato di pesche e zafferano

Gelato di pesche e zafferano, un dessert speziato

Cosa ha di speciale il gelato di pesche e zafferano? Il gelato di pesche e zafferano con riso al salto vanigliato è un dessert molto particolare, che si distingue per una certa versatilità....


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-05-2009
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti