Patate con alloro, un contorno aromatico

Patate con alloro
Stampa

Patate con alloro, una ricetta semplice e gustosa

Le patate con alloro sono un contorno che fa della semplicità il suo punto di forza. D’altronde si tratta solo di cuocere al forno delle patate preventivamente arricchite con l’alloro. La ricetta, comunque, nasconde un paio di idee creative in grado di incidere tanto sulla resa organolettica del condimento quanto sul suo aspetto. Il riferimento è alla preparazione, infatti l’alloro non viene appoggiato semplicemente sulla superficie delle patate, ma viene inserito all’interno. Si applicano alla patate dei tagli profondi per corto, in modo da creare una specie di intercapedine senza però produrre delle fette. Il taglio deve essere profondo, ma non completo.

A questo punto, si posizionano le foglie di alloro dentro gli spazi così creati e si cuoce il tutto al forno, arricchendo le patate con un po’ di burro. A proposito di burro, vi consiglio di utilizzare il burro chiarificato in quanto si caratterizza per la totale assenza della caseina, e quindi per una spiccata resistenza alle elevate temperature. Il burro chiarificato è un ottimo alimento di supporto e sostituisce in parte il nostro olio. Inoltre, ha un sapore più delicato che valorizza gli altri ingredienti senza coprirli, come invece potrebbe avvenire per il burro standard.

Quali patate sono più indicate?

La domanda sorge spontanea: quale varietà di patate utilizzare in questa ricetta? A disposizione ce ne sono tante, e le varietà presenti in Italia sono davvero numerose. Ebbene, in questo caso vi consiglio le patate a pasta gialla. Esse, infatti, si caratterizzano per una consistenza molto più soda, che permette di resistere ottimamente alle elevate temperature, nonché alle cotture prolungate. Non è un caso che siano la varietà di elezione per le classiche patate al forno. Le patate bianche, invece, sono molto più morbide e farinose, quindi adatte più alla preparazione di puree e di ripieni che per contorni. Per quanto riguarda le patate a pasta gialla, sono caratterizzate da proprietà paragonabili alle altre varietà di patate.

Patate con alloro

In primis va sfatato il mito secondo cui le patate facciano ingrassare. Tale pregiudizio è dovuto principalmente ai metodi di cottura più frequentemente adottati, che prevedono l’uso abbondante di olio (vedi frittura) o altri grassi aggiunti. Inoltre, le patate a pasta gialla sono rilevanti per il contenuto di carboidrati. Non è un caso che questo tubero sia stato l’ingrediente principale della dieta delle civiltà precolombiane del sud America (un po’ come è stato il pane per le popolazioni occidentali). La presenza di carboidrati, però, non è l’unico tratto rilevante delle patate a pasta gialla. A modo loro, sono ricche di vitamine e sali minerali, il riferimento è al potassio, alla vitamina A e alla vitamina C. Per quanto concerne l’apporto calorico, invece, siamo sulle 86 kcal per 100 grammi.

Il contributo dell’alloro

La presenza dell’alloro impatta sul profilo organolettico di questo contorno di patate. Si tratta, infatti, di una specie vegetale dotata di un sapore molto spiccato, che è in grado di valorizzare gli ingredienti con cui viene accompagnato. In questo caso è in grado di esaltare il gusto corposo delle patate, attenti, però, a non esagerare con le dosi. In teoria, andrebbe posizionata una foglia di alloro dentro ad ogni taglio effettuato sulla patata.

L’alloro si fa apprezzare per le ottime proprietà nutrizionali. Oltre al consueto carico di vitamine e sali minerali, vanno segnalati gli effetti rilassanti, a tal punto che molti ne fanno delle gustose tisane. L’alloro, però, è anche un antiparassitario, un digestivo, uno stimolante e un ipotensivo. Non mancano le proprietà antisettiche, anche se meno accentuate rispetto alle specie vegetali impiegate abitualmente con funzione di spezia.

Ecco la ricetta delle patate con alloro:

Ingredienti:

  • 6 patate medie,
  • 6 foglie di alloro,
  • 60 gr. di burro chiarificato,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle patate con alloro iniziate lavando le patate, poi applicate dei tagli paralleli per corto, senza però ricavare delle fette vere e proprie (non arrivate fino in fondo con il coltello).

Inserite tra un taglio e l’altro le foglie di alloro, poi aggiungete un po’ di pepe e un po’ di sale. Ora ungete di burro una teglia, trasferiteci le patate e cuocete al forno per 40 minuti a 160 gradi. Il contorno è pronto per essere gustato con le vostre preparazioni.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


10-01-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti