Uova poché su crema di barbabietola, piatto delicato

Uova poché su crema di barbabietole
Commenti: 0 - Stampa

Cosa sono le uova poché su crema di barbabietola?

Le uova poché su crema di barbabietola sono un piatto davvero speciale, dal sapore delicato, nutriente e poco grasso. Può essere considerato come un secondo molto leggero o come un antipasto molto corposo. La ricetta è abbastanza semplice: si tratta di porre delle uova pochè su un letto formato da una crema di yogurt e barbabietola. Le uova poché sono semplicemente le “nostre” uova in camicia, ma con l’aggiunta dell’aceto. Nello specifico, l’aceto va posto nell’acqua da bollire, in cui cuocere le uova.

Ovviamente, come sanno tutti coloro che si sono avventurati nella preparazione dell’uovo in camicia, il procedimento è un po’ complicato e richiede una certa manualità. Fare un uovo in camicia è alla portata di tutti, sia chiaro, farlo bene è diverso. Lo scopo è creare una soffice copertura di albume, bianca e sufficientemente cotta. Per questa ricetta consiglio l’aceto di vino bianco, in quanto è leggermente più acido, ma meno impegnativo a livello di sapore. Per quanto riguarda le spezie, basta semplicemente un po’ di maggiorana, da aggiungere a fine cottura. Ovviamente non mancano il sale e il pepe nero.

Il segreto delle uova poché su crema di barbabietola

Il segreto delle uova poché su crema di barbabietola non sta nell’aggiunta dell’aceto di vino bianco, e nemmeno nell’idea di aggiungere le uova in camicia al posto di un normalissimo uovo sodo, bensì in un ingrediente particolare: lo yogurt al naturale Più Bene di Ecor. E’ uno yogurt dalla texture cremosa, né dolce né salato (dunque utilizzabile per qualsiasi tipo di preparazione), leggero e gustoso. Viene frullato insieme alla barbabietola e ad altri ingredienti per formare una crema colorata, buona e dalla texture regolare, che farà da “letto” per le uova poché. Lo yogurt al naturale Più Bene è senza lattosio, dunque alla portata degli intolleranti a questa sostanza.

Uova poché su crema di barbietola

L’assenza di lattosio è ottenuta con un procedimento assolutamente naturale, che simula la reazione che avviene nell’intestino: la materia prima (il latte) viene sottoposta all’enzima lattasi, di cui gli intolleranti sono privi, in modo che il lattosio venga scisso in galattosio e glucosio. Questo procedimento, tra l’altro, non incide minimamente sul sapore. Lo yogurt al naturale Più Bene è la dimostrazione dell’attenzione che Ecor presta al tema dell’accessibilità, a tutto vantaggio degli intolleranti al lattosio (ma si registrano anche interessanti prodotti per i celiaci). Il tutto, in una prospettiva di valorizzazione del territorio, che privilegia l’aspetto biologico e coniuga il mangiar bene con il mangiar sano. La linea Più Bene si avvale della presenza di alimenti e preparazioni senza glutine, senza lattosio e altamente proteici.

Gli insospettabili benefici delle barbabietole

La barbabietola, utilizzata nella nostra ricetta delle uova poché, è un ortaggio molto diffuso ma sottostimato in quanto a benefici nutrizionali. E’ innanzitutto ricca di vitamine, e in particolare di quelle del gruppo B. Contiene anche molti sali minerali, e in particolare il potassio, il calcio, il ferro e il fosforo. L’apporto calorico è basso, per non dire quasi nullo: 100 grammi di prodotto offrono solo 19 kcal. L’unico difetto, dal punto di vista nutrizionale, è che contiene molti zuccheri, dunque potrebbe essere non adatta ai diabetici.

La barbabietola è ricca di fibre, dunque è una specie di toccasana per chi soffre di stipsi. E’ anche un alimento depurativo e disintossicante, viste l’elevata quantità di acqua (che rappresenta il 90% del totale). Inoltre ha un grande potere saziante, e per questo è indicata per le diete dimagranti. Una caratteristica che pochi sanno consiste nella discreta quantità di nitrato, questa sostanza agevola il flusso sanguigno e abbassa la pressione arteriosa. Dunque la barbabietola è un’amica dell’apparato cardiocircolatorio, oltre che della linea! In questa ricetta concorre a formare la crema su cui vengono adagiate le uova, in quanto va frullata insieme allo yogurt e ad altri ingredienti.

Ecco la ricetta delle uova poché su crema di barbabietola:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 uova;
  • 450 gr. di barbabietole cotte al vapore;
  • 1 rametto di maggiorana fresca;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva;
  • 1/2 bicchiere di yogurt al naturale Più Bene;
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco;
  • q. b. di sale;
  • q. b. di pepe nero.

Preparazione:

Per la preparazione delle uova poché iniziate prendendo un pentolino e facendo bollire l’acqua e l’aceto. Quando il bollore è al suo massimo, create un mulinello facendo ruotare il cucchiaio e versate l’uovo che avete precedentemente sgusciato. Ora abbassate la fiamma e continuate a ruotare il cucchiaio per mantenere il mulinello e far sì che l’albume possa ricoprire il tuorlo. Dopo tre minuti scolate l’uovo usando un mestolo forato e ripetete il procedimento con le altre tre uova. Poi realizzate una crema frullando le barbabietole con l’olio extravergine d’oliva, un po’ di pepe, sale e lo yogurt al naturale. Adagiate la crema sui quattro piatti di portata e mettete un uovo al centro su ogni piatto, infine decorate con qualche fogliolina di maggiorana e servite.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Saltimbocca alla romana

Saltimbocca alla romana, un piatto squisito

Saltimbocca alla romana, un classico della cucina capitolina I saltimbocca alla romana sono un secondo della tradizione capitolina. Sono una pietanza semplice, sufficientemente leggera e molto...

Petti di quaglia con uva rosata

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo...

Petti di quaglia con uva rosata, un secondo dagli abbinamenti suggestivi I petti di quaglia con uva rosata sono un secondo piatto che rompe gli schemi e stupisce sia per il gusto che per la...

Fritto di animelle di agnello e salvia

Fritto di animelle di agnello e salvia, una...

Fritto di animelle di agnello e salvia, un abbinamento azzeccato per una frittura squisita Il fritto di animelle di agnello e salvia è uno splendido esempio di frittura leggera. A giustificare...

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è una ricetta simbolo della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-11-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti