Casetta di pan di zenzero, un dolcetto quasi artistico

Casetta di pan di zenzero
Commenti: 0 - Stampa

Casetta di pan di zenzero, un dolce per la Befana

La casetta di pan di zenzero è un dolce davvero particolare. Per capirlo è sufficiente dare un’occhiata alla foto: si tratta, infatti, di una piccola opera d’arte, quasi un gadget, con l’unica differenza che questa “speciale” casetta è commestibile e anche molto buona! Io ne consiglio la preparazione in occasione di quelle ricorrenze che consentono un certo margine di creatività in cucina, come appunto la Festa della Befana.

La casetta è fatta, proprio come suggerisce il nome, con il pan di zenzero. Si tratta di un impasto davvero soffice e gustoso, realizzato certo con la farina ma arricchito da miele, di solito di acacia, e da varie spezie, tra cui spicca proprio lo zenzero. Il procedimento di solito non è complicato, ma per questa “casetta” vi servirà un po’ di manualità, anche perché dovrete realmente “costruire” un piccolo edificio con l’impasto!

Le meraviglie del miele di acacia

Tra gli ingredienti principali della casetta di pan di zenzero spicca il miele di acacia. Esso interviene nella fase dell’impasto, che tra l’altro vede il contributo di altri ingredienti, oltre alle farine. Si tratta di un miele molto particolare, che si distingue nettamente da quello che si acquista al supermercato, come anche dal molto diffuso millefiori. Il miele di acacia si ricava dal nettare prodotto dalla robinia, una pianta molto diffusa nel nord Italia.

Il miele di acacia spicca per la sua delicatezza. Il gusto è ottimo, degno del millefiori, ma è molto più delicato e quasi impalpabile. Questa caratteristica, se da un lato scoraggia il consumo a crudo, lo rende un ingrediente davvero importante per realizzare gli impasti. Come tutte le tipologie di miele, anche quello di acacia esercita funzioni depurative, disintossicanti, persino antibatteriche e blandamente antivirali.

Casetta di pan di zenzero

Le particolari farine della casetta di pan di zenzero

La casetta di pan di zenzero è realizzata con la farina di grano saraceno, che però viene integrata con quella di riso per consentire una migliore lievitazione. La farina di grano saraceno è una farina sana, molto nutriente e dal gusto assai particolare, che privilegia il sentore integrale. E’ praticamente un superfood in quanto offre una grande quantità di proteine (18%, quasi come la carne) e di sali minerali (in primis zinco, magnesio e selenio).

La farina di grano saraceno è anche una farina alla portata di tutti. Infatti, non contiene glutine, il ché la rende commestibile anche per chi soffre di intolleranza a questa sostanza o addirittura di celiachia. La farina di grano saraceno è inoltre poco calorica, in quanto la concentrazione di lipidi è davvero ridotta al minimo.

Ecco la ricetta della casetta di pan di zenzero

Ingredienti:

Per la frolla:

  • 100 gr. di miele di acacia;
  • 100 gr. di zucchero di canna;
  • 80 gr di burro di cocco;
  • 2 uova;
  • 160 gr. di farina di grano saraceno;
  • 140 gr. di farina di riso;
  • 60 gr. di amido di tapioca;
  • 40 gr. di amido di riso;
  • 3 cucchiaini di spezie (zenzero, cannella, noce moscata etc in polvere).

Per la ghiaccia:

  • 1 albume;
  • 250 gr. di zucchero a velo;
  • 3/4 gocce di succo di limone.

Preparazione:

Per la preparazione della casetta di pan di zenzero iniziate facendo sciogliere a fuoco basso il miele e lo zucchero in un pentolino, spegnete il fuoco, aggiungete il burro e mescolate per farlo sciogliere; infine fate raffreddare il tutto. Dopodiché aggiungete le uova (una per volta) e mescolate aiutandovi con la frusta. Aggiungete anche le farine e le spezie, mescolate con una spatola e infine inserite il composto su un piano e iniziate a impastare. Non appena l’impasto risulta ben omogeneo copritelo con una pellicola e fate riposare in frigo per mezz’ora.

Nel frattempo riscaldate il forno a 180 gradi e coprite due teglie con carta da forno. Prendete l’impasto dal frigo e stendetelo con un mattarello fino a quando non avrà acquisito uno spessore di 7 mm circa. Adagiate la pasta sulle sagome e ritagliate con un coltello a lama lunga, nel complesso create le 2 facciate della casa, le 2 pareti laterali, 2 rettangoli per il tetto e un rettangolo per la base. Cuocete le varie componenti per 10-12 minuti (sempre a 180 gradi). Nel frattempo occupatevi della ghiaccia: montate l’albume in una ciotola, aggiungete con gradualità lo zucchero a velo e il succo di limone; continuate a montare fino a quando non avrete ottenuto una glassa uniforme e liscia.

Dividete la glassa in due, in una parte applicare il colorante rosso, mentre lasciate l’altra parte così com’è. Con la carta forno formate due conetti e riempiteli con la glassa. Adesso componete il dolce. Ponete la base su una superficie (va bene la spianatoia), attaccate le “pareti” usando la glassa come se fosse colla. Fate riposare per un’ora ma nel mentre decorate la casetta. Potete sbizzarrirvi come meglio volete, io però ho utilizzato la ghiaccia per formare il sentiero e i confetti per lo spazio tutto intorno. Infine, “montate” il tetto: spennellate abbondante glassa in cima alle pareti e sistemate il pezzo di impasto che funge da tetto, sigillate il tutto con altra glassa e fate asciugare il dolce finito per 2 ore prima di servirlo.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Torta a strati della Befana

Torta a strati della Befana con caramelle

Auguriamoci buone feste con la torta a strati della befana! Questa torta a strati della befana è una meravigliosa ondata di zuccheri ed allegria. Già a vederla si scatena l’acquolina in bocca,...

Strudel della befana

Strudel della befana, quando la calza si fa...

Strudel della befana, un’idea simpatica per grandi e piccini Lo strudel della befana è un’idea creativa per festeggiare l’Epifania. E’ una pietanza riservata ai piccini, ovviamente, ma può...

Panna cotta con cardamomo e pere

Panna cotta con cardamomo e pere, un dolce...

Panna cotta con cardamomo, pere e cannella, un ottimo dessert La panna cotta con cardamomo, pere e cannella non è una panna cotta come le altre. Lo potete notare dalla foto, che rivela un impatto...

Cheesecake alla melagrana

Cheesecake alla melagrana, gusto e colore a tavola

Cheesecake alla melagrana, una rivisitazione del classico dolce anglosassone La cheesecake alla melagrana è una variante leggermente diversa della classica cheesecake, dolce di origine anglosassone...

Hamburger di zampone

Hamburger di zampone, Capodanno in stile street food

Hamburger di zampone, un’idea simpatica L'hamburger di zampone è un idea sfiziosa per un capodanno diverso dal solito. Potrebbe essere considerato come un piatto capace di coniugare la tradizione...

Bocconcini di polenta con cotechino

Bocconcini di polenta con cotechino, antipasto sfizioso

Bocconcini di polenta con cotechino, creatività e  tradizione I bocconcini di polenta con cotechino e lenticchie sono un’idea sfiziosa per un antipasto diverso dal solito. Il pane, utilizzato in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti