La dolcezza del croccante alle mandorle

croccante alle mandorle
Stampa

Un buon croccante alle mandorle è proprio quello che ci vuole!

Il croccante alle mandorle è sinonimo di Natale, ma in realtà è un buonissimo dolce che può essere gustato in tutte le stagioni, da solo o per arricchire altri dolci. Infatti, piace agli adulti e ai bambini, ed è l’ideale a merenda in qualunque giornata.

Ovviamente, la tradizione conta, ma fino a un certo punto… Perciò, perché non assaporarlo ogni volta che vogliamo? Se poi lo sappiamo preparare con le nostre mani, diventa ancora più delizioso e genuino. Detto questo, parliamone un altro po’… e poi passiamo alle modalità di preparazione!

L’ingrediente principale del nostro croccante

Naturalmente, stiamo parlando della deliziosa mandorla. Quest’ultima fa parte della frutta secca ed è una delle più energetiche in quanto molto ricche di oli e grassi sani, ovvero quelli che fanno bene al cuore e al sistema cardiovascolare in generale (una qualità molto apprezzata della nocciola è quella di riuscire ad abbassare il colesterolo cattivo LDL nelle arterie). Oggi è molto usata per preparare dolci e varie leccornie come anche molte creme, ma non dobbiamo dimenticarci che presenta molte proprietà nutrizionali e terapeutiche che vanno ben oltre la semplice bontà dell’alimento.

croccante alle mandorle

Infatti, il protagonista della nostra ricetta del croccante alle mandorle contiene molta vitamina E, ottima alleata della pelle, e una notevole quantità di fitosteroli, che contribuiscono anch’essi a mantenere sano il cuore e i vasi sanguigni. Contiene inoltre elevati livelli di aminoacidi essenziali, di vitamine B6, B9, B1 e di minerali quali ferro, rame, calcio e manganese.

Quindi, le mandorle sono rimineralizzanti e ricostituenti, utili dopo una degenza o uno sforzo fisico, oppure anche quando siamo solamente giù di tono fisicamente e mentalmente. Sono buone persino come antiossidanti, in quanto contrastano i radicali liberi, e contrastano bene persino la glicemia alta del diabete, il consiglio comunque è di non esagerare nel loro consumo per le troppe calorie che contengono.

Adesso assaporiamo il croccante alle mandorle…

Tante buone notizie, non è vero? Le mandorle sono davvero un toccasana per l’organismo e una delizia per il palato. Perciò, è davvero importante di non dimenticarci di mangiarle, per poi ritrovarci a gustarle solo durante il periodo di Natale!

Preparare il croccante alle mandorle, perfetto anche per le feste e le occasioni speciali, è decisamente un modo molto goloso per portare in tavola questo alimento ogni volta che vogliamo. Ovviamente, a maggior ragione in questo caso non dobbiamo esagerare, ma condividere questo dolce con le persone che amiamo sarà la miglior soluzione per non abbondare con le porzioni.

Ingredienti  per 4/5 croccanti

  • 100 g di mandorle pelate
  • 100 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiaio di succo di mandarino

Preparazione

Tostate le mandorle, e decidete voi se preferite farle a pezzi o lasciarle intere. Spremete e filtrate il succo di mandarino.

Stendete la carta forno e fissatela al piano di lavoro con del nastro adesivo

Mettete lo zucchero e il succo di mandarino (filtrato) in una padella che sia poi in grado di ospitare anche le mandorle. Fatelo sciogliere a fuoco dolcissimo, smuovendolo appena con la punta del cucchiaio. Quando avrà preso un bel color caramello, toglietelo subito dal fuoco, aggiungete le mandorle, e mescolate bene.

Rovesciate immediatamente il croccante sulla carta forno, e stendetelo allo spessore di 1 cm aiutandovi con il cucchiaio.

Lasciatelo raffreddare, prima di farlo a pezzi o impacchettarlo come dono. Dura tranquillamente  1 mese.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-02-2015
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti