Riso saltato con mele annurca, un primo agrodolce

Riso saltato con mele annurca
Commenti: 0 - Stampa

Riso saltato con mele annurca, una sofisticata combinazione di sapori

Il riso saltato con mele annurca non è il classico risotto, anzi non lo si può nemmeno definire tale. Il procedimento è infatti abbastanza insolito e pensato per valorizzare i condimenti, a loro volta impegnati in abbinamenti assai suggestivi. D’altronde, stiamo parlando di un piatto di riso e mele, che punta decisamente all’agrodolce. Ciononostante, è anche molto versatile e in grado di farsi apprezzare da tutti i palati. Per quanto concerne la varietà del riso, invece, la ricetta suggerisce il riso rosso. Si tratta di un riso particolare, radicalmente diverso da quello a cui siamo abituati.

Il riso rosso è tale in quanto ricco di antiossidanti, in particolare di antocianine. Oltre al colore, le antocianine contribuiscono alla buona salute dell’organismo in quanto riducono gli effetti dei radicali liberi, stimolano la corretta riproduzione cellulare e aiutano a prevenire alcuni tipi di tumori. Di base il riso rosso è sempre integrale, dunque è anche ricco di fibre. La sua particolarità risiede nel tempo di cottura, che è piuttosto lungo, infatti sono necessari almeno 15 minuti solo per cuocerlo al dente. Il gusto è piuttosto rustico, ma in un certo senso anche aromatico. Per quanto concerne l’apporto calorico, siamo su livelli paragonabili alle altre varietà di riso, forse di poco inferiori.

Tutta la raffinatezza delle mele annurca bio

Il pregio del riso saltato con mele annurca è la capacità di fornire un sapore agrodolce, ma allo stesso tempo apprezzabile da tutti i palati. Il merito va principalmente all’ingrediente responsabile dell’agrodolce, ossia alla mela annurca. Questa varietà di mela si caratterizza, infatti, per un sapore zuccherino, equilibrato e solo leggermente acidulo. La consistenza della sua polpa le consente di sopportare abbastanza bene anche le elevate temperature, infatti è succosa, saporita e anche croccante.

Riso saltato con mele annurca

La mela Annurca è una varietà speciale, infatti è una delle poche mele originarie del sud Italia, e in particolare della Campania. Esternamente si presenta di dimensioni assai contenute, ma con un bel colore rosso vivo, accarezzato da delicate sfumature gialle o arancioni. Dal punto di vista nutrizionale, comunque, si pone sullo stesso livello delle altre mele, infatti è ricca di vitamina C, di potassio, di quercetina e di altri antiossidanti. Nello specifico di questa preparazione la mela annurca compare nella fase finale dove viene fatta saltare per un paio di minuti.

Il contributo del peperone giallo

Anche il peperone giallo viene inserito in fase di guarnizione, per un tempo sufficiente a cuocere e spargere i suoi aromi. Il peperone giallo è una gradevole presenza, anche perché è veramente in grado di aggiungere una certa profondità di sapori. Il riso saltato con mele annurca è un caleidoscopio di sapori anche grazie al peperone giallo.

Tra l’altro, è anche un ortaggio salutare in quanto contiene tanta vitamina C (più degli agrumi) e potassio. I pregiudizi sulla sua scarsa digeribilità sono solo tali in quanto è sufficiente sbucciarli per eliminare il problema alla radice. Anche perché sono veramente ipocalorici, infatti un etto di peperoni gialli apporta solo 27 kcal. Dunque, possono essere inseriti a pieno titolo nelle diete dimagranti.

Ecco la ricetta del riso saltato con mele annurca:

Ingredienti per 4 persone:

  • 280 gr. di riso rosso,
  • 3 mele annurca bio,
  • 2 porri,
  • 2 carote,
  • 4 cucchiai di piselli,
  • qualche pezzo di peperone giallo sott’aceto,
  • 3 cucchiaini di curry,
  • qualche fogliolina di menta,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione del riso saltato con mele annurca iniziate sgranando i piselli e passandoli sotto abbondante acqua corrente. Versate in una pentola dell’acqua e montate il cestello in modo che non tocchi l’acqua. Fate bollire e mettete i piselli, poi coprite con il coperchio e fate andare a fiamma moderata per 5 minuti. Prima di spegnere il fuoco assaggiate i piselli, in quanto il tempo di cottura dipende dalla varietà. Poi estraete il cestello e fateli intiepidire.

Ora pulite il porro, poi lavatelo e fatelo a fette sottili. Passate alle carote, lavatele, sbucciatele e fatele a dadini. Lavate anche le mele e tagliatele a dadini senza eliminare la buccia. Infine, cuocete il riso in acqua bollente poco salata per circa 15-20 minuti. Riscaldate dell’olio in una padella antiaderente e fateci appassire prima i porri e poi le carote. Mentre le verdure si cuociono, mescolate per bene e dopo 10 minuti aggiungete le mele. Dopo 2 minuti aggiungete il riso al dente ben scolato, i peperoni, i piselli e un po’ di curry diluito in 3 cucchiai di acqua calda. Concludete saltando il tutto per un paio di minuti e guarnite con qualche foglia di menta.

5/5 (405 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

cock a leekie

Cock a leekie, la zuppa di pollo della...

Cock a leekie, un pasto completo e squisito Il cock a leekie è un piatto tipico della cucina scozzese. Si tratta di una cucina che è capace di regalare degli spunti interessanti, diversi da quelli...

Vellutata di finocchi e gamberi

Vellutata di finocchi e gamberi, una crema insolita

Vellutata di finocchi e gamberi, un abbinamento davvero unico La vellutata di finocchi e gamberi è un primo piatto tra il raffinato e il rustico. Si caratterizza non solo per una texture...

fagottini ripieni con carne di gallina

Insoliti fagottini ripieni con carne di gallina e...

Fagottini ripieni, un primo antispreco. I fagottini ripieni con carne di gallina e Grana Padano sono un primo piatto molto particolare. A prima vista, e anche al primo assaggio, appaiono come una...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Gnocchetti tricolore con stracchino

Sfiziosi Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante

Gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante, una meravigliosa sinfonia di sapori Gli gnocchetti con stracchino e prosciutto croccante sono un primo piatto molto particolare. In primis perché...

Maccheroncini di Campofilone al ragu

Maccheroncini di Campofilone al ragù, un primo gustoso

Maccheroncini di Campofilone al ragù, quando la semplicità incontra il gusto I maccheroncini di Campofilone al ragù sono un classico della cucina marchigiana e, per la precisione, del comune di...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti