Medaglioni di sfoglia e cotechino, bocconcino gustoso

Medaglioni di sfoglia e cotechino
Commenti: 0 - Stampa

Tutta la bontà dei medaglioni di sfoglia e cotechino

I medaglioni di sfoglia e cotechino sono un secondo, o un pezzo di rosticceria, davvero gustoso, frutto di un’idea semplice ma sfiziosa. Si tratta, molto banalmente, di cuocere il cotechino a parte, in quanto richiede una cottura abbastanza lunga, ricavarne delle fette e avvolgere queste ultime in dischi di pasta sfoglia. Infine, i medaglioni così realizzati vanno cotti al forno per 15-20 minuti. Per inciso, possono essere consumati sia caldi che freddi, la resa al palato cambia ma è sempre molto gradevole.

I medaglioni di sfoglia e cotechino possono essere utilizzati come un secondo piatto. Ovviamente, il cotechino non è la carne più magra che possiate consumare, ma comunque le dosi consigliate per ciascun medaglione sono piuttosto ridotte. Allo stesso tempo, possono anche essere considerati come un antipasto corposo. Anzi, potreste servirli nella veste di classico antipasto gustoso, che rende molto e richiede poco sforzo nella preparazione. Come ho già accennato, la ricetta è davvero semplice e a prova di principiante. L’unico elemento di difficoltà è dato dalla cottura del cotechino, che si distingue per la sua durata. Ad ogni modo, è sufficiente bollirlo per 40 minuti o, in alternativa, seguire le indicazioni suggerite in confezione.

L’uovo, un alimento davvero prezioso

Tra i pochi (e semplici) ingredienti dei medaglioni di sfoglia e cotechino spicca anche l’uovo. Semplicemente, va sbattuto in una ciotola a parte e utilizzato per spennellare i medaglioni prima di procedere con la cottura al forno. Un trattamento, questo, che viene riservato spesso ai prodotti da forno, soprattutto quelli che prevedono la presenza della sfoglia. L’uovo “spennellato”, infatti, conferisce un aspetto migliore alla sfoglia, che appare più lucida, e allo stesso tempo ne migliora il sapore. Nondimeno, ne riduce la friabilità, donando un po’ più di struttura alla preparazione.

Medaglioni di sfoglia e cotechino

A prescindere da questo ruolo, l’uovo è comunque un alimento prezioso. Il riferimento è alle proprietà nutrizionali, che sono migliori di quanto si possa pensare. Innanzitutto, è una buona fonte di proteine, in quanto un singolo uovo contiene tra i 7 e i 9 grammi di questo importante elemento. Secondariamente è molto ricco di sali minerali, e in particolare di zinco e ferro. E’ vero, l’uovo contiene molti grassi, ma il 70% di questi è composto dalle lecitine, che giovano all’apparato cardiovascolare, conferendo maggiore elasticità alle arterie. Va detto, però, che contiene colesterolo, dunque il consiglio è di non esagerare con il consumo delle uova: 3 o 4 a settimana potrebbero andar bene.

Il cotechino fa ingrassare?

Alcuni di voi storceranno il naso di fronte a questi medaglioni di sfoglia e cotechino. Non per il procedimento in sé, che come abbiamo visto non impone grosse difficoltà, quanto per l’ingrediente principale, ossia il cotechino. Attorno ad esso, infatti, gravitano alcune credenze, la maggior parte delle quali lo pongono in cattiva luce. Per esempio, quella secondo cui farebbe male in quanto eccessivamente ricco di grassi. In effetti, il cotechino è uno dei tagli del maiale più grassi in assoluto, infatti un etto di prodotto contiene in media dai 18 ai 25 grammi di grassi. Tuttavia, se si sorvola su questo aspetto, il cotechino non è più dannoso rispetto alla carne in generale e agli insaccati in particolare.

La quantità di nitriti e nitrati, sostanze spesso messe sul banco degli imputati quando si parla di alimenti di questo tipo, non desta particolare preoccupazione. Per quanto concerne invece l’apporto calorico e la presenza di grassi, è sufficiente non abusare del prodotto, e consumarlo con prudenza (ciò vale per tutti gli alimenti grassi). Va detto, però, che il cotechino presenta anche alcune qualità, non ultimo l’apporto di proteine. Esso non ha nulla da invidiare agli altri tagli di carne, anzi è in media superiore come apporto proteico: il 23% di cotechino, infatti, è composto da proteine.

Ecco la ricetta dei medaglioni di sfoglia e cotechino:

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 500 gr. di cotechino,
  • 1-2 rotoli di sfoglia consentita,
  • 1 tuorlo d’uovo,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei medaglioni di sfoglia e cotechino iniziate cuocendo il cotechino in acqua bollente per 40 minuti. Prima, però, bucherellatelo in modo da cuocerlo uniformemente. Una volta pronto il cotechino, fatelo raffreddare per una decina di minuti, infine tagliatelo a fette dallo spessore di 1 centimetro. Ora adagiate la sfoglia sul piano di lavoro, poi ritagliate dei cerchi con un coppapasta o con una formina per dolci.

Il diametro dei ritagli deve essere superiore di 1-2 cm rispetto alle fette di cotechino. Salate leggermente le fette di cotechino, poi avvolgetele in 2 dischi di sfoglia chiudendoli per bene. Adagiate i dischi ripieni su una teglia coperta di carta da forno, poi cospargeteli con del tuorlo ben sbattuto, usando magari un pennello da cucina. Infine cuocete al forno per 15-20 minuti ad una temperatura di 200 gradi. Potete consumare i medaglioni sia caldi che freddi, sono ottimi in ogni caso.

5/5 (463 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...

Tramezzino con barbabietola

Sandwich con barbabietola, un pasto veloce e squisito

Sandwich con barbabietola, un meraviglioso incontro tra sapori Il sandwich con barbabietola può essere considerato uno spuntino delizioso, facile da preparare, nutriente e sano. E’ perfetto per i...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-01-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti