Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini
Commenti: 0 - Stampa

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero

La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta di un primo a base di pasta, che contiene ingredienti ittici diversi dai calamari, ossia il merluzzo. Il termine “calamarata”, infatti, fa riferimento a un formato di pasta, che ricorda i calamari affettati. Per l’occasione vi consiglio di utilizzare la Pasta Calamarata Irollo. Si tratta di una pasta senza glutine, dunque adatta ai celiaci e a chi soffre di intolleranze alimentari legate a questa sostanza.

Il prodotto è gluten-free in quanto realizzato con farine alternative. Per la precisione farina di mais bianco, di mais standard e di riso. Le farine di mais sono ricche di sali minerali e apportano anche vitamina D, molto rara e fondamentale per il sistema immunitario. La farina di riso è apprezzata per la sua leggerezza, per il carico di vitamine e di amido; inoltre è anche povera di grassi. In generale, la Pasta Calamarata Irollo si fa apprezzare per la genuinità, per il sapore equilibrato e per la versatilità. Tutto ciò è la testimonianza della capacità del pastificio Irollo di mettere a disposizione prodotti di qualità, che intercettano e anticipano i desideri dei clienti.

Le proprietà organolettiche e nutrizionali del carciofo

Tra gli ingredienti principali di questa calamarata con merluzzo e datterini spicca il carciofo. Potete optare sia per i carciofi freschi che per quelli surgelati. Se scegliete la prima opzione, però, abbiate cura di immergerli in acqua e limone, un accorgimento necessario affinché non si anneriscano. In occasione della calamarata, i carciofi andrebbero rosolati in un leggero soffritto a base di aglio, per poi essere cotti con l’aggiunta di acqua fredda. Successivamente, nella medesima padella, si aggiungono gli altri ingredienti, fino a formare il condimento della pasta. L’ultima fase prevede il “salto” della pasta in padella.

Calamarata con merluzzo e datterini

La presenza dei carciofi è giustificata dal loro potere nutrizionale e organolettico, che si esprime al meglio in compagnia di ingredienti dal sapore tenue. Sono una vera miniera di vitamina C, che non fa rimpiangere i più accreditati agrumi. Sono straordinariamente ricchi di potassio, una sostanza che incide sulle performance del sistema vascolare. Si segnalano anche buone dosi di fosforo, magnesio, ferro, calcio, zinco e selenio. L’apporto calorico dei carciofi è molto basso, infatti un etto ben pulito si aggira sulle 40 kcal.

Tutta la bontà dei pomodori datterini

Anche i pomodori datterini giocano un ruolo importante in questa calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, addirittura più importanti di quanto non farebbe la salsa al pomodoro, che come è noto ha un potere coprente. I datterini insaporiscono senza interferire con gli altri sapori. Ci riescono in virtù dei sentori gradevoli ora dolci e ora aciduli. I datterini sono una specie di pomodori particolari anche dal punto di vista nutrizionale. Sono ottimi per l’abbondanza della già citata vitamina C, ma anche per l’apporto notevole di vitamina K, una sostanza che regola la densità del sangue, prevenendo i coaguli.

Dei datterini si apprezza anche il buon contenuto di potassio e di fosforo. Quest’ultima sostanza è presente solo in un numero ristretto di alimenti vegetali. I datterini sono anche ricchi di antiossidanti, e in particolarmente di luteina. Questa sostanza riduce lo stress ossidativo, limita gli effetti dei radicali liberi e aiuta a prevenire il cancro. L’apporto calorico dei datterini, come quello di altre varietà di pomodori, è trascurabile. In occasione di questa ricetta, i datterini vanno semplicemente lavati, tagliati in due e inseriti in padella dopo i carciofi.

Il merluzzo, un pesce davvero pregiato

Oltre alla pasta, il vero protagonista di questa calamarata è il merluzzo. Stiamo parlando di uno dei pesci più pregiati e preziosi, benché sia molto reperibile e acquistabile a prezzi abbordabili. Si caratterizza non solo per il sapore inconfondibile, ma anche per le proprietà nutrizionali straordinarie. Il riferimento è all’apporto proteico, che è pari al 18% del totale, una percentuale che ricorda le più accreditate carni rosse. Stesso discorso per le vitamine, infatti contiene la vitamina D, che come abbiamo visto fa molto bene al sistema immunitario. Buono è anche l’apporto di sali minerali, e in particolare di fosforo, che potenzia le facoltà cognitive.

Il merluzzo contiene pochi grassi, che sono comunque benefici. Il riferimento è agli acidi grassi omega tre, che impattano positivamente sul cuore, sugli organi visivi e sul sistema nervoso centrale. Di conseguenza l’apporto calorico è contenuto, pari a 80 kcal per 100 grammi. In occasione di questa ricetta il merluzzo va infarinato, cotto in padella, ridotto a pezzettini e aggiunto agli altri condimenti della ricetta.

Ecco la ricetta della calamarata con merluzzo, carciofi e datterini:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di Pasta Calamarata Irollo,
  • 4 filetti di cuore di merluzzo,
  • 3 cuori di carciofi puliti freschi o surgelati,
  • 200 gr. di pomodorini datterini,
  • 15 olive nere leccino o taggiasche snocciolate,
  • 2 cucchiai di capperi,
  • q. b. di sale, pepe e origano fresco,
  • 1 spicchio di aglio,
  • q. b. di farina di riso,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Per la preparazione della calamarata con merluzzo e datterini iniziate immergendo i cuori dei carciofi in una soluzione di acqua e limone per evitare che si anneriscano. Ovviamente procedete con questa operazione solo se avete optato per i carciofi freschi. Ora cuocete la pasta in acqua moderatamente salata, rispettando il minutaggio suggerito sulla confezione. Intanto cospargete di farina i cuori di merluzzo e cuoceteli in padella fino a quando non avranno acquisito una bella doratura. Poi prelevateli e metteteli da parte.

Scaldate un po’ di olio in una padella, imbionditeci lo spicchio d’aglio e rosolate i carciofi. Integrate un po’ di acqua fredda e cuocete per 5-7 minuti. Ora pulite i datterini e tagliateli in due, poi aggiungeteli ai carciofi quando la cottura è terminata. Infine regolate con un po’ di sale e di pepe. Dopo tre minuti unite anche le olive, i capperi e i merluzzi (precedentemente cotti e fatti a pezzetti). Saltate nella padella la pasta ben scolata e condite con origano fresco. Infine mescolate il tutto per bene e servite.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti