bg header
logo_print

Insalata di sorgo e mandorle, un piatto tutta salute

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Insalata di sorgo e mandorle
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 02 ore 10 min
cottura
Cottura: 00 ore 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.9/5 (10 Recensioni)

L’insalata di sorgo con mandorle e olive è una sapiente scelta di ingredienti, perfetta per chi cerca un piatto gustoso e nutriente. Il sorgo, un cereale antico e versatile, si combina magistralmente con il croccante delle mandorle e il sapore deciso delle olive, creando un’armonia di gusti e consistenze.

Il sorgo, una volta cotto, assume una consistenza morbida ma soda, simile al riso, ma con un sapore più ricco e nutriente. Le mandorle, tostate per esaltarne il sapore, aggiungono croccantezza e un tocco di eleganza. Le olive, con il loro gusto forte e leggermente salato, bilanciano il piatto, offrendo un contrasto intrigante con la dolcezza naturale del sorgo.

Questa insalata può essere arricchita con un’ampia varietà di ingredienti a seconda delle preferenze personali o della stagione. Aggiungere pomodorini freschi, cetrioli o erbe aromatiche come il basilico o la menta, può trasformare questo piatto in un vero e proprio viaggio gastronomico.

Servita fresca, l’insalata di sorgo con mandorle e olive si rivela ideale per un pranzo estivo o come contorno innovativo e saporito. È anche un’ottima scelta per chi segue una dieta vegetariana o vegana, fornendo un buon apporto di proteine vegetali, fibre e grassi salutari.

L’insalata di sorgo con mandorle e olive non è solo un piacere per il palato, ma rappresenta anche un’iniezione di benessere e vitalità, grazie alla sua combinazione di ingredienti sani e gustosi.

Ricetta insalata di sorgo

Preparazione insalata di sorgo

Per la preparazione dell’insalata di sorgo con mandorle e olive iniziate lavando con cura il sorgo e immergendolo in acqua per circa due ore. Poi scolate per bene il sorgo e bollitelo in acqua leggermente salata per 20-30 minuti. Ora lavate i pomodorini e fateli a spicchi, poi uniteli all’origano e frullateli per bene. Infine, regolate con un po’ di sale. Realizzate un trito grossolano con le olive e le mandorle, conservandone un po’ per le fasi successive. Adagiate sui piatti il sorgo, il sugo di pomodori e il trito di mandorle e olive.

Infine, mescolate con cura e regolate di sale e pepe. Prima di servire, guarnite con pochissimo olio e le mandorle precedentemente messe da parte. Buon appetito!

Ingredienti insalata di sorgo

  • 320 gr. di sorgo decorticato
  • 12 pomodorini
  • 40 gr. di filetti di mandorle
  • un rametto di origano
  • 60 gr. di olive taggiasche denocciolate
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale e pepe.

Insalata di sorgo con mandorle e olive, sapiente scelta di ingredienti

L’insalata di sorgo con mandorle e olive è un primo piatto che punta su sentori rustici e sulla capacità di coniugare leggerezza e forza nutrizionale. E’ sufficiente dare un’occhiata alla lista degli ingredienti per capirlo. Sono presenti il sorgo, che è uno dei cereali più antichi e allo stesso tempo nutrienti in assoluto, ma anche i pomodorini, le mandorle e le olive taggiasche. I condimenti sono semplici ma efficaci, infatti troviamo l’insostituibile olio extravergine di oliva, un po’ di sale e un po’ di pepe. Il procedimento è semplice e alla portata di tutti, anche di chi si approccia alla ricetta da principiante. Si tratta di cuocere il sorgo (che va precedentemente ammollato) e di unirlo a un delicato sughetto di pomodorini e origano. Il tutto è valorizzato da un trito di mandorle e olive, e guarnito con filetti interi di mandorle.

Quest’ultimo passaggio conferisce un’interessante grana alla pietanza, che coniuga morbidezza e croccantezza. Vorrei comunque soffermarmi sul sorgo, che merita in effetti tutta la vostra considerazione. E’ davvero un cereale speciale, e non solo per il gusto. Vanta, infatti, eccellenti proprietà nutrizionali. Il riferimento è all’abbondanza di fibre, che come sicuramente già saprete contribuisce a risolvere problemi di stipsi e regolarizza il transito intestinale. Il sorgo è anche ricco di aminoacidi essenziali, che fanno molto bene all’organismo. Inoltre, come molti cereali “antichi”, contiene un’ampia quantità di proteine, in media il 40% rispetto alla classica farina doppio zero. Infine, è del tutto privo di glutine, dunque può essere consumato senza timore dagli intolleranti a questa sostanza e dai celiaci. Per quanto concerne l’apporto calorico, si comporta meglio rispetto alla maggior parte delle farine, infatti un etto di sorgo contiene 320 kcal.

Tutta la bontà di queste deliziose olive taggiasche

Uno degli ingredienti che incide maggiormente sull’insalata di sorgo con mandorle è l’oliva taggiasca. Essa si presenta con una forma spiccatamente sferica, dimensioni piuttosto contenute e un colore che varia dal verde scuro al nero. Le olive taggiasche spiccano soprattutto per le proprietà nutrizionali, che risultano addirittura più apprezzabili rispetto alle altre varietà di olive. Il riferimento è soprattutto agli acidi grassi omega tre e omega sei, che proteggono l’apparato cardiovascolare, concorrono a ridurre il colesterolo cattivo e supportano le funzioni cognitive.

Insalata di sorgo e mandorle

Analogamente, le olive taggiasche contengono molti antiossidanti, che esercitano un’importante funzione di prevenzione rispetto a molti tumori. Ovviamente, anche le olive taggiasche possono essere discretamente caloriche, ma basta rispettare le dosi indicate nella ricetta per non avere problemi.

Le proprietà delle mandorle

Anche le mandorle giocano un ruolo importante nella ricetta dell’insalata di sorgo. Intervengono in due fasi distinte: nella fase di condimento del sorgo (quando vengono tritate insieme alle olive taggiasche) e nella fase di guarnizione finale. Le mandorle incidono parecchio sotto il profilo organolettico e allo stesso tempo conferiscono un’ulteriore forza nutrizionale al piatto. Infatti, le mandorle fanno bene alla salute, d’altronde sono ricche di vitamine e sali minerali, come la vitamina E, il magnesio e il fosforo. Ottimo è anche il contenuto di fibre, che rasenta il 13%.

Apportano anche alcuni grassi benefici, soprattutto per l’apparato cardiocircolatorio. Proprio questi grassi, però, fanno aumentare in maniera considerevole l’apporto calorico, un difetto della frutta secca in generale, presente anche nelle mandorle. Un etto di mandorle, nello specifico, apportano 600 kcal; dunque, benché salutari, non dovrebbero essere consumate in quantità eccessive. Le dosi che ho scelto per questa ricetta sono molto equilibrate, inoltre vi consiglio di tritarle con una grana simile al trito delle olive, in modo da restituire una sensazione di omogeneità.

Ricette con le mandorle ne abbiamo? Certo che si!

3.9/5 (10 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di ceci ed elicriso

Insalata di ceci ed elicriso, un piatto raffinato...

I ceci, dei legumi perfetti Vale la pena parlare dei ceci, che insieme all’elicriso sono i protagonisti di questa deliziosa insalata. Potremmo definire i ceci come dei legumi perfetti, infatti...

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...

Bowl con capesante

Bowl con capesante, come valorizzare il celebre mollusco

Le proprietà del riso venere Il riso gioca un ruolo di fondamentale importanza per la bowl con capesante, infatti funge da base e allo stesso tempo da fonte di carboidrati. Il consiglio è di...