Trifle, il dolce al cucchiaio della tradizione irlandese

Trifle
Stampa

Cos’è il trifle e quali sono le sue caratteristiche

Il trifle è un dolce al cucchiaio irlandese goloso e bello da vedere, inoltre è semplicissimo da realizzare e velocissimo da finire. Questa specialità della pasticceria d’Irlanda conquista proprio tutti, tanto da essere considerato uno dei dolci tipici da preparare per festeggiare San Patrizio. Pan di Spagna, crema pasticcera e fragole sono gli ingredienti principali per preparare questo bocconcino delizioso, che regala davvero un viaggio virtuale per tutta l’Irlanda.

Del trifle ne esistono tantissime versioni perché, di fatto, ognuno può farcire la base con le proprie creme preferite. Non solo, anche la bagna realizzata per il pan di Spagna può essere alcolica oppure preparata con i succhi di frutta, a seconda dei gusti.

Tutta la magia della festa di San Patrizio

Il Saint Patrick’s day è la Festa irlandese che viene celebrata il 17 marzo, è molto sentita dagli irlandesi che, in questo giorno, sentono in modo ancor più marcato il senso di appartenenza alla propria patria. E per i festeggiamenti, anche la cucina tradizionale deve fare la sua parte. Il giorno di San Patrizio, infatti, è un’occasione per preparare pranzi e cene succulenti in cui, di certo, non può mancare il dolce.

Trifle

Ed il trifle si presta benissimo per chiudere in bellezza la giornata, visto il suo gusto ed il suo aspetto soffice e cremoso. Viene preparato in comode monoporzioni che si presentano molto bene e garantiscono uno strabiliante effetto sorpresa. Anche se è una delle specialità per il giorno più importante per l’Irlanda, nulla toglie che il trifle possa essere preparato anche per tutto il resto dell’anno. Infatti, si può sfruttare la frutta fresca di stagione e scegliere come bagnare il pan di Spagna, insomma si tratta di un dolce al cucchiaio perfetto per ogni occasione.

Il ruolo della fragola nella ricetta del trifle

Dolce, genuino ed amatissimo, il trifle è la gioia di grandi e piccini e regala un sapore inconfondibile. Una cucchiaiata tira l’altra ed ogni boccone permette di fare il pieno di gusto e di felicità.  La ricetta che vi propongo è pensata per tutta la famiglia, è completamente analcolica e viene preparata con il solo succo di frutta, che contribuisce a rendere questo dolce fresco e saporito. Le fragole vengono lasciate macerare e, in più, viene aggiunto il succo di limone che bilancia perfettamente il sapore dolce dello zucchero. Il termine “trifle” deriva da un antico termine francese “trufle” con il quale si indicava “una sciocchezza” o qualsiasi cosa considerata poco importante.

Se l’Irlanda vanta la maternità sulla ricetta, è anche vero che subisce in cucina la concorrenza dell’Inghilterra che propone una versione alcolica del trifle, realizzata con una bagna a base di sherry. Il trifle, con crema pasticcera e fragole, unisce perfettamente i sapori con il pan di Spagna e va consumato rigorosamente freddo. Quindi, dopo averlo realizzato, sarà opportuno lasciarlo riposare per qualche ora in frigorifero in modo che tutti gli aromi ed i gusti si amalgamino al meglio per ottimizzare la riuscita di questo dessert made in Ireland.

Ecco la ricetta del trifle:

Ingredienti:

Per la crema pasticcera:

  • 250 gr. di latte intero consentito,
  • 50 gr. di uova,
  • 100 gr. di zucchero semolato,
  • 15 gr. di amido di riso,
  • 15 gr. di maizena,
  • 1 cucchiaio di crema di vaniglia,
  • 1 limone.

Per la composizione:

  • 300 gr. di fragole,
  • 40 gr. di zucchero,
  • 10 cl. di succo di limone.

Preparazione:

Per la preparazione del trifle iniziate preparando il pan di Spagna secondo la ricetta che trovate qui su Nonnapaperina.it. Lavate e sbucciate le fragole, poi fatele a pezzi piccoli e posizionatele in una pentola. Versate lo zucchero e il succo di limone. Poi portate la fiamma ad una media intensità e lasciate andare per 10 minuti circa. Ora preparate la crema pasticcera, inserite in un pentolino il latte, la bacca di vaniglia (a cui avete applicato un taglio verticale) e la scorza di limone. Accendete la fiamma e portate allo stato di ebollizione.

Intanto versate in una ciotola le uova, lo zucchero e gli amidi che avete a disposizione, poi sbattete con decisione. Versateci il latte bollente e mescolate con cura, evitando la formazione dei grumi. Portate a ebollizione questo nuovo composto, poi spegnete il fuoco immediatamente e fate raffreddare. Tagliate il pan di Spagna a cubetti e posizionatene un po’ dentro a ciascun bicchiere, a mo’ di base. Versate un po’ di succo di fragola sul pan di Spagna, aggiungete qualche pezzo di frutta e a seguire la crema pasticciera. Concludete con la panna montata e qualche pezzo di fragola a mo’ di decorazione.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti