Polpette di riso e verdure, deliziosi pezzi di rosticceria

Polpette di riso e verdure
Commenti: 0 - Stampa

Polpette di riso e verdure, delle polpette diverse

Le polpette di riso e verdure rappresentano un modo diverso di intendere le polpette e, più in generale, la rosticceria. La ricetta è infatti frutto di una scelta degli ingredienti che non lascia nulla al caso, anzi intende porre in essere abbinamenti particolari, ma comunque azzeccati. Il riferimento è in particolar modo la presenza del riso, che, se escludiamo alcune preparazioni tipiche siciliane come gli arancini, non è certamente tra gli ingredienti più utilizzati nella rosticceria. Ad ogni modo, consiglio di utilizzare il rio Carnaroli.

Questa varietà è in genere associata ai risotti, tuttavia può offrire molto anche in preparazioni come questa. Il motivo è semplice, ossia tiene molto bene la cottura e assorbe ottimamente i liquidi, una caratteristica fondamentale in una ricetta che rischia di risultare un po’ troppo asciutta. Tra l’altro, il Carnaroli è anche uno dei risi più nutrienti in assoluto, in quanto apporta in maniera equilibrata carboidrati, vitamine e sali minerali. Persino le proteine, sostanza in genere rara nel riso, sono presenti in una misura tutt’altro che trascurabile. Il consiglio, comunque, è di prestare molta attenzione alla cottura. Di base, è sufficiente una semplice lessatura, purché “arricchita” da un filo d’olio, da inserire nell’ acqua di cottura. Un accorgimento necessario per evitare che il riso rilasci troppo in fretta l’amido e si attacchi alle pareti della pentola.

Tutto l’aroma del timo

Il timo gioca un ruolo molto importante nella ricetta delle polpette di riso e verdure. Interviene direttamente nella preparazione dell’impasto, a cui conferisce una certa profondità organolettica e un aroma davvero spiccato. Il timo è una delle erbe aromatiche più apprezzate in virtù della sua reperibilità, della sua versatilità e soprattutto per il contributo che apporta sotto il profilo del gusto. Tra l’altro, esistono varie tipologie di timo, ma in questo caso vi consiglio di utilizzare o il timo vulgaris (quello silvestre) o il timo cedrato. Ovviamente non esagerate con le dosi, perché si tratta pur sempre di una spezia e quindi in grado di coprire gli altri sapori.

Polpette di riso e verdure

Il timo si caratterizza anche per le ottime proprietà nutrizionali, che sfociano quasi nel terapeutico. Infatti, oltre che per il consueto carico di vitamine e sali minerali, il timo si distingue per la funzione digestiva e carminativa. Come tante altre erbe aromatiche, esercita una funzione antisettica, in grado di contribuire a risolvere stati patologici quali infezioni e infiammazioni. Infine, si caratterizza per le proprietà balsamiche e fluidificanti.

Le proprietà nutrizionali dei pomodorini

I pomodorini non sono un abituè delle polpette di riso e verdure, anzi sono piuttosto rari in questo genere di preparazione. Tuttavia, il consiglio è di non rinunciare a questo interessante ortaggio (in realtà è un frutto), anche perché è in grado di conferire un gradevole sentore acidulo alle polpette. Il consiglio è di tagliarli a fette sottili in modo che possano amalgamarsi alla perfezione con gli altri ingredienti dell’impasto. Allo stesso modo dei pomodori, i pomodorini vantano alcune proprietà nutrizionali davvero importanti. Il riferimento è alla presenza di antiossidanti e in particolar modo del licopene, sostanza che contribuisce alla neutralizzazione dei radicali liberi e aiuta a prevenire il cancro.

I pomodorini, inoltre, sono ricchi di vitamina A, vitamina C, potassio e altri sali minerali fondamentali per la salute. Inoltre, i pomodorini contengono molte fibre, che contribuiscono a risolvere alcune problematiche intestinali. L’apporto calorico è molto basso, e si attesta sulle 30 kcal per 100 grammi. Un altro consiglio è quello di non abusare dei pomodori, anche perché potrebbero causare un’eccessiva acidità. Ad ogni modo, non correte alcun rischio con questa ricetta, in quanto le dosi sono ben calibrate.

Le polpette sono per antonomasia una soluzione pratica e gustosa per riciclare gli avanzi che da un po’ di tempo sono di gran moda nei ristoranti di tutto il mondo. Durante il mio viaggio in Svezia ho scoperto che sono il piatto nazionale e le fanno in tantissimi modi. Anche negli Stati Uniti i meatballs spaghetti simboleggiano la tradizione gastronomica italo-americana. In ogni parte del mondo le trovi preparate con gli ingredienti più disparati. Altro che cibo povero! Le polpette si prestano a moltissime combinazioni di sapori, si possono reinventare a ogni stagione, secondo quello che si ha nel frigo e si servono come antipasto, secondo o insieme a pasta, minestre e verdure.

Ecco la ricetta delle polpette di riso e verdure:

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 gr. di riso Carnaroli,
  • 1 cipollotto,
  • 2 zucchine,
  • 10-12 pomodorini maturi,
  • 1 uovo,
  • 1 rametto di timo,
  • 50 g di parmigiano reggiano grattugiato,
  • 30 gr. di pane grattugiato consentito,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle polpette di riso e verdure iniziate bollendo il riso in acqua poco salata, condita con un cucchiaino d’olio per non far attaccare il riso. Poi sbucciate le verdure e lavatele. Infine, riducete il cipollotto a fette sottili e fate a cubetti sia le zucchine che i pomodorini. Dopo averlo lavato e asciugato, realizzate un trito con il timo.

Imbiondite il cipollotto in un tegame con olio extravergine d’oliva, poi aggiungete le zucchine e mescolate costantemente per 2 o 3 minuti. Aggiungete i pomodorini e aggiustate di sale e pepe. Dopo cinque minuti, spegnete il fuoco. Ora scolate il riso e versatelo nel tegame, aggiungendo il parmigiano e il timo ben sminuzzato. Mescolate per bene il tutto fino ad ottenere una specie di impasto con cui formerete delle polpettine. Cospargetele di pangrattato e adagiatele su una teglia rivestita con carta forno. Cuocete al forno per circa 25 minuti a 180 gradi (forno preriscaldato). A metà cottura, girate le polpettine.

5/5 (417 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è un piatto della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-05-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti