bg header

Treccine dolci con mele cotogne e noci

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Treccine con mele cotogne giapponesi

Treccine dolci con confettura di mele cotogne e noci pecan

Le treccine dolci di sfoglia ripiene sono dei dolci che vanno oltre i canoni della pasticceria nostrana. Il motivo è facilmente intuibile dal nome, e va rintracciato proprio nella lista degli ingredienti. Essa comprende, appunto, le mele cotogne e le noci pecan, due alimenti piuttosto rari nelle ricette italiane. Ingredienti, però, capaci di conferire a queste “treccine” un’identità spiccata e una personalità tale da farsi apprezzare da tutti i palati. Senza contare le proprietà nutrizionali, che sono più che soddisfacenti.

Il procedimento non è molto complicato, e rievoca quello degli altri dolci a forma di treccia. Certo, è necessaria un po’ di manualità per intrecciare le strisce di pasta sfoglia, a tal proposito avete ampio margine di discrezione. Potete scegliere la pasta sfoglia che preferite. Se siete intolleranti al glutine o celiaci, non abbiate timore di acquistare una pasta sfoglia gluten-free, dal momento è buona almeno quanto quella standard.

I benefici delle noci pecan

Le noci pecan, utilizzate nelle nostre treccine dolci senza glutine con confettura di mele cotogne e noci, garantiscono corpo al ripieno e regalano una gradevole sensazione al palato. Vanno semplicemente tritate e adagiate sulla confettura, a sua volta adagiata sulla sfoglia. Molti di voi conosceranno già le noci pecan, anche perché sono andate incontro a una certa diffusione negli ultimi anni, travalicando i confini di Messico e Stati Uniti.

La noce pecan è una frutta secca che ha molto in comune con la nostra noce, soprattutto per la forma, anche se la noce pecan appare più liscia e un po’ più chiara. Di contro, si caratterizzano per una più elevata concentrazioni di grassi che aumenta l’apporto calorico, infatti 100 grammi di prodotto apportano ben 750 kcal. Tuttavia, è sufficiente optare per dosi equilibrate per non avere problemi con la propria forma fisica.

Treccine con mele cotogne giapponesi

Per il resto, stiamo parlando di un alimento ricco di sostanze preziose. Il riferimento è soprattutto agli acidi grassi omega tre e omega sei, che risultano davvero abbondanti. Ottimo, per varietà e quantità, è il contenuto di sali minerali, e soprattutto di fosforo, calcio, zinco manganese e selenio.

Quest’ultimo, va ricordato, esercita una funzione antiossidante, che contribuisce a prevenire il cancro. Per quanto concerne le vitamine, si segnalano buone concentrazioni della vitamina A, della C e di alcune vitamine del gruppo B. Le noci pecan, infine, sono ricche di acidi oleici, che agiscono a protezione dell’apparato cardiocircolatorio abbassando i livelli di colesterolo cattivo.

Il valore nutrizionale delle mele cotogne giapponesi

Il vero elemento di rottura di queste treccine risiede nella confettura di mele cotogne giapponesi. Per quanto il nome ricordi quello delle nostre mele cotogne, si differenziano da queste ultime per molti aspetti. Le differenze si notano a partire dall’albero in cui si sviluppano, che è molto piccolo, bello a vedersi e con uno stile ornamentale. I frutti sono molto piccoli, coriacei e leggermente astringenti, non a caso sono scarsamente adatti al consumo a crudo. Di contro, sono ottimi previa cottura o se vengono trasformati in confettura.

I Cotogni giapponesi conosciuti anche come Fior di pesco, sono arbusti originari dell Asia orientale. Eppure, il Ministero, su proposta della regione Abruzzo, ha riconosciuto la confettura di mele cotogne come Prodotto agroalimentare tipico. La mela cotogna è un frutto che viene utilizzato per la preparazione di confetture, gelatine, mostarde, distillati e liquori.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, le mele cotogne si difendono molto bene. In particolare, proprio come tante altre varietà di mele, sono ricche di vitamina C e potassio. Sono anche ricche di antiossidanti, specie nella buccia e di quercetina, una sostanza che sostiene il sistema immunitario. Per quanto concerne l’apporto calorico, esso è leggermente inferiore a quello delle altre varietà di mele, nonostante abbia una percentuale di zuccheri (fruttosio) che sfiora il 13%.

Ricetta treccine di sfoglia ripiene:

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita
  • 100 gr. di noci pecan,
  • 1 uovo,
  • 2 o 3 cucchiai di zucchero semolato,
  • q. b. di confettura di mele cotogne giapponesi.

Preparazione:

Per la preparazione delle treccine con confettura di mele cotogne giapponesi iniziate realizzando un trito grossolano con le noci. Poi stendete la pasta sfoglia e dividetela in quattro rettangoli. Spalmateci la confettura al centro, infine distribuite omogeneamente le noci.

Applicate dei tagli orizzontali sui bordi dei quadrati di pasta sfoglia, che dovranno essere privi di condimento. Intrecciate le strisce e chiudete il tutto, avendo cura di coprire il ripieno. Trasferite le treccine in una teglia ricoperta da carta forno , spennellate la superficie con l’ uovo sbattuto e cuocete per 25 minuti a 200 gradi, o almeno fino a quando si saranno dorate. Se volete, potete servire con una bella sventagliata di zucchero semolato .

3.4/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...

logo_print