Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato
Commenti: 0 - Stampa

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito

Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica che coniuga dolce e salato. In effetti la lista degli ingredienti cerca di replicare questa combinazione. Tuttavia, si tratta di un tortino, dunque si caratterizza per la presenza di un impasto. Esso, in realtà, è molto semplice da realizzare, anche perché non è molto diverso da qualsiasi altro impasto per dolci o per pane. Non si tratta comunque di una ricetta granché calorica, dal momento che i grassi aggiunti non vanno oltre i due cucchiai di olio d’oliva.

Persino il prosciutto crudo da questo punto di vista non pone in essere grandi preoccupazioni. Certo, è abbastanza calorico, ma è sufficiente privarlo del grasso per ottenere una preparazione di carne nutriente e adeguatamente leggera. Inoltre, è falsa la convinzione secondo cui il prosciutto crudo, in quanto salume, faccia male a prescindere. Nitriti e nitrati sono presenti, ma in misura equilibrata. In ogni caso, è l’abuso a fare il danno e non il consumo in sé. Va detto, infine, che il prosciutto crudo è un’ottima fonte di proteine, e in quanto tale meritevole di apprezzamento. In occasione di questa ricetta, il prosciutto crudo va ridotto a dadini e inserito direttamente nell’impasto.

Perché abbiamo usato il melone disidratato?

Il tortino con prosciutto e melone disidratato è realizzato con un ingrediente particolare, che certamente non fa parte dell’alimentazione quotidiana, ossia il melone disidratato. In particolare, mi riferisco al melone disidratato di Vitaina, un brand italiano, leader nella disidratazione di prodotti ortofrutticoli, tutti rigorosamente biologici. Si caratterizza per una selezione certosina degli ingredienti, lavorati al giusto grado di maturazione e per l’impiego di pratiche il più possibile vicine al concetto di artigianalità. Inoltre, Vitaina rinuncia completamente all’utilizzo di additivi e conservanti. L’offerta è molto ampia e consta di svariati frutti, sia esotici che mediterranei, sia dolci che aciduli.

Tortino con prosciutto e melone disidratato

 

Perché proprio il melone? In un certo senso, ho già risposto a questa domanda. Lo scopo è replicare l’abbinamento del prosciutto e del melone, ma facendolo sotto forma di tortino; proprio per questo ho inserito gli ingredienti direttamente nell’impasto. Da questo punto di vista la variante disidratata è davvero l’ideale, vista la sua consistenza e la totale mancanza di acqua, che creerebbe alcuni problemi all’impasto. Inoltre, la frutta disidratata determina una gradevole sensazione al palato.

Le speciali farine di questo tortino

Un’altra peculiarità di questo tortino con prosciutto e melone disidratato è la presenza di farine alternative, come quella di piselli e di cocco. Entrambe hanno il pregio di non contenere il glutine, sicché possono essere consumate senza alcun timore dai celiaci e da chi manifesta problemi nell’assorbimento del glutine. Inoltre propongono un sapore diverso, tendente al dolciastro (la farina di cocco più di quella di piselli). Infine, entrambe si caratterizzano per un indice glicemico molto basso, una buona notizia per i diabetici e per chi sta sostenendo diete dimagranti.

La farina di piselli è naturalmente senza glutine, è una buona fonte di fibre ed è un’aggiunta eccellente per zuppe, salse e prodotti da forno. In più, offre significativi benefici per la salute. Per cominciare, è ricca di proteine, vanta di possedere un antiossidante importante come la luteina ed è una fonte di minerali essenziali come magnesio, fosforo e potassio. Vi dico che potete utilizzarla in tante ricette originali e divertenti, dovrete solo sfogare la vostra creatività e sperimentare il più possibile.

Ovviamente le farine in questione presentano delle tipicità. Quella di piselli si caratterizza per una elevata concentrazione di fibre, che fungono da toccasana per l’apparato digerente. Inoltre, è particolarmente ricca di sali minerali. La farina di cocco, invece, pur non difettando in fibre, si distingue per una concentrazione sui generis di vitamina C. Essa è addirittura maggiore rispetto alle arance, che sono i frutti meglio accreditati da questo punto di vista. In quanto ad apporto calorico, però, la farina di cocco è leggermente superiore a quella dei piselli. Per la precisione siamo sulle 350 kcal rispetto alle 320 della farina di piselli.

Ecco la ricetta del tortino con prosciutto e melone disidratato:

Ingredienti:

  • 100 gr. di farina di piselli,
  • 100 gr. di farina di cocco,
  • 2 cucchiai olio,
  • 3 uova intere,
  • 150 ml. di acqua,
  • 1 cucchiaino bicarbonato,
  • 120 gr. di prosciutto crudo in un fetta sola,
  • 20 gr. di melone disidratato Vitaina,
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo,
  • 1 pizzico sale.

Preparazione:

Per la preparazione del tortino con prosciutto e melone disidratato iniziate ammollando il melone per reidratarlo. Poi tagliate la fetta di prosciutto in modo da ricavare dei cubetti. Ora separate i tuorli dagli albumi, mantenendo le uova a temperatura ambiente. Infine montate gli albumi a neve ferma. Setacciate le farine e ponete i tre tuorli al centro, poi aggiungete l’olio, una soluzione di acqua (100 ml) con bicarbonato e un po’ di sale. I restanti 50 ml di acqua metteteli da parte nel caso servissero in seguito.

Ora mescolate il tutto con un cucchiaio di legno fino a raggiungere una completa amalgama. Poi unite gli albumi montati e continuate a lavorare il tutto con dei movimenti delicati dal basso verso l’alto. Ora unite il melone e il prosciutto. A questo punto, se l’impasto risulta troppo asciutto, integratelo con un po’ di acqua messa da parte; infine formate un panetto. Stendete il panetto in una teglia rivestita di carta da forno e date una bella sventagliata di semi di sesamo. Cuocete al forno per 40 minuti a 180 gradi. Una volta pronto, fate intiepidire il tortino su una gratella prima di servirlo.

5/5 (417 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


07-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti