Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da preparare

Cremini fritti
Commenti: 0 - Stampa

Cremini fritti, un’idea deliziosa

I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata con il latte, l’uovo, la farina, lo zucchero, il limone e l’amido di tapioca (per gli intolleranti al nichel) o l’amido di mais. Poi viene fatta raffreddare, in modo che si solidifichi, tagliata a cubetti e impanata prima nell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato.

I cremini fritti, per quanto siano semi-sconosciuti nel resto d’Italia, sono praticamente un’istituzione tipica della città di Ascoli Piceno, dove rappresentano un punto fermo dello street food locale. Ovviamente non stiamo parlando di un fine pasto dietetico, d’altronde la frittura è una fase obbligata, in quanto è l’unico metodo capace di ridurre il tempo di cottura, un fattore essenziale per garantire la stabilità dei cremini.

I cremini fritti, nonostante siano dolci, vengono serviti come antipasto e fanno parte del fritto misto all’Ascolana in compagnia delle famose olive. Il fritto misto è uno dei piatti che non manca mai nei giorni di festa.

Tuttavia basta prendere pochi accorgimenti per ottenere il meglio da questo metodo di cottura e ridurre al minimo gli svantaggi. In primo luogo assicuratevi che l’olio sia ben caldo, in questo modo verrà ridotta la quantità di olio che permarrà sulla panatura. Secondariamente fate riposare i cremini fritti sulla carta assorbente, in modo da ridurre la presenza dell’olio.

I benefici della vaniglia

La vaniglia è un ingrediente fondamentale nei cremini fritti, infatti aggiunge sapore alla crema, donando aroma e dolcezza. Nello specifico viene integrata praticamente alla fine del procedimento, dopo aver inserito la farina e l’amido. La vaniglia è un alimento apprezzato da tutti, ma attorno ad essa gravitano alcuni pregiudizi.

Per esempio, quelli relativi al suo apporto calorico. Viene infatti associata a preparazioni grasse e dolci. In realtà la vaniglia, benché calorica, viene utilizzata in dosi così contenute da non incidere sull’apporto calorico complessivo. In ogni caso si caratterizza per alcuni benefici che da soli giustificherebbero il suo utilizzo.

Cremini fritti

Il riferimento è alle elevate concentrazioni di vanillina, questa sostanza è un antiossidante in grado di ridurre gli effetti dei radicali liberi e attenuare lo stress ossidativo. La vaniglia è una spezia vera e propria, e in virtù di ciò aiuta a combattere l’insonnia, allevia lo stress ed esercita una funzione calmante. Sulle qualità afrodisiache, tanto decantate in passato, va concesso un certo scetticismo in quanto si tratta di una credenza popolare che non gode di un riconoscimento scientifico.

È uno degli aromi più raffinati e usati in cucina, dal sapore e dall’odore delicato ma inconfondibile. Parliamo della vaniglia che altro non è che un’orchidea originaria del Messico di cui si usano i suoi profumati baccelli che producono poi la spezia così rinomata. Le bacche di vaniglia oggi sono famosissime in tutta Europa che ha conosciuto la pianta e il suo potere aromatico nel periodo del colonialismo.

Le popolazioni americane la usavano fin dall’antichità. Il Messico è il suo habitat per eccellenza tanto che tenne, per lungo tempo, il monopolio per la coltivazione, indicata nei paesi a clima caldo, che successivamente si è spostata però anche in Madagascar dove si produce la famosa vaniglia Bourbon, a Tahiti e Nuova Guinea. Le bacche di vaniglia erano già usate dagli Aztechi che le univano al cacao per produrre una bevanda naturale, antenata dell’odierno cioccolato. Oggi in commercio al fianco delle bacche di vaniglia, si trovano anche l’estratto e l’aroma di vaniglia.

Gli insospettabili pregi delle uova

Le uova giocano un ruolo fondamentale nei cremini fritti, anche perché rappresentano l’ingrediente principale della crema. Vanno utilizzate nello specifico 4 uova, sostanzialmente uno per ogni porzione. Ciò dovrebbe rassicurare chi crede che la presenza delle uova incida dal punto di vista calorico. A tal proposito le uova vantano una portata calorica inferiore a quanto suggerisce l’immaginario collettivo.

Un uovo contiene, infatti, solo 80 kcal. Il pericolo, invece, proviene dal contenuto di colesterolo, che non è affatto trascurabile. Ciononostante, sarebbe un peccato rinunciare alle uova, anche perché si rilevano degli alimenti preziosi per la salute.

In primis perché sono ricche di vitamina E, che svolge un ruolo antiossidante e quindi benefico per l’organismo. Contengono anche quantità non trascurabili di vitamina D, che potenzia il sistema immunitario. Ottimo è poi l’apporto di sali minerali, e in particolare di zinco, in grado di impattare positivamente sulle difese immunitarie. Infine le uova sono ricche di lectina, una sostanza abbastanza rara che aiutano l’apparato cardiovascolare a conservare una certa elasticità.

Ecco la ricetta dei cremini fritti:

Ingredienti per 4 persone:

  • 250 ml. di latte intero consentito,
  • 4 tuorli d’uovo,
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
  • 70 gr. di zucchero semolato,
  • 20 gr. di amido di tapioca o amido di mais,
  • 20 gr. di farina di riso impalpabile,
  • scorza di un limone,
  • q. b. di pangrattato consentito,
  • q. b. di olio di girasole o olio di semi,
  • 1 uovo,
  • q. b. di zucchero a velo.

Preparazione:

Per la preparazione dei cremini fritti iniziate scaldando il latte in un pentolino, poi aggiungete la scorza di limone. In una pentola a parte versate le uova, unite lo zucchero semolato e mescolate per bene con la frusta. Ora aggiungete la farina, la vaniglia, l’amido e continuate a mescolare bene la crema per eliminare i grumi. Dovreste ottenere un impasto denso e uniforme.

Poi versate a filo il latte caldo, dopo aver eliminato le scorza di limone. Continuate a mescolare con la frusta e cuocete per circa 6 minuti, dopo che sarà diventata densa. Mi raccomando, dovete evitare che la crema bruci.

Versate la crema pasticcera su un piano di lavoro cosparso di farina, livellatela con una spatola e formate un rettangolo. Copritela con la pellicola alimentare e lasciate raffreddare completamente. Ricavate dei bocconcini di crema di circa 2 cm di lato. Versate su un piatto il pangrattato e su un altro un uovo sbattuto.

Passate i cubetti di crema prima nel pangrattato, poi nell’uovo e nuovamente nel pangrattato. Ripetete il procedimento per creare una doppia panatura. Riscaldate abbondante olio in una pentola e friggete i cremini.

Una volta dorati, prelevateli con la schiumarola e fateli asciugare su della carta assorbente. Devono essere asciutti. Guarnite con un po’ di zucchero a velo e servite.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...

mousse alla verbena

Mousse alla verbena, un dolce dai sapori insoliti

Mousse alla verbena con composta, un dolce al crumble La mousse alla verbena con composta di mirtilli è un’idea simpatica per un dessert diverso dal solito e in grado di stupire gli ospiti. Di...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti