bg header
logo_print

Sformatini di spinaci o di bietole, un antipasto perfetto

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Sformatini di spinaci
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.7/5 (3 Recensioni)

Sformatini di spinaci o di bietole, un’idea simpatica per gli antipasti

Gli sformatini di spinaci o di bietole sono antipastini molto gustosi, corposi e in grado di esprimere un certo valore estetico. In virtù della loro forma e delle tonalità che virano sul verde, si prestano anche a pasti gourmet, da sfoderare nelle grandi occasioni. Ciononostante la ricetta è semplice, in quanto basta creare un mix di tutti gli ingredienti, prestando attenzione alla texture delle componenti solide: gli spinaci, le noci e il parmigiano vanno tutti tritati.

La ricetta è pensata per comprendere o gli spinaci o le bietole. Sta a voi scegliere quale verdure utilizzare in base al gusto da ottenere. Gli spinaci trasmettono sentori più delicati con alcune note salate. Le bietole, invece, sono più rustiche e in un certo senso più corpose. Tuttavia non si segnalano grandi differenze per quanto concerne l’apporto nutrizionale, infatti entrambi i tipi di verdure sono poco caloriche, ricche di vitamine e sali minerali.

Ricetta sformatini di spinaci

Preparazione sformatini di spinaci

Per preparare gli sformatini di spinaci o bietole dovrete iniziare proprio dalle verdure. Bollite per pochi minuti gli spinaci o le bietole, poi scolateli e strizzateli per bene. Infine fateli intiepidire e ricavate un trito.

In una grande ciotola versate l’uovo intero, lo spalmabile, un bel trito di noci, il pepe, la paprika e il Parmigiano grattugiato. Mescolate con cura poi versate il composto in quattro stampini per sformatini e cuocete in forno a 180 gradi per 30 minuti. Ora non vi resta che servire.

Ingredienti sformatini di spinaci

  • 300 gr. di spinaci o bietole
  • 200 gr. di formaggio spalmabile consentito
  • 30 gr. di gherigli di noce
  • 30 gr. di Parmigiano Reggiano
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di paprika affumicata
  • 1 pizzico di pepe.

Quale formaggio utilizzare per gli sformatini di spinaci?

La base del mix degli sformatini di spinaci è data dal formaggio cremoso, che permette una totale amalgama degli ingredienti. Lo spalmabile emerge sul sapore, dunque vi consiglio è di scegliere un prodotto di qualità, come i prodotti Exquisa, un brand leader nel campo degli spalmabili e non solo. Exquisa utilizza solo materie prime di pregio e impiega procedimenti che coniugano modernità e tradizione. L’offerta è sterminata, tra cremosi al latte vaccino, al latte di capra e i prodotti light. Proprio lo spalmabile Exquisa Fresco Cremoso Light consente di abbattere l’apporto calorico degli sformatini, infatti contiene il 45% di grassi in meno.

L’offerta di Exquisa comprende anche cremosi adatti agli intolleranti al lattosio. Il sapore è identico ai prodotti standard, così come la texture e le proprietà nutrizionali. Del resto, il processo di delattosamento non genera conseguenze di rilievo in quanto avviene tramite l’aggiunta dell’enzima lattasi nel latte, prima del processo di produzione vero e proprio.

Il ruolo del Parmigiano negli sformatini di spinaci

Il composto che dà vita agli sformatini di spinaci è realizzato anche con il Parmigiano Reggiano in forma grattugiata. Quale Parmigiano scegliere per questa ricetta? Del resto esistono parecchie varianti, che si differenziano per i tempi di stagionatura. Io consiglio di utilizzare degli stagionati medi, in questo modo il formaggio grattugiato conserva anche un po’ di liquidi, che favoriscono l’amalgama del composto.

A prescindere dalla stagionatura, il Parmigiano apporta i suoi tipici sentori salati e di latte. Apporta anche tanti nutrienti, come le proteine, infatti il Parmigiano è tra gli alimenti più proteici in assoluto, superato solo dal baccalà e da pochi altri prodotti. Si segnala anche una certa abbondanza di fosforo, una sostanza essenziale per le ossa e per i denti. Stesso discorso per la vitamina D, che ottimizza il sistema immunitario e aiuta a proteggerci da batteri e virus. L’unico vero difetto del Parmigiano, oltre alla fisiologica presenza di sodio, è l’apporto calorico, che è pari ad almeno 400 kcal per 100 grammi.

Sformatini di spinaci

Un focus sulla noce, un alimento sottovalutato

Anche la noce contribuisce alla preparazione degli sformatini di spinaci o bietole. Nello specifico agisce sul sapore, fornendo i suoi classici sentori tipici e gradevoli. Inoltre agisce soprattutto sulla texture, in quanto apporta una certa croccantezza. Proprio per questo gli sformati di spinaci appaiono al palato più interessanti e gradevoli. 

Le noci sono anche preziose dal punto di vista nutrizionale, nonostante alcuni pregiudizi. È vero, la noce è molto grassa e calorica (può superare le 600 kcal per 100 grammi), tuttavia i suoi grassi fanno parte della categoria omega tre, che fanno bene alla circolazione e al cuore. Senza contare l’abbondanza e la varietà di sali minerali presenti nelle noci, tra cui troviamo il potassio, il fosforo e il calcio. In particolare è presente proprio il magnesio, che mantiene alti i livelli di energia nel nostro organismo.

Quali spezie usare per gli sformatini di spinaci?

Gli sformatini di spinaci o bietole spiccano anche per il loro equilibrio, come dimostra l’uso moderato delle spezie. Anzi, se si esclude il pepe, la lista degli ingredienti propone solo la paprika affumicata. Il sapore della paprika affumicata è leggermente piccante, sebbene sia molto vivace e gradevole. Tra l’altro, la paprika apporta anche una tonalità arancione, che si abbina alla perfezione con il verde degli spinaci o delle verdure.

La paprika fa anche bene alla salute se viene consumata con moderazione. Infatti contiene vitamine rare, come la vitamina E e la K. La prima funge da antiossidante, mentre la vitamina K impatta sulla densità del sangue. La paprika è anche ricca di betacarotene, che stimola l’assorbimento della vitamina A. Infine rinforza l’apparato circolatorio ed esercita delle proprietà toniche, oltre ad essere un discreto digestivo.

Ricette di spinaci ne abbiamo? Certo che si!

3.7/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

Bruschette di pane danese con cervo

Bruschette di pane danese con cervo, un piatto...

Cosa sapere sulla carne di cervo Un altro protagonista di queste bruschette di pane danese è il cervo. A tal proposito vi consiglio di utilizzare la carne per arrosto, che è in genere più morbida...