bg header
logo_print

Savoiardi senza glutine e senza lattosio per tutti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Savoiardi
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.9/5 (10 Recensioni)

Oggi vi presento una ricetta di cui mi sono innamorata a prima vista, ossia i savoiardi senza glutine e senza lattosio. La ricetta reca la firma di Monica Cazzaniga, amante ed esperta di cucina per intolleranti alimentari. Questi savoiardi appaiono in tutto e per tutto simili a quelli standard e “rendono” allo stesso modo. Io li ho utilizzati per preparare il tiramisù e sono rimasta soddisfatta del risultato finale. Certo, il sapore è diverso, ma è molto gradevole e in grado di interagire in maniera efficace e armonica con gli altri ingredienti.

Ricetta savoiardi senza glutine e senza lattosio

Preparazione savoiardi senza glutine e senza lattosio

Per preparare i savoiardi senza lattosio e glutine è essenziale lavorare le uova e lo zucchero con efficacia, in modo che la montata incorpori molta aria. In ogni caso, fate sì che il volume del composto finale sia pari al doppio del composto iniziale. Una volta ottenuto un composto chiaro e spumoso, incorporate la farina di riso e la fecola già setacciate, utilizzando una spatola ed eseguendo movimenti dal basso verso l’alto. Infine, unite la scorza di limone e preriscaldate il forno a 200 gradi.

Versate l’impasto in una sac à poche (tasca da pasticcere) con bocchetta liscia e formate i savoiardi su una teglia ricoperta da carta da forno, mantenendovi su una lunghezza di circa 8 cm. In alternativa, utilizzate uno stampo in silicone per savoiardi. Infine, date una bella spolverata di zucchero semolato e di zucchero a velo. Poi cuocete in forno per 8-10 minuti. Al termine della cottura, prelevate i savoiardi e fateli raffreddare. Infine, potete aggiungere un altro po’ di zucchero a velo prima di gustarli.

Se ne fate in abbondanza potete conservarli per un massimo di 12 giorni n un scatola di latta ben pulita e in un luogo fresco e asciutto.

Ingredienti savoiardi senza glutine e senza lattosio

  • 40 gr. di farina di riso
  • 20 gr. di fecola di patate
  • 60 gr. di zucchero semolato
  • 2 uova
  • q. b. di scorza di limone
  • q. b. di zucchero a velo.

Dolci senza lattosio e senza glutine, una variante diversa ma buona

Oggi prepariamo insieme la ricetta savoiardi senza glutine e senza lattosio. La peculiarità risiede nelle farine, anziché quella tradizionale si usa la farina di riso, supportata dalla fecola di patate, che funge da addensante e da stabilizzante La farina di riso ha il pregio di essere senza glutine, e quindi adatta ai celiaci e a chi è sensibile al glutine. Questo tipo di farina non è un surrogato e propone un sapore delicato e gradevole. Inoltre, vanta un buon profilo nutrizionale. E’ più ricca di vitamine e di sali minerali rispetto alle farine tradizionali, pur presentando una quota minore di proteine. E’ comunque priva di grassi, dunque è anche più salutare, quindi l’apporto calorico è leggermente inferiore a quello delle altre farine.

Le interessanti proprietà della fecola

La fecola di patate gioca un ruolo importante nella ricetta dei savoiardi con farina di riso, infatti funge da addensante e da stabilizzante. La fecola migliora la texture e incide anche sul sapore, inoltre supplisce ad alcune mancanze della farina di riso, che in certi contesti potrebbe non rendere come le farine normali. Per i non esperti di pasticceria, l’utilizzo della fecola di patate potrebbe risultare strano. In realtà si tratta solo di amido, che viene estratto dalle patate mediante un procedimento al cento per cento naturale. Le patate vengono schiacciate in modo che si liberi la sostanza al loro interno, che viene fatta essiccare e macinare.

La fecola di patate non incide solo sulla resa degli impasti, ma anche sul loro profilo nutrizionale. Infatti ha molto da dire da questo punto di vista, apportando una dose non trascurabile di sali minerali. Mi riferisco in particolare al calcio e al fosforo, che fanno bene ai denti, alle ossa e alle facoltà mentali (memoria in primis). La fecola di patate contiene alcuni particolari tipi di zucchero, che favoriscono la digestione e stimolano la flora intestinale. Va detto, poi, che è del tutto priva di glutine, dunque compatibile con le esigenze dei celiaci. Tanti sostituiscono la fecola con l’ amido di mais ma non ha la stessa resa.

Savoiardi

Quali zuccheri utilizzare nei savoiardi?

La lista degli ingredienti di questa ricetta senza glutine e lattosio contiene lo zucchero, che va impiegato sia nella fase di realizzazione dell’impasto sia in fase di guarnizione. Nel primo caso va utilizzato lo zucchero semolato e lo zucchero a velo. Nella guarnizione finale, invece, va usato solo lo zucchero a velo, che è il dolcificante da decorazione più utilizzato in cucina. Perché questa contestuale presenza dello zucchero semolato e dello zucchero a velo? In realtà, questi due tipi di zuccheri si completano a vicenda, dando vita a dei savoiardi davvero unici.

Per quanto concerne la scelta tra zucchero bianco e bruno, avete un discreto margine di discrezione. Tuttavia, optate per lo zucchero bruno solo se amate i sentori di caramello, in quanto contiene abbondanti residui di melassa. A livello nutrizionale non cambia nulla, sebbene lo zucchero bruno viene considerato salutare in quanto ha un aspetto integrale. Nella realtà, le calorie, il potere dolcificante e l’impatto sulla glicemia sono gli stessi. Proverò a fare anche i savoiardi senza zucchero o con dolcificanti alternativi.

Perché abbiamo usato il limone nella ricetta dei savoiardi?

Un’altra peculiarità di questi savoiardi per celiaci e intolleranti al lattosio risiede nella presenza del limone. Alcune ricette lo integrano, altre no. Dipende tutto dal sapore che desiderate per i vostri savoiardi. Inoltre, è opportuno non utilizzare il succo, che eserciterebbe un impatto importante, bensì la scorza di limone. La scorza, infatti, conferisce un tocco leggermente amarognolo, ma gradevole in quanto compensato dalle abbondanti dosi di zucchero. In ogni caso, la scorza di limone agisce come elemento di equilibrio e rende i savoiardi ancora più versatili.

Va detto, poi, che la scorza di limone vanta un buon profilo nutrizionale. Infatti, apporta gli stessi principi del frutto, ma in quantità superiori. Dunque si apprezzano ottime dosi di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario e svolge anche un’azione antiossidante, che aiuta a prevenire il tumore. La scorza di limone, poi, favorisce l’assorbimento del ferro, una sostanza fondamentale per garantire la buona ossigenazione del sangue. Infine, esercita un potere depurativo, soprattutto a beneficio del fegato e dell’esofago.

Una domanda che mi fate spesso è se lo zucchero a velo contiene glutine. La risposta è NO, lo zucchero a velo è senza glutine. Mi chiedete i savoiardi senza glutine dove trovarli e vi dico che sul mercato ci sono già pronti e di varie marche.Sul sito di dolci senza glutine e senza lattosio che possono fare da base ai vostri dolci ne trovate a volontà! Trovate anche dei biscotti molto simili ai pavesini senza glutine.

Ricette dolci senza glutine e senza lattosio ne abbiamo? Certo che si!

3.9/5 (10 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...