Tiramisù al melograno, una rivisitazione particolare

Tiramisu al melograno
Commenti: 0 - Stampa

Il tiramisù al melograno è una rivisitazione fantasiosa e sfiziosa del classico tiramisù, che viene considerato di fatto il dolce italiano per eccellenza. Il tiramisù si presta alle varianti più disparate, alcune delle quali stravolgono la ricetta, magari non nel procedimento ma piuttosto nella scelta degli ingredienti, come in questo caso. Il caffè, infatti, è sostituito dal succo di melograno, mentre la classica crema di mascarpone è sostituita da una crema di mascarpone al melograno.

Per quanto riguarda i savoiardi, questi vanno spezzettati prima di essere bagnati, in quanto questa è una variante che si consuma al bicchiere. Il cacao che in genere si appone in superficie è invece sostituito dalla granella di pistacchi. Il risultato è davvero stupefacente, sia in termini di gusto che di impatto visivo. Il tiramisù al melograno è un dessert buono da gustare e bello da vedere, il classico dessert con cui fare bella figura e stupire i commensali. La ricetta è piuttosto semplice, anche perché ricalca quella del tiramisù classico.

Il vero segreto del tiramisù al melograno

Il vero segreto del tiramisù al melograno, però, non è la scelta di sostituire il melograno al caffè, bensì il  mascarpone tradizione con quello delattosato. Ho scelto questo prodotto perché è del tutto privo di lattosio, quindi può essere consumato anche da chi soffre di intolleranza a questa sostanza, un disturbo incredibilmente diffuso in Italia e, in generale, in Occidente.

crema al mascarpone con melograno

I tanti pregi nutrizionali del melograno

L’altro protagonista di questo tiramisù è, ovviamente, il melograno. Anzi si può dire che il melograno “domini” questa ricetta. Sotto forma di succo, infatti, viene utilizzato sia per realizzare la bagna (in sostituzione del caffè), sia per realizzare il mascarpone. I chicchi, invece, vengono aggiunti alla fine per formare la copertura del dolce, e insieme alla granella di pistacchi sostituiscono il cacao. Il melograno è un frutto particolare, conosciuto da migliaia di anni, e molto consumato in Italia.

Al suo sapore velatamente esotico, si aggiunge una carica nutrizionale significativa. Il riferimento è in particolare all’abbondanza di oligoelementi quali il ferro, il potassio, lo zinco, il manganese, il rame, il fosforo, il magnesio, il sodio e il calcio. Il melograno contiene, poi, elevate concentrazioni di vitamine, e in particolare la C, la vitamina K e le vitamine del gruppo B. Questo frutto si caratterizza anche per una presenza variegata e abbondante di antiossidanti, che aiutano a combattere i radicali liberi e a prevenire l’insorgenza del tumore. Tra le proprietà del melograno si segnala la funzione antinfiammatoria e antibatterica, quella depurativa, come anche la capacità di proteggere e rafforzare il sistema immunitario.

Ecco la ricetta del tiramisù al melograno:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 confezione da 300 gr. di savoiardi consentiti;
  • 400 gr. di crema al mascarpone e melograno;
  • 150 ml. di succo di melograno;
  • 200 gr. di chicchi di melograno;
  • q. b. di granella di pistacchi.

Per la crema di mascarpone al melograno:

  • 250 gr. di mascarpone consentito;
  • 65 gr. di zucchero semolato;
  • 2 uova;
  • 50 ml. di succo fresco di melograno.

Preparazione:

Per realizzare il tiramisù al melograno iniziate con la preparazione della crema di mascarpone e melograno. Versate i tuorli in una ciotola insieme allo zucchero e montateli accuratamente utilizzando le fruste elettriche. In una ciotola a parte montate a neve gli albumi e in un’altra ciotola mescolate e amalgamate il mascarpone con il succo di melograno. Unite con estrema gradualità il mascarpone al composto di tuorli e zucchero, e sempre con estrema delicatezza e gradualità aggiungete anche gli albumi montati.

Mentre aggiungete gli albumi, mescolate usando una spatola e muovendo il composto dal basso verso l’alto. Poi lasciate riposare la crema appena realizzata in frigorifero per circa un’ora. Trascorso questo lasso di tempo, componete il tiramisù. Spezzettate i savoiardi e con un pennello inumiditeli con il succo di melograno (non immergeteli per evitare che si sfaldino). Sistemate i pezzi di savoiardi inumiditi nei bicchieri, poi versate uno strato di crema al mascarpone usando la sac à poche. Aggiungete un secondo strato di savoiardi e proseguite in questo modo fino a esaurire gli ingredienti.

Infine coprite il tutto con una pellicola e fate riposare in frigo per almeno due ore. Prima di servire, cospargete la superficie con i chicchi di melograno e date una sventagliata di granella di pistacchi a mo’ di decorazione. Un consiglio: se non avete a disposizione i savoiardi o semplicemente non vi piacciono, potete sostituirli con i resti del panettone o del pandoro, o persino con il pan di spagna e i pavesini.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pate di pernice rossa con polenta

Patè di pernice rossa con polenta, un ottimo...

Patè di pernice rossa su crostini di polenta, un antipasto gourmet Il patè di pernice rossa su crostini di polenta è una pietanza molto particolare. In primis, perché è realizzata con una carne...

Stella di Natale

Stella di Natale, il dolce perfetto per le...

Perché è così speciale il nostro dolce Stella di Natale? La Stella di Natale non è una torta come le altre. Lo potete notare già dalla foto e dalla sua forma particolare con un impatto visivo...

Cappone ripieno al tartufo

Cappone ripieno al tartufo, un secondo da ristorante

Perché il cappone ripieno al tartufo è così speciale? Il cappone ripieno al tartufo non è un secondo piatto come gli altri. Le ragioni per affermarlo sono numerose, in primis perché prevede...

Torta Albero di Natale

Torta Albero di Natale al profumo di menta

Torta Albero di Natale, un dessert al profumo di menta La nostra mente è sempre propensa alle festività ed eccoci a fantasticare su questa torta albero di Natale. Nessun simbolo potrà essere mai...

Spaghetti con bottarga di pesce

Spaghetti con bottarga di pesce per un cenone...

Spaghetti con bottarga di pesce spada, ingredienti di qualità per una ricetta semplice Gli spaghetti con bottarga di pesce spada rappresentano un primo piatto degno dei cenoni di Natale più...

Carrubine

Carrubine, il tipico dolcetto natalizio

Cosa sono le carrubine? Le carrubine sono dei dolcetti deliziosi, perfetti per ogni occasione ma indicati soprattutto a Natale, quando la voglia di dolci raggiunge il suo apice e ci si può...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-12-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti