Panettone gastronomico al sapore di mare

Panettone gastronomico al pesce
Stampa

Panettone gastronomico al sapore di mare, perché è così speciale

Già dal nome si intuisce che il panettone gastronomico al sapore di mare non è una ricetta come le altre. Infatti, si basa su un principio di contaminazione: il panettone, da dolce tipicamente natalizio, diventa l’ingrediente per un piatto salato e per tutte le occasioni. L’accostamento del termine “panettone” con il termine “pesce” potrebbe spaventare i più, o almeno far storcere il naso, ma in realtà si tratta di un abbinamento azzeccato. Il panettone, infatti, specie se arricchito da ingredienti “di base” salati come il formaggio cremoso, fa le veci del pane al burro, proponendo però sentori diversi associabili al dolce. Il risultato è apprezzabile da tutti i palati, persino quelli più amanti della tradizione.

Il panettone gastronomico al pesce, poi, è particolare anche per la forma. E’ un panettone vero e proprio, ovvero la sua composizione segue quella di tutti i panettoni farciti, con l’unica (enorme) differenza che in questo caso la farcitura è completamente salata. Tra l’altro, si segnala la presenza di ingredienti particolari, che solo di recente hanno iniziato a diffondersi anche in Italia, come il topinambur. Altri ingredienti particolari sono la bresaola di tonno, la crema di topinambur (per cui vi rimandiamo alla nostra ricetta) e la composta di cipolle di Tropea.

Il vero segreto del panettone gastronomico al sapore di mare

Il vero segreto del panettone gastronomico al pesce, però, non è l’ardito accostamento tra prodotti dolci e salati, e nemmeno l’abbondanza della farcitura, ma piuttosto è il latticino fresco alle erbe Exquisa. Nello specifico, va spalmato su alcuni strati del panettone, dunque funge da “letto” per gli altri ingredienti. E’ un prodotto squisito, che si fa apprezzare innanzitutto per il gusto delizioso e per la texture vellutata, che valorizza sia il latticino sia la componente delle spezie.

Panettone gastronomico al pesce

Si fa apprezzare, però, anche per le proprietà nutrizionali. Contiene, infatti, pochissimi grassi, almeno rispetto agli altri formaggi (appena il 14%), e una discreta quantità di proteine (pari al 7%). La quantità di sale è ridotta al minimo. L’apporto calorico è abbastanza ridotto, e supera di poco le 200 kcal per cento grammi, meno di qualsiasi altro latticino cremoso. Il latticino fresco alle erbe Exquisa, ovviamente, non contiene conservanti e nemmeno glutine.

Il topinambur, un tubero ancora poco conosciuto

Il topinambur è un tubero ancora non molto famoso, non nel contesto mediterraneo almeno, ecco perchè gli abbiamo voluto dare la giusta importanza nella nostra ricetta del panettone gastronomico al pesce. Viene spesso chiamato in causa nelle ricette bio, dunque potrebbe essere percepito come il solito alimento kitsch. E’ invece un alimento che vanta una lunga storia, che trae origine da un’alimentazione di tipo popolare. Il suo sapore assomiglia a quello delle patate ma è più delicato.

Soprattutto, può essere consumato anche crudo, per quanto – da cotto – rappresenti un ingrediente importante di alcuni piatti tipici della Francia e del Belgio, paesi dove è particolarmente diffuso. Il topinambur è un tubero dai tanti benefici. In primis è estremamente digeribile, ha un indice glicemico basso, è ricco di fibre e minerali. E’ una eccellente fonte di proteine e aiuta a combattere l’anemia. Garantisce, inoltre, la regolarità del transito intestinale ed è del tutto privo di glutine.

La ricetta della panettone gastronomico al sapore di mare:

Ingredienti:

  • 1 panettone gastronomico o 1 panettone consentito
  • 30 gr. di crema di pomodori secchi;
  • 20 gr. di acciughe;
  • 10 gr. di capperi;
  • 20 gr. di composta di cipolle di tropea;
  • 50 gr. di salmone affumicato;
  • 2 rametti di aneto;
  • 30 gr. di bresaola di tonno a pinne gialla;
  • 30 gr. di latticino fresco alle erbe Exquisa;
  • 20 gr. di crema di topinambur;
  • 10 gr. di crema di tartufo nero;
  • 30 gr. di pesce spada affumicato.

Per la crema di topinambur:

  • 150 gr. di topinambur;
  • 1 tazzina di latte intero consentito;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di olio extra vergine d’oliva;
  • 1 spicchio di aglio.

Preparazione:

Per la preparazione del panettone gastronomico al pesce iniziate dividendo il panettone in cinque parti uguali, tagliandolo per il senso del lungo. Farcite il primo strato applicando il latticino fresco alle erbe, e aggiungendo successivamente i capperi e le acciughe. Per quanto riguarda il secondo strato, invece, seguite questo procedimento: lavate e asciugate due rametti di aneto, spalmate la crema di pomodori secchi sulla fetta di panettone, adagiate il pesce spada affumicato e chiudete con l’aneto sminuzzato (mi raccomando, deve essere lavato accuratamente).

Il terzo strato, invece, farcitelo con la composta di cipolle di tropea, la bresaola di tonno e, di nuovo, l’aneto. Per farcire il quarto strato dovrete trattare il topinambur: lavatelo e pelatelo, poi tagliatelo a fette sottili e bollitelo per pochi minuti, infine fatelo rosolare per cinque minuti  in padella con un po’ di olio extravergine di oliva, aglio e sale. Una volta cotto, frullate il topinambur con una tazzina di latte, fino a ottenere una crema vellutata. Con questa crema farcite il quarto strato, adagiando successivamente il salmone affumicato. Farcite l’ultimo strato con la crema di tartufo nero e le fette di salmone affumicato che vi sono rimaste.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti