bg header
logo_print

Insalata Shirazi, un ottimo piatto della cucina persiana

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Insalata Shirazi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (3 Recensioni)

Insalata Shirazi, pochi ingredienti per un contorno stupendo

L’insalata Shirazi o Persian shirazi salad è un piatto tipico della cucina persiana. Sotto certi versi ricorda le insalate che si preparano di tanto in tanto in Medio Oriente e nei Balcani, che fanno ampio uso di pomodori e cetrioli. Troviamo infatti questi ingredienti anche nell’insalata Shirazi, accompagnati dalla melagrana. Questo frutto rende l’insalata leggermente agrodolce, acidula e molto gradevole a livello di gusto. Per quanto concerne il condimento, esso si ottiene emulsionando insieme l’olio extravergine di oliva, il sommacco, il sale, il pepe e il succo di lime. Occasionalmente, quest’ultimo può essere sostituito da succo di limone o dal limone nero il polvere.

Ricetta Persian shirazi salad o insalata shirazi:

Preparazione insalata shirazi

Per preparare l’insalata Shirazi dovrete partire dalle verdure. Sbucciate i pomodori, i cetrioli e la cipolla, poi lavateli e fateli a cubetti. Intanto sgranate i chicchi dal melograno. Poi prendete un bicchiere e versate l’olio, il sommacco, un po’ di sale, un po’ di pepe, le foglie di fresche di menta spezzettate e il succo di 1 lime (in alternativa potete utilizzare la polvere di limone nero).

Infine mescolate e create una bella emulsione. Versate le verdure in una ciotola e condite con l’emulsione che avete preparato. Mescolate per bene e ualà, l’insalata Shirazi è pronta per essere servita.

Ingredienti insalata shirazi

  • 4 pomodori
  • 2 cetrioli
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cucchiai di chicchi di melagrana
  • qualche foglia di menta fresca
  • q. b. di olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaio di sommacco
  • 1 lime
  • un pizzico di sale e di pepe.

La lista degli ingredienti dell’insalata Shirazi è lunga, benché basata su criteri di reperibilità e genuinità. Il sapore che emerge più chiaramente è quello dei pomodori, che caratterizzano la ricetta anche sul piano nutrizionale. I pomodori sono ricchi di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario, e di vitamina A, che giova alla vista. Inoltre, contengono molti antiossidanti, che aiutano a prevenire il cancro, come la luteina e il licopene. Queste sostanze sono responsabili anche del colore rosso che contraddistingue i pomodori. L’apporto calorico è infine molto basso e si attesta sulle 30 kcal per 100 grammi.

Le proprietà nutrizionali dei cetrioli

I cetrioli giocano un ruolo essenziale per l’insalata Shirazi, infatti con il loro retrogusto acre, che a tratti ricorda gli agrumi, rendono il sapore di questo splendido contorno ancora più complesso. Tra l’altro interagiscono efficacemente con i pomodori e con la cipolla, valorizzando i loro sentori. I cetrioli fanno bene alla salute in quanto sono depurativi e diuretici. Inoltre, contengono molte fibre, che aiutano la digestione e regolarizzano la flora intestinale. Un pregio dei cetrioli, che li rende i perfetti ingredienti da dieta dimagrante, è la loro capacità di stimolare il senso di sazietà.

Infine, troviamo anche una certa abbondanza di vitamine e sali minerali (tipici di frutta e verdura), tra cui la vitamina C, il potassio e il magnesio. L’apporto calorico invece è quasi trascurabile, pari a 12 kcal ogni 100 grammi, praticamente un record per il mondo vegetali e non. In occasione di questa ricetta i cetrioli non vanno trattati più di tanto, basta sbucciarli, lavarli e tagliarli a cubetti, per poi aggiungerli agli altri ingredienti.

Insalata Shirazi

Il contributo della melagrana

La melagrana aggiunge un tocco di dolcezza e qualche nota acidula all’insalata Shirazi. Contribuisce anche dal punto di vista cromatico con le tonalità granata che apporta, che si legano alla perfezione con il rosso dei pomodori e con il bianco verdognolo dei cetrioli. La melagrana, dunque, vivacizza e aromatizza allo stesso tempo. E’ un frutto interessante anche dal punto di vista nutrizionale, viste le tante proprietà che esercita. La melagrana è ricca di vitamine e sali minerali, come si addice alla frutta zuccherina. Inoltre, abbonda di vitamina C, potassio e magnesio. Tuttavia, il pregio più importante della melagrana è l’abbondanza di antiossidanti, che sono vari e abbastanza concentrati.

Gli antiossidanti giovano all’organismo su più livelli. In particolare, impattano sulla salute del cuore e aiutano a prevenire le patologie oncologiche. La melagrana è anche un potente antinfiammatorio, proprio per questo è considerata una risorsa per la medicina naturale. L’unico difetto della melagrana, se così si può chiamare, è un apporto calorico più elevato rispetto a quello degli altri frutti: 80 kcal per 100 grammi.

Il sommacco, una spezia perfetta

Il sommacco è protagonista nel condimento di questa insalata Shirazi. Viene integrato nell’olio e nel succo di lime, per poi essere arricchito da sale e pepe. In questo modo si realizza una salsina delicata, pungente e aromatica quanto basta, adatta a valorizzare le tante verdure presenti. Il merito di ciò va proprio al sommacco, che esprime sentori diversi da molte altre erbe aromatiche. I suoi sentori richiamano quelli del limone e più in generale agli agrumi aciduli. Il sommacco è anche un toccasana per l’organismo, più di tante altre spezie. E’ un buon antinfiammatorio, che contribuisce a risolvere le piccole infezioni, e un eccellente depurativo, in quanto abbonda di acqua e apporta molte sostanze detossinanti.

Il sommacco è ricco di antiossidanti, che fanno bene all’organismo, e contribuisce a tenere a bada i livelli di zucchero e di colesterolo nel sangue. Si tratta di un’eccellente notizia per chi soffre di diabete e di celiachia. Infine, il sommacco riduce le probabilità di sviluppare fibrosi e trombi. In virtù di queste proprietà, il sommacco non viene utilizzato solo come spezia, ma anche come ingrediente da tisana. Sotto forma di infuso, infatti, esprime al meglio i suoi principi attivi e risulta un ottimo rimedio nel campo della medicina naturale.

Ricette insalate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Insalata di germogli di fagiolo mungo

Insalata di germogli di fagiolo mungo, un contorno...

Cosa sapere sui germogli di fagiolo mungo L’ insalata di germogli di fagiolo mungo ci da l’occasione di parlare di un tipo di fagioli davvero unico. I germogli di fagioli mungo sono dei legumi...

Insalata di Camembert e mele

Insalata di Camembert e mele, un piatto dolce...

Un focus sul Camembert Il vero protagonista di questa insalata è il Camembert. Questo formaggio in crosta bianca cambia le carte in tavola, valorizzando con la sua “delicata sapidità” la...