Succo di olivello spinoso e zenzero, rinfrescante

succo di olivello spinoso e zenzero
Commenti: 0 - Stampa

Perché il succo di olivello spinoso e zenzero è così buono?

Il succo di olivello spinoso con lo zenzero è una bevanda rinfrescante dal sapore insolito, anche perché contiene ingredienti poco impiegati in questo genere di preparazioni, o che raramente si trovano in combinazione tra loro. Il riferimento è all’olivello spinoso, allo zenzero e al miele. In questo paragrafo vorrei soffermarmi sull’olivello spinoso, un alimento davvero particolare, molto diffuso ma poco consumato. Con questo termine, a dire il vero, si dovrebbe indicare solo la pianta, un arbusto che cresce in tutta la macchia mediterranea, quasi esclusivamente in modo selvatico. Tuttavia, il termine, per semplicità, sta a indicare anche i suoi frutti, ovvero delle bacche di piccole dimensioni e di colore arancione.

Le bacche di olivello spinoso hanno un sapore amarognolo, ma gradevole. Se raccolte al giusto grado di maturazione, sono anche discretamente succose e in grado di produrre una bevanda. L’olivello spinoso si difende molto bene dal punto di vista nutrizionale. E’ infatti ricco di vitamina C, ma anche A, E e P. E’ ricco di sali minerali come il calcio, il ferro, il fosforo, il magnesio e il potassio. Soprattutto contiene molti antiossidanti, tra cui spiccano i carotenoidi e i flavonoidi. L’olivello spinoso contiene anche molti grassi buoni, come gli omega tre e gli omega sei. E’ considerato un buon ricostituente, proprio per l’abbondanza di sali minerali e vitamine, e un discreto vasoprotettore. L’olivello spinoso è consumato raramente crudo, ma piuttosto viene impiegato nella produzione di succhi e sciroppi.

Tutti i pregi nutrizionali dello zenzero

Un altro ingrediente importante del succo di olivello spinoso è lo zenz­ero. Viene considerata una delle spezie più preziose, è anche tra le più diffuse. Ciò è dovuto al suo gusto inconfondibile ed alla sua grande versatilità, infatti viene utilizzato per le preparazioni salate quanto per quelle dolciarie, nonché per realizzare bevande (come in questo caso). Nella ricetta del succo di olivello spinoso, però, non si utilizza il classico zenzero in polvere, quello chi si acquista facilmente al supermercato, bensì il tubero vero e proprio. Nello specifico, esso viene tagliato a fette sottili (dopo essere opportunamente pelato) e frullato insieme alle bacche di olivello spinoso.

succo di olivello spinoso e zenzero

Lo zenzero aggiunge gusto, aroma e consistenza al succo. Dal punto di vista organolettico, infatti, vanta un’identità spiccata, come da tradizione per le spezie. Tuttavia, è importante anche per i suoi valori nutrizionali, che sfociano nel terapeutico. Per esempio, a riguardo dello zenzero sono note le proprietà digestive e antinfiammatorie. Anzi, è talmente efficace da riuscire a sostituire, in alcuni casi, anche i classici farmaci FANS, con tutti gli effetti collaterali che ne conseguono (soprattutto per la pressione). In genere lo zenzero esercita un impatto positivo sulle situazioni di sofferenza cronica, come quelle scaturite dall’artrite. Per il resto, apporta il consueto carico di vitamine, sali minerali e soprattutto fibre.

Il ruolo del miele in questa bevanda

Esatto, questa insolita ricetta del succo di olivello spinoso prevede anche l’impiego del miele. Anzi, esso ricopre una funzione fondamentale, in quanto conferisce equilibrio al sapore e una spiccata dolcezza. Infatti, sia lo zenzero che l’olivello spinoso spiccano per dei sentori forti, forse eccessivi se combinati assieme, in quest’ottica il miele contribuisce a restituire un po’ di dolcezza. Ma non è finita qui, a differenza del classico zucchero, il miele dona una certa consistenza e modifica anche il sapore. Anche il miele, a modo suo, vanta un’identità spiccata, inoltre fa bene alla salute, su questo non si possono avere dubbi.

Il riferimento è soprattutto al suo valore nutrizionale, infatti contiene molte vitamine e sali minerali. Il miele, poi, è ricco di fruttosio, una sostanza dolcificante ma che allo stesso tempo stimola la digestione. Del miele sono apprezzate, poi, le proprietà pseudo-terapeutiche, è, infatti, un formidabile antibatterico con funzione antibiotica. Ciò lo trasforma nel classico rimedio della donna in caso di raffreddore, tosse e mal di gola. Esistono varie tipologie di miele: quello di acacia dal il sapore più delicato e il millefiori dal sapore più intenso. Per questo genere di preparazioni consiglio il millefiori, che ha una maggiore possibilità di incidere sul gusto.

Ecco la ricetta del succo di olivello spinoso e zenzero:

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 gr. di bacche macinate,
  • 1 pezzettino di radice di zenzero,
  • 1 litro di acqua naturale,
  • 2 cucchiai di miele,
  • 1 cucchiaino di cannella,
  • 2 semi di anice stellato.

Preparazione:

Per la preparazione del succo di olivello spinoso iniziate sciacquando per bene le bacche sotto l’acqua corrente. Poi sbucciate lo zenzero e riducetelo a fette sottili. Versate le fette di zenzero e le bacche nel frullatore, poi frullate fino ad ottenere un succo dalla texture uniforme. Fate passare il succo così ottenuto attraverso un colino, affinché venga filtrato. Mi raccomando, il colino deve avere le maglie abbastanza sottili. Versate il succo così filtrato in una caraffa ed aggiungete l’anice stellato, la cannella, 2 cucchiai di miele e l’acqua naturale che avete a disposizione. Mescolate con cura il tutto e servite.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-09-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti